Ovada

Il comune ci riprova: in vendita l'ex fermata del tram

C'è tempo fino al 14 marzo per presentare un'offerta per lo stabile di piaza Castello. Si parte dalla cifra di 290 mila euro. L'assessore Pastorino: "Il mercato immobiliare che stenta può pesare"

 OVADA - Il valore di mercato (323 mila euro) inizialmente stimato dall’Agenzia delle Entrate non ha attirato potenziali acquirenti, come sperava Palazzo Delfino. E così, dallo scorso 21 dicembre, è tornata sul mercato, dopo che il primo bando è andato deserto, l’ex stazione tranviaria di piazza Castello a Ovada. La notizia, indirettamente, era già stata anticipata lo scorso ottobre, con l’approvazione di una modifica – al piano delle alienazioni, per abbassare la cifra del 10% – durante la seduta del consiglio comunale. Rispetto alla valutazione iniziale, il Comune di Ovada ha fissato in 290.700 euro la base d’asta per la nuova gara. Il bando resterà aperto – e pertanto sarà possibile presentare le offerte – fino alle ore 12.30 del 14 marzo dopodiché, il giorno seguente, alle ore 10.00, si apriranno le buste (segrete). Sarà lì che, confrontando gli importi con il prezzo a base d’asta, verrà assegnato  il maggiore rialzo. «Sappiamo che la situazione del mercato immobiliare è difficile e questo non ci ha aiutato nel corso del primo bando – spiega l’assessore al Bilancio, Giacomo Pastorino –. È chiaro che possa pesare anche sul secondo». Al momento nessuno si sbilancia su quante siano le reali possibilità di una vendita, particolarmente attesa proprio da Palazzo Delfino. E mentre le opposizioni restano decisamente scettiche su questo provvedimento («Se qualche anno fa – ha dichiarato il capogruppo di Patto per Ovada, Giorgio Bricola – si fosse ragionato su un nuovo regolamento sulle alienazioni, di sicuro adesso non ci sarebbero tutti questi problemi»), certe che il bando non andrà a buon fine, in Comune si ragiona sul da farsi nel caso in cui l’ex stazione dovesse passare in mani private. «Restiamo fermi nell’intenzione di alienare un edificio che, viste le condizioni, è problematico da gestire – dice Pastorino –. Quanto ricaveremo servirà a sistemare il resto del patrimonio: strade, marciapiedi e immobili».
5/01/2018







blog comments powered by Disqus


Mense: "critiche sulla quantità e qualità del servizio ". Ma è un periodo di "transizione"...

Alessandria | Il confronto con Cgil e Uil, i consiglieri comunali, l'amministrazione comunale e le aziende che operano nel servizio c'è stato in commissione consiliare. Dalla direttrice di esecuzione del Comune la conferma "di segnalazioni su quantità e qualità del servizio, o ritardo nella consegna pasti". Le iscrizioni sono in calo dell'11%. Ma dalle aziende rassicurazioni sul controllo e sull'attenzione per la "qualità degli alimenti e delle derrate"

Licenziamento senza un motivo, che tipo di indennizzo?

Economia e Lavoro | Cosa può fare un lavoratore quando viene licenziato senza un motivo, ovvero in caso di licenziamento illegittimo? Quali passi fare per opporsi al licenziamento e soprattutto ha diritto a un indennizzo?

Idee-are: idee di ricerca e innovazione

Fondazione SociAL | Il contributo massimo erogabile per ogni idea di ricerca selezionata e che si svilupperà in un progetto, è di 70.000 euro oneri fiscali inclusi. La presentazione delle proposte avverrà in due fasi. Nella prima fase, con scadenza alle ore 12 del 31 gennaio 2019

Il miele migliore? Per Aspromiele è ancora quello di Corrado e Gabriele

Novi Ligure | Medaglia d'oro al convegno annuale Aspromiele per il miele d'acacia di Corrado Cassano e Gabriele Masucco, che nel 2017 avevano vinto il primo premio assoluto. Premi anche per diversi apicoltori di Novi, Bosio, Castelletto, Fresonara, Gavi, Grondona, Molare, Pozzolo e Voltaggio

Terzo Valico, Toninelli annuncia: andrà avanti

Grandi opere | Il ministro per le Infrastrutture Danilo Toninelli il Terzo Valico “non può che andare avanti”. Un eventuale recesso costerebbe circa 1,2 miliardi di Euro, a fronte di 1.5 miliardi già spesi, su un costo compressivo di 6,2. “Sarebbe uno spreco di risorse pubbliche”. Ma avverte: binari devono arrivare fin dentro il porto di Genova e bisogna poi rendere pienamente operativo lo snodo retroportuale di Alessandria