Novi Ligure

Iperdì, supermercato verso la cessione. Cassa integrazione per i dipendenti?

Il supermercato Iperdì di Novi Ligure sarebbe stato ceduto insieme ad altri 11 punti vendita a un'azienda della grande distribuzione. Per i dipendenti potrebbe aprirsi un periodo di cassa integrazione, che però la società proprietaria del marchio non ha ancora richiesto

NOVI LIGRUE – Entro pochi giorni si saprà qualcosa di più certo sulla sorte del supermercato Iperdì di Novi Ligure. Secondo quanto è emerso lunedì, durante l’incontro al ministero dello Sviluppo economico, il punto vendita di via Oneto sarà ceduto dalla Cga Generalmarket insieme ad altri undici supermercati tutti collocati in Lombardia (Treviglio, Bregnano, Paderno Dugnano, Lodi, Porto Ceresio, Trezzano, Rho, Cesano Maderno, Barlassina, Robbio, Lomazzo).

Nel giro di pochi giorni, l’azienda dovrebbe comunicare a qualche gruppo sono stati ceduti i punti vendita. Notizie più precise potrebbero arrivare già oggi: a Milano è infatti previsto un incontro che vedrà la partecipazione della Cga Generalmarket, dei sindacati e dei rappresentanti dell’associazione di categoria Federdistribuzione.
Per altri undici punti vendita sono ancora in corso le trattative di vendita, che potrebbero concludersi nel giro di qualche settimana. Per altri cinque supermercati, invece, si prospetterebbe la chiusura.

Nonostante il supermercato di via Oneto sia tra quelli per cui è prevista a breve la cessione, ciò non significa che la situazione sia rosea. «Le procedure di vendita potrebbero andare per le lunghe, poi il negozio andrà risistemato e rifornito… – spiega Antonio Torchia, sindacalista della Filcams-Cgil che tutela i lavoratori novesi – I dipendenti potrebbero trovarsi per qualche mese senza lavoro, per questo è importante attivare le procedure di cassa integrazione». I commessi del supermercato di Novi sono 21; 761 i dipendenti totali tra Piemonte, Lombardia e Liguria.

Anche la parlamentare alessandrina del M5s Susy Matrisciano [nella foto] ha seguito da vicino la vicenda, insieme al capogruppo in consiglio comunale Fabrizio Gallo. La componente della commissione Lavoro del Senato a margine dell’incontro al Mise ha sottolineato che restano ancora due questioni aperte sul tavolo. Una riguarda le «retribuzioni arretrate da pagare» e sarà affrontata oggi all’incontro presso Federdistribuzione: da luglio infatti i dipendenti non percepiscono più lo stipendio, salvo un acconto. La seconda riguarda «l’esubero dei dipendenti di cinque punti vendita che al momento non sono oggetto di trattativa di cessione». Dal ministero hanno fatto presente che «c’è ancora la possibilità di aprire la cassa integrazione straordinaria per crisi aziendale, se la Cga Generalmarket lo chiede. Questo permetterebbe a tutti i dipendenti di avere un “paracadute” e per i nuovi acquirenti sarebbe un po’ più semplice l’ingresso», ha spiegato la senatrice Matrisciano.

Il tavolo al ministero si è concluso con appuntamento a Roma per il 9 ottobre, durante il quale l’azienda proprietaria dei marchi Iperdì e Superdì dovrà comunicare il nome degli acquirenti e «le modalità di cessione tramite l’affitto di ramo d’azienda che prevede comunque obbligo di acquisto e mantenimento dei livelli occupazionali», ha detto ancora la parlamentare grillina.
3/10/2018







blog comments powered by Disqus


Inaugurata la filiale Ubi Banca di Tortona

Tortona | "Digitalizzazione e consulenza innovativa a servizio della clientela". Nell’ambito del piano di riorganizzazione del modello distributivo dell’istituto di credito, è stata presentata la nuova filiale, già aperta al pubblico. La Banca punta sull’integrazione tra canale fisico tradizionale e sistemi digitali avanzati.

Nuove speranze per chi cerca lavoro: a Serravalle apre il Santachiara

Serravalle Scrivia | C'è una nuova speranza per chi è in cerca di un lavoro. Ma anche per chi, al contrario, il lavoro lo offre ma non riesce a trovare il dipendente giusto o i fondi necessari per assumere. E' l'istituto Santachiara che ha aperto una sede anche a Serravalle Scrivia

Requisiti per Quota 100 e Opzione donna

Lavoro | Per ottenere la pensione anticipata con i requisiti di "Quota 100" sono necessari, sia per gli uomini che per le donne, 62 anni di età e aver maturato 38 anni di contributi, solo così è possibile raggiungere quota 100. Per quanto riguarda "Opzione donna", tutte le donne possono accedere alla pensione interamente calcolata con il sistema contributivo se in possesso dI determinati requisiti

Nuovi contributi ai comuni per la rimozione dell’amianto

Economia | L'assessore regionale all'Ambiente Valmaggia: “a breve potremo pubblicare il bando per finanziare interventi per oltre 2 milioni di euro”

Reddito di cittadinanza, "si rischia il caos se non arrivano direttive operative"

Economia | Di reddito di cittadinanza si parla ormai da mesi. Il provvedimento che lo introduce è stato approvato ed è ormai legge ma mancano direttive operative. Gli addetti ai Caf, ai centri per l'impiego e alle poste brancolano ancora nel buio. “In tanti ci chiedono informazioni, ma al momento non abbiamo altre indicazioni oltre a quelle descritte nel sito del ministero”