Novi Ligure

Iperdì, chiusi tutti i punti vendita. E sullo stipendio non ci sono certezze

Chiusura di tutti i punti vendita: la decisione della società proprietaria dei supermercati Iperdì è stata comunicata ai dipendenti che ancora ieri, a Novi Ligure, stavano facendo l'inventario delle merci. Cgil: "Non c'è nemmeno la certezza di ricevere il salario"

NOVI LIGURE – Chiusura di tutti i punti vendita: la decisione della Cga Generalmarket – società proprietaria dei supermercati Iperdì – è stata comunicata ai dipendenti che ancora ieri, in via Oneto a Novi Ligure, stavano provvedendo all’inventario delle ultime merci rimaste invendute sugli scaffali. Sono 21 i lavoratori impiegati nel supermarket e peraltro attendono ancora il versamento degli stipendi: l’ultima busta paga che hanno ricevuto è quella di luglio, ma solo con un acconto del 40 per cento.

I sindacati parlano di «chiusura dei punti vendita a tempo non ben precisato» e di «silenzio da parte dell’azienda». «Non abbiamo nessuna informazione per comprendere le sorti dei lavoratori in quanto i negozi vengono chiusi e i dipendenti posti in aspettativa retribuita ma senza la certezza di ricevere il salario», spiega Antonio Torchia della Filcams-Cgil, che da tempo sta seguendo la vertenza. «Non vi c’è nessuna garanzia economica per il pagamento della mensilità di agosto e il saldo del rimanente 60 per cento del mese di luglio». Il sindacato di categoria quindi ha chiesto un incontro urgente alle istituzioni per illustrare la grave situazione in cui versano i dipendenti dell’Iperdì: lunedì saranno ascoltati dal sindaco Rocchino Muliere.

La società Cga Generalmarket è un’azienda della grande distribuzione con circa mille dipendenti e 35 supermercati in Lombardia, Piemonte e Liguria. Nei mesi scorsi a seguito delle criticità per la fornitura a singhiozzo delle merci ai punti vendita, l’azienda aveva riferito ai sindacati di avere problemi di liquidità, e aveva delineato una serie di operazioni che dovevano garantire la tenuta dei conti e che prevedevano di ricavare risorse anche attraverso la vendita di alcune filiali (e in effetti ne sono state cedute due al gruppo Il Gigante). La settimana scorsa, durante un’audizione alla Regione Lombardia, i rappresentanti dell’azienda avevano riferito di essere in trattativa per la cessione di altri 20-25 supermercati.
21/09/2018







blog comments powered by Disqus


L'inventore più prolifico viene dall'Albania, ma ha Alessandria nel cuore

Alessandria | All'ufficio brevetti di Alessandria ne arrivano proprio di tutti i colori. Si deposita un nuovo tipo di occhiali o un magneto ionizzatore per l'acqua. Ogni anno sono una decina. Quindici richieste in totale solo dell'inventore Tomor Imeri che addirittura sa come rilanciare il Porto di Genova

Guala Closures si espande nel settore degli spirits con l’acquisizione di United Closures and Plastics

Economia | Lo storico produttore scozzese di chiusure per whisky permetterà al Gruppo di estendere le relazioni commerciali con i prestigiosi brand scozzesi del whisky, Johnnie Walker in particolare. L’inserimento dei prodotti nell’offerta commerciale di Guala Closures consentirà inoltre di ampliare la linea di prodotti del Gruppo

Mense: "critiche sulla quantità e qualità del servizio ". Ma è un periodo di "transizione"...

Alessandria | Il confronto con Cgil e Uil, i consiglieri comunali, l'amministrazione comunale e le aziende che operano nel servizio c'è stato in commissione consiliare. Dalla direttrice di esecuzione del Comune la conferma "di segnalazioni su quantità e qualità del servizio, o ritardo nella consegna pasti". Le iscrizioni sono in calo dell'11%. Ma dalle aziende rassicurazioni sul controllo e sull'attenzione per la "qualità degli alimenti e delle derrate"

Licenziamento senza un motivo, che tipo di indennizzo?

Economia e Lavoro | Cosa può fare un lavoratore quando viene licenziato senza un motivo, ovvero in caso di licenziamento illegittimo? Quali passi fare per opporsi al licenziamento e soprattutto ha diritto a un indennizzo?

Idee-are: idee di ricerca e innovazione

Fondazione SociAL | Il contributo massimo erogabile per ogni idea di ricerca selezionata e che si svilupperà in un progetto, è di 70.000 euro oneri fiscali inclusi. La presentazione delle proposte avverrà in due fasi. Nella prima fase, con scadenza alle ore 12 del 31 gennaio 2019