Capriata d'Orba

Mondelez disdice gli accordi sindacali, lavoratori in sciopero

Sono scesi in sciopero i dipendenti della Mondelez, l'ex Saiwa di Capriata d'Orba. Due ore di astensione dal lavoro per ciascuno dei tre turni, per protestare contro la decisione dell'azienda di disdettare gli accordi sindacali interni. Malpassi (Cgil): "Serviva una risposta veloce"

CAPRIATA D’ORBA – Sono scesi in sciopero ieri i dipendenti della Mondelez, in quello che quasi tutti ancora conoscono come lo stabilimento Saiwa di Capriata d’Orba. Due ore di astensione dal lavoro per ciascuno dei tre turni, per protestare contro l’annunciata decisione dell’azienda di disdettare gli accordi sindacali su organizzazione interna e intese integrative.

Lo sciopero è stato convocato dalla Flai-Cgil e ieri davanti ai cancelli della fabbrica di località Pedaggera è arrivato il segretario provinciale Marco Malpassi che ha incontrato i lavoratori del secondo turno. «Uno sciopero simbolico, ma indispensabile, per far sapere alla multinazionale americana proprietaria dello stabilimento che non siamo disposti ad accettare passivamente questo trattamento».

Cisl e Uil non hanno aderito allo sciopero. Secondo la Cgil, però, una «risposta veloce» era essenziale, visto che Mondelez aveva confermato non solo la disdetta degli accordi organizzativi – di cui già aveva discusso con i sindacati – ma anche altre intese integrative. Tra l’altro l’azienda aveva iniziato le trattative non con le rappresentanze di stabilimento o con le segreterie provinciali dei sindacati, ma con i coordinamenti nazionali. Una circostanza che ha indispettito i sindacalisti locali.

«Vogliamo tornare al tavolo delle trattative al più presto – ha detto Malpassi agli operai in sciopero – Chiediamo a Cisl e Uil di convocare rapidamente un’assemblea unitaria per ricevere un mandato chiaro dai lavoratori». Tiziano Crocco, segretario provinciale della Uila, ha invitato a non aderire allo sciopero (che secondo fonti Cgil ha visto una partecipazione del 60 per cento). «Bisogna sanare la spaccatura per fronteggiare i tempi duri che ci attendono. Lo sciopero indetto da una sola sigla sindacale allontana il recupero della trattativa», ha fatto sapere Crocco.
6/03/2018







blog comments powered by Disqus


Mancati rinnovi alla Campari, il sindacato: "Scartati quelli senza diploma"

Novi Ligure | Salgono a 21 i precari a cui non è stato rinnovato il contratto alla Campari di Novi Ligure. Per l'azienda le assunzioni erano legate ai picchi di produzione stagionale. Il sindacato: "Hanno scelto in base al titolo di studio"

Pernigotti, arriva l'advisor ma l'azienda riconferma la cessazione

Novi Ligure | Il nome dell'advisor per la Pernigotti ora c'è ma con le festività avrà poco tempo per lavorare alla reindustrializzazione della fabbrica di Novi Ligure. Per di più, l'azienda ha riconfermato la richiesta di cassa integrazione per cessazione

Terzo Valico, via libera al quinto lotto: vale 1,5 miliardi di euro

Grandi opere | Rete Ferroviaria Italiana ha consegnato una nuova tranche di lavori al Consorzio Cociv, General Contractor incaricato della progettazione e realizzazione. Oggi, mercoledì, si inaugura anche il ponte della Maddalena, tra Gavi e Carrosio. Era pronto da circa un anno

Saamo: saldati gli stipendi di novembre

Ovada  | Nell’incontro in prefettura, chiesto dai sindacati, la società si è impegnata a pagare le tredicesime entro giovedì e mantenere, per quanto possibile, la regolarità dei pagamenti nei prossimi mesi

Messa di Natale, il vescovo celebra alla Pernigotti

Novi Ligure | Non sarà in Duomo a Tortona la messa di Natale celebrata dal vescovo, bensì alla Pernigotti di Novi Ligure. "Una presenza che vuole essere un seguito del piccolo gesto che la nostra Diocesi ha avviato aprendo il conto bancario in favore dei lavoratori", ha detto monsignor Viola