Lavoro

La Mossi & Ghisolfi va ad Eni. I sindacati accelerano: “ad ottobre scade la cassa integrazione”

Eni Versalis Spa ha presentato l'unica offerta per acquisire le aziende “bio” della Mossi & Ghisolfi. Affinchè il passaggio si concluda ci sono però “tempi tecnici”. I sindacati spingono: ad ottobre, infatti, scadranno gli ammortizzatori sociali. Salvi 134 dipendenti, restano al momento in forse 20 addetti alla finanziaria del gruppo

LAVORO – La Eni Versalis spa, operante nel settore chimico, è pronta a portare avanti il settore biotecnologico della Mossi & Ghisolfi, storica azienda chimica del tortonese, in concordato preventivo. L'altro giorno, davanti al tribunale, è stata aperta l'unica busta con una offerta pervenuta, quella della Versalis, per un valore di 80 milioni di euro. Il “pacchetto” riguarda le aziende che si occupano di innovazione e ricerca nel settore della chimica e degli idrocarburi, Biochemtex, Beta Renewable, Ibp e Ibp Energia, con sedi a Rivalta e stabilimenti a Crescentino.
La manovra consentirebbe di “salvare” 134 posti di lavoro, ma – a detta dei sindacati – lascia fuori 20 addetti che lavorano nel ramo finanziario dell'azienda. “C'è l'auspicio che possano rientrare anche loro in questa partita”, dice Roberto Marengo della Cisl.

La crisi della Mossi & Ghisolfi è dovuta sostanzialmente a difficoltà finanziarie, derivanti da investimenti negli Stati Uniti che si sono rivelati poi superiori a quelli preventivati inizialmente.
I sindacati hanno accolto con ottimismo la notizia dell'offerta di Eni Versalis. “Ora si apre però una fase 'tecnica' per il perfezionamento della gara – dice ancora Marengo – C'è l'auspicio che i tempi siano stretti, poiché ad ottobre sono in scadenza gli ammortizzatori sociali. Il rischio è che la nuova gestione non subentri in tempo utile e che i lavoratori si trovino in una fase di interregno, senza salario”.
Le parole del sindacalista fanno presumere che ci sarà il via libera, previsto per legge, da parte dei rappresentanti dei lavoratori. Poi la firma davanti ai notai per il perfezionamento dell'acquisizione. L'obiettivo è quello di riportare la società in utile in cinque anni.
27/09/2018







blog comments powered by Disqus


Sciopero e presidio davanti alla prefettura per dire basta alle morti bianche

Voltaggio | Uno sciopero per ribadire che le morti sul lavoro sono inaccettabili e un presidio di fronte alle prefetture di Alessandria e di Genova per chiedere più controlli: i sindacati degli edili si mobilitano dopo l'incidente nel cantiere del Terzo Valico

Pernigotti, presidio a Dolci Terre: "Occhio agli acquisti, non fate favori ai turchi"

Novi Ligure | In questi giorni, i dipendenti della fabbrica dolciaria, insieme ai commessi dell’Iperdì (il supermercato di via Oneto che ha chiuso lasciando una ventina di persone senza stipendio da quasi cinque mesi), hanno portato parte del presidio a Dolci Terre, la rassegna enogastronomica novese

EcoPlasteam: "partiamo da Alessandria per diventare una multinazionale leader nel riciclaggio"

Alessandria | L'azienda, che ha scelto come sede per il suo primo insediamento Spinetta Marengo, avvierà la produzione entro pochi giorni, con un brevetto che le consentirà di trasformare l’avanzo del “Tetrapak” in un polimero plastico riciclabile all’infinito. Già vincitrice di diversi premi, punta sull'importanza dell'economia circolare e su un mercato potenzialmente enorme, con un'attenzione speciale per la sostenibilità e l'arte

Accertamenti Imu, al via i provvedimenti relativi al 2013

Alessandria | Nel mese di dicembre gli addetti della società Siel srl riceveranno i contribuenti al Servizio Tributi Comunale nelle giornate di martedì 18 dicembre e giovedì 20 dicembre

Rette asili nido: 20 euro in meno per chi paga il massimo. M5S: "Non basta!"

Alessandria | L'assessore Silvia Straneo ha portato in commissione la delibera di rimodulazione delle tariffe per gli asili nido "in via sperimentale" a partire dal prossimo anno scolastico 2019-2020. Ma non è abbastanza per la minoranza: dal M5S la richiesta di revisione delle tariffe di iscrizione alla mensa. Da Pd e Moderati preoccupazione sul fronte del servizio mensa con il nuovo gestore: "chiediamo una commissione per capire come sta andando, con Comitato mensa e sindacati"