Alessandria

Oltre il reddito di cittadinanza: incontro con l'esperto Andrea Fumagalli

Il docente dell'Università di Pavia ospite al Laboratorio Sociale giovedì 19 aprile. Sostenitore della necessità di introdurre un reddito minimo di esistenza, ha anche studiato la fattibilità di politiche di sostegno al reddito

ALESSANDRIA - Quella del reddito incondizionato o, per dirla con le parole del piano femminista di Non Una di Meno, di “autodeterminazione”, è una rivendicazione che da anni i movimenti sociali portano avanti in tutto il mondo. Grazie alla proposta del Movimento 5 Stelle di un reddito di cittadinanza condizionato alla ricerca di un lavoro, il tema ha assunto una particolare attenzione mediatica durante la recente campagna elettorale e nel dibattito post-elettorale.

Giovedì 19 aprile a partire dalle 21 ne parlerà al Laboratorio Sociale di via Piave 63 Andrea Fumagalli, professore associato di Economia Politica presso la Facoltà di Economia dell’Università di Pavia dove ha insegnato Macroeconomia e dove insegna Teoria dell’impresa. Insegna anche Economia politica della conoscenza presso il Corso di laurea in Comunicazione multimediale e Storia dell’Economia Politica presso la facoltà di Filosofia della stessa università. I suoi interessi di ricerca sono prevalentemente relativi alla teoria macroeconomica, alla teorie monetarie eterodosse, all’economia dell’innovazione, alla distribuzione del reddito e alle mutazioni del capitalismo contemporaneo. Le principali riviste scientifiche dove ha pubblicato i suoi contributi sono International Journal of Political Economy, Review of Social Economy, Small Business Economics, European Journal of Economic and Social Systems, L’Industria, Studi Economici, Economia Politica.

Spesso su posizioni lontane dal pensiero “mainstream” in ambito economico, ha scritto numerosi saggi, curato opere collettanee ed è intervenuto più volte sui principali periodici nazionali sostenendo, tra l’altro, la necessità di introdurre un reddito minimo di esistenza. Ha anche studiato la fattibilità di politiche di sostegno al reddito lavorando all’interno dell’Osservatorio sulle politiche sociali in Friuli Venezia Giulia e Slovenia.
Fino a giugno 2012 è stato vicepresidente del Bin-Italia (Basic Income Network-Italia), è membro dell’Executive Committee del Bien, è attivo anche nella ricerca militante all’interno del Collettivo UniNomade2.0, della rete degli Stati Generali della Precarietà e dei Quaderni di San Precario.

Per tutte e tutti coloro che avessero bisogno di consulenza e informazione sui temi del lavoro, al Laboratorio Sociale, in via Piave 63, è attivo lo sportello Worktools, ogni martedì dalle 17 alle 20 (informazioni: 351/2467724, infoworktools@gmail.com).-
16/04/2018







blog comments powered by Disqus


“Emergenza umido”: riprende la raccolta, mentre Amag Ambiente cerca la ditta per lo smaltimento

Alessandria | La soluzione per permettere ad Alessandria e agli altri comuni che fanno parte del Consorzio di Bacino di riprendere la raccolta dell'umido è stata trovata. O quasi. Alle 12 di oggi si chiude la “mini gara” indetta da Amag Ambiente su indicazione del Consorzio per cercare la ditta che per questa settimana effettuerà il servizio di smaltimento dell'umido, al minor costo. Che sarà comunque superiore a quello di Srt che non ha ancora risolto i problemi all'impianto

Assunzioni in municipio, ultimi giorni per presentare la domanda

Novi Ligure | In municipio a Novi Ligure hanno bisogno di un agente di polizia municipale e di un istruttore informatico: tutte le informazioni per presentare la domanda di assunzione

Trasporto scolastico: vince Saamo

Ovada | L'incarico affidata all'azienda dell'Ovadese in quanto unica a fare un'offerta per la gara. Negli ultimi anni l'assegnazione ad Arfea aveva provocato non poche polemiche

Affissioni: divorzio tra Comune e Tributi Service

Ovada | Decisione presa dopo che il servizio era stato interrotto a fine luglio. Revocato l'incarico che sarebbe stato in vigore fino al giugno 2020. In bilico i due lavoratori

"Noi precari delle Poste, fregati dal decreto Dignità"

Lavoro | Una ventina di lavoratori a tempo determinato presso Poste Italiane raccontano la loro amarezza: "nonostante l'impegno di tutti, non ci è stata data la possibilità di usufruire di una proroga prevista per legge"