Ovada

Il comune ci riprova: in vendita l'ex fermata del tram

C'è tempo fino al 14 marzo per presentare un'offerta per lo stabile di piaza Castello. Si parte dalla cifra di 290 mila euro. L'assessore Pastorino: "Il mercato immobiliare che stenta può pesare"

 OVADA - Il valore di mercato (323 mila euro) inizialmente stimato dall’Agenzia delle Entrate non ha attirato potenziali acquirenti, come sperava Palazzo Delfino. E così, dallo scorso 21 dicembre, è tornata sul mercato, dopo che il primo bando è andato deserto, l’ex stazione tranviaria di piazza Castello a Ovada. La notizia, indirettamente, era già stata anticipata lo scorso ottobre, con l’approvazione di una modifica – al piano delle alienazioni, per abbassare la cifra del 10% – durante la seduta del consiglio comunale. Rispetto alla valutazione iniziale, il Comune di Ovada ha fissato in 290.700 euro la base d’asta per la nuova gara. Il bando resterà aperto – e pertanto sarà possibile presentare le offerte – fino alle ore 12.30 del 14 marzo dopodiché, il giorno seguente, alle ore 10.00, si apriranno le buste (segrete). Sarà lì che, confrontando gli importi con il prezzo a base d’asta, verrà assegnato  il maggiore rialzo. «Sappiamo che la situazione del mercato immobiliare è difficile e questo non ci ha aiutato nel corso del primo bando – spiega l’assessore al Bilancio, Giacomo Pastorino –. È chiaro che possa pesare anche sul secondo». Al momento nessuno si sbilancia su quante siano le reali possibilità di una vendita, particolarmente attesa proprio da Palazzo Delfino. E mentre le opposizioni restano decisamente scettiche su questo provvedimento («Se qualche anno fa – ha dichiarato il capogruppo di Patto per Ovada, Giorgio Bricola – si fosse ragionato su un nuovo regolamento sulle alienazioni, di sicuro adesso non ci sarebbero tutti questi problemi»), certe che il bando non andrà a buon fine, in Comune si ragiona sul da farsi nel caso in cui l’ex stazione dovesse passare in mani private. «Restiamo fermi nell’intenzione di alienare un edificio che, viste le condizioni, è problematico da gestire – dice Pastorino –. Quanto ricaveremo servirà a sistemare il resto del patrimonio: strade, marciapiedi e immobili».
5/01/2018







blog comments powered by Disqus


Koster, Solero Scarl e Euroimpresa: “noi sciacalli? La nostra è l'unica proposta che può salvare Aral, creditori e lavoratori”

Alessandria | Le tre ditte creditrici di Aral si “difendono” dalle accuse di “sciacalli” per le azioni di pignoramento messe in atto e spiegano la loro proposta “impattante e inusuale” ma che è l'unica che può salvare Aral, i creditori e anche tutti i posti di lavoro con una "conversione tra quote e capitale“. Mentre l'offerta di affitto di ramo d'azienda è “antieconomica” con perdite da 100 mila euro al mese e senza speranza per i creditori di recuperare il 50%

“Aral non paga il fornitore, da mesi 17 lavoratori senza stipendio”

Alessandria | Sciopero e presidio dei lavoratori di Ressia Trasporti e Rst, fornitori di Aral: “da almeno due mesi non ricevono lo stipendio, hanno crediti non saldati per centinaia di migliaia di euro nei confronti di Aral”

"Integrazione" tra Azienda Ospedaliera e Asl Al "per offrire servizi migliori e rispondere alle esigenze"

Economia e Lavoro | L'allineamento di vedute dei due nuovi direttori di Azienda Ospedaliera, Giacomo Centini, e Asl Al, Antonio Brambilla passa attraverso la parola e l'azione di "integrazione" tra le due realtà. Una integrazione che deve portare a supportare l'alta specialità in tutte le realtà locali, attraverso la digitalizzazione, la riduzione di tempi nelle liste di attesa. Ma che deve passare anche attraverso una “riorganizzazione” che stimoli e aiuti a “ fare rete”

Basta morti sul lavoro, sindacati e Prefettura pensano ad un protocollo

Provincia | Un centinaio i manifestanti dei sindacati Cgil, Cisl e Uil davanti alla Prefettura di Alessandria in occasione dello sciopero di quattro ore proclamato per chiedere misure di sicurezza sui luoghi di lavoro. Quattro gli incidenti da inizio anno in Provincia. L'ultimo alla Sli di Vignole dove ha perso la vita un giovane di 22 anni

Il “caso” Kme discusso davanti al ministero dello Sviluppo Economico

Lavoro | Sindacati e azienda sono stati convocati il prossimo 22 giugno dal ministero dello Sviluppo Economico per esaminare il piano industriale sul futuro del gruppo industriale in Italia. I sindacati chiedono garanzie sugli ammortizzatori sociali