Lavoro

La Mossi & Ghisolfi va ad Eni. I sindacati accelerano: “ad ottobre scade la cassa integrazione”

Eni Versalis Spa ha presentato l'unica offerta per acquisire le aziende “bio” della Mossi & Ghisolfi. Affinchè il passaggio si concluda ci sono però “tempi tecnici”. I sindacati spingono: ad ottobre, infatti, scadranno gli ammortizzatori sociali. Salvi 134 dipendenti, restano al momento in forse 20 addetti alla finanziaria del gruppo

LAVORO – La Eni Versalis spa, operante nel settore chimico, è pronta a portare avanti il settore biotecnologico della Mossi & Ghisolfi, storica azienda chimica del tortonese, in concordato preventivo. L'altro giorno, davanti al tribunale, è stata aperta l'unica busta con una offerta pervenuta, quella della Versalis, per un valore di 80 milioni di euro. Il “pacchetto” riguarda le aziende che si occupano di innovazione e ricerca nel settore della chimica e degli idrocarburi, Biochemtex, Beta Renewable, Ibp e Ibp Energia, con sedi a Rivalta e stabilimenti a Crescentino.
La manovra consentirebbe di “salvare” 134 posti di lavoro, ma – a detta dei sindacati – lascia fuori 20 addetti che lavorano nel ramo finanziario dell'azienda. “C'è l'auspicio che possano rientrare anche loro in questa partita”, dice Roberto Marengo della Cisl.

La crisi della Mossi & Ghisolfi è dovuta sostanzialmente a difficoltà finanziarie, derivanti da investimenti negli Stati Uniti che si sono rivelati poi superiori a quelli preventivati inizialmente.
I sindacati hanno accolto con ottimismo la notizia dell'offerta di Eni Versalis. “Ora si apre però una fase 'tecnica' per il perfezionamento della gara – dice ancora Marengo – C'è l'auspicio che i tempi siano stretti, poiché ad ottobre sono in scadenza gli ammortizzatori sociali. Il rischio è che la nuova gestione non subentri in tempo utile e che i lavoratori si trovino in una fase di interregno, senza salario”.
Le parole del sindacalista fanno presumere che ci sarà il via libera, previsto per legge, da parte dei rappresentanti dei lavoratori. Poi la firma davanti ai notai per il perfezionamento dell'acquisizione. L'obiettivo è quello di riportare la società in utile in cinque anni.
27/09/2018







blog comments powered by Disqus


Terzo Valico, sciopero a oltranza nel cantiere Radimero

Arquata Scrivia | Sciopero a oltranza nel cantiere del Terzo Valico allestito in località Radimero, ad Arquata Scrivia. L'hanno proclamato i sindacati degli edili per protestare contro il mancato pagamento della retribuzione

Mense: sciopero e presidio in piazza della Libertà. "Garantito il pasto alternativo"

Lavoro | E' arrivato il giorno dello sciopero indetto dalla UilTucs per i lavoratori del servizio di refezione scolastica con un presidio in piazza della Libertà dalle 9.30. Intanto "garanzia del pasto di emergenza" con panino, acqua, succo di frutta e merenda da parte delle due aziende Coop Solidarietà e Lavoro per Alessandria e Vivenda su Valenza

'IoLavoro' torna ad Alessandria: da mercoledì 17 aperte le iscrizioni on line

Economia e Lavoro | Giunta alla 22° edizione a Torino e con 20 edizioni locali in diversi territori piemontesi, IOLAVORO può definirsi la più grande job fair italiana

“Analizzare questi 4 anni per guardare al futuro: dal rilancio del manifatturiero alla logistica”

Provincia | Non solo una analisi di questi ultimi anni di “difficoltà” del territorio provinciale ma anche le linee d'indirizzo per il futuro. Un tema come il “lavoro” e l'inclusione sono alla base del XV Congresso della Camera del Lavoro di Alessandria che si terrà il 23 e 24 ottobre a Novi Ligure. “Scelta come simbolo: dall'Ilva, al Terzo Valico, passando per l'Outlet”

"Tartufi, un monopolio di pochi dopo la creazione dei consorzi"

Novi Ligure | Secondo l'Associazione dei liberi tartufai, i consorzi riservano a poche persone la raccolta dei tartufi nelle zone più produttive. Lorenzo Tornato: "Chiediamo una moratoria per evitare che la ricerca dei tartufi diventi solo un business"