San Salvatore Monferrato

Il Comune di San Salvatore mette all'asta il 'Centro tennis'

"E' l’unica strada per garantire un futuro a quest’area, bisognosa di investimenti strategici ed economici". Per il fabbricato e gli impianti la base d'asta è di 140 mila euro. Il termine per la presentazione delle offerte scade il 31 gennaio 2018

SAN SALVATORE MONFERRATO - Dopo alcuni tentativi da parte della precedente Amministrazione di cederlo in concessione per trent’anni, il Comune di San Salvatore ha deciso che la messa in vendita del 'Centro tennis' è l’unica strada per garantire un futuro a quest’area, bisognosa di investimenti strategici ed economici.

"L’obiettivo - fa saoere l'attuale amministrazione - è individuare un acquirente privato che possa garantire la piena valorizzazione creando maggiori sinergie fra la parte impiantistica (campi da gioco) e quella dei servizi (locale ristoro). L’area, anche in mano ai futuri proprietari, resterà vincolata a centro sportivo e ogni scelta strategica dovrà assecondare la vocazione di questo luogo che da oltre quarant’anni è il punto di riferimento per i sansalvatoresi (e non solo) appassionati di sport e di tennis in particoalre".

Edificato nella seconda metà degli anni ‘70, il centro tennis ha vissuto momenti di grande popolarità, contando numerosi iscritti al club tennistico, all’associazione “Bocce” e una fedele clientela al locale pizzeria, ancora molto frequentato. Il centro gode di una posizione privilegiata prossima al centro storico e al centro natatorio 'Le piscine', non lontana dalla ex strada statale, una delle “porte” di San Salvatore.

"Il centro - si legge nel comunicato dell'amministrazione comunale - comprende due campi da tennis in terra rossa e relative tribune, un campo da tennis con rivestimento in sintetico su fondo in asfalto, un campo per il basket con fondo in asfalto, due campi da bocce e un campo per il calcetto. Possiede inoltre un ampio parcheggio, un’area gioco bimbi, una vasta area verde e la possibilità di ampliare l’offerta sportiva utilizzando i molti spazi a disposizione, attualmente non valorizzati. Sull’area è presente un fabbricato costituito da due piani fuori terra con superficie coperta di circa 110 mq. Il complesso immobiliare è stato suddiviso in due lotti acquistabili insieme o separatamente. Il primo, più ampio, si estende su un area di oltre 24.000 mila metri quadrati e comprende il fabbricato destinato ad attività di somministrazione di alimenti e bevande e gli impianti sportivi. Il secondo lotto, di superficie ridotta di circa mq. 12.000 comprende un’area verde inedificata". 

Il centro è attualmente aperto ed è gestito dall'associazione sportiva locale e dal titolare della pizzeria. Il prezzo a base d'asta per il lotto 1 (fabbricato più impianti) è di 140.000 euro e, per il lotto 2 di 12.000 euro (area verde). Il termine per la presentazione delle offerte è stato fissato per le 12 del 31 gennaio 2018. Il criterio di aggiudicazione è quello dell'offerta economica più elevata. Per ritirare o consultare il bando: www.ssalvatoreinrete.it o presso l’ufficio urbanistica.
22/12/2017







blog comments powered by Disqus


Koster, Solero Scarl e Euroimpresa: “noi sciacalli? La nostra è l'unica proposta che può salvare Aral, creditori e lavoratori”

Alessandria | Le tre ditte creditrici di Aral si “difendono” dalle accuse di “sciacalli” per le azioni di pignoramento messe in atto e spiegano la loro proposta “impattante e inusuale” ma che è l'unica che può salvare Aral, i creditori e anche tutti i posti di lavoro con una "conversione tra quote e capitale“. Mentre l'offerta di affitto di ramo d'azienda è “antieconomica” con perdite da 100 mila euro al mese e senza speranza per i creditori di recuperare il 50%

“Aral non paga il fornitore, da mesi 17 lavoratori senza stipendio”

Alessandria | Sciopero e presidio dei lavoratori di Ressia Trasporti e Rst, fornitori di Aral: “da almeno due mesi non ricevono lo stipendio, hanno crediti non saldati per centinaia di migliaia di euro nei confronti di Aral”

"Integrazione" tra Azienda Ospedaliera e Asl Al "per offrire servizi migliori e rispondere alle esigenze"

Economia e Lavoro | L'allineamento di vedute dei due nuovi direttori di Azienda Ospedaliera, Giacomo Centini, e Asl Al, Antonio Brambilla passa attraverso la parola e l'azione di "integrazione" tra le due realtà. Una integrazione che deve portare a supportare l'alta specialità in tutte le realtà locali, attraverso la digitalizzazione, la riduzione di tempi nelle liste di attesa. Ma che deve passare anche attraverso una “riorganizzazione” che stimoli e aiuti a “ fare rete”

Basta morti sul lavoro, sindacati e Prefettura pensano ad un protocollo

Provincia | Un centinaio i manifestanti dei sindacati Cgil, Cisl e Uil davanti alla Prefettura di Alessandria in occasione dello sciopero di quattro ore proclamato per chiedere misure di sicurezza sui luoghi di lavoro. Quattro gli incidenti da inizio anno in Provincia. L'ultimo alla Sli di Vignole dove ha perso la vita un giovane di 22 anni

Il “caso” Kme discusso davanti al ministero dello Sviluppo Economico

Lavoro | Sindacati e azienda sono stati convocati il prossimo 22 giugno dal ministero dello Sviluppo Economico per esaminare il piano industriale sul futuro del gruppo industriale in Italia. I sindacati chiedono garanzie sugli ammortizzatori sociali