Economia e Lavoro

Un programma di ricerca e sviluppo per una piattaforma per la bioeconomia

L'avviso di preinformazione si propone di sollecitare i soggetti industriali interessati ad attivarsi e avviare per tempo la necessaria mobilitazione di interessi e soggetti utili alla costituzione di partenariati di progetto attorno ai quali concentrare le strategie di sviluppo. La pubblicazione del Bando è prevista a febbraio 2018

ECONOMIA E LAVORO - Con provvedimento dirigenziale n. 6 del 10 gennaio 2018 la Regione Piemonte ha avviato le procedure che daranno corso all’attuazione di un programma di ricerca industriale e sviluppo sperimentale finalizzato alla realizzazione della PIATTAFORMA BIOECONOMIA, nei i settori della “Chimica Verde/Cleantech”, dell’“Agroalimentare” e della loro intersezione secondo l’approccio cosidetto di ’”Economia Circolare”.

Tale iniziativa trae origine dal POR FESR 2014/2020 – Asse I “Ricerca e Innovazione” e si pone in continuità con le precedenti Piattaforme tecnologiche nell’ambito della FABBRICA INTELLIGENTE e della SALUTE e BENESSERE.

Il presente avviso di preinformazione si propone di sollecitare i soggetti industriali interessati ad attivarsi e avviare per tempo la necessaria mobilitazione di interessi e soggetti utili alla costituzione di ampi partenariati di progetto attorno ai quali concentrare le strategie di sviluppo.

La data di pubblicazione del Bando è prevista entro il mese di febbraio 2018, secondo le forme e i modi previste dal POR FESR 2014/2020, con conseguente relativo termine per la consegna delle candidature entro aprile 2018.

Saranno finanziati con il Fondo europeo di sviluppo regionale interventi di ricerca industriale o sviluppo sperimentale presentati da raggruppamenti che abbiano almeno il 30% di piccole e medie imprese. Ogni progetto dovrà attivare da 10 a 20 assunzioni in alto apprendistato, a seconda dell’investimento. Nei due ambiti individuati una delle sfide più attuali è costituita dal rafforzamento della ricerca e dell’innovazione volte allo sviluppo di tecnologie che consentano la creazione di ecosistemi produttivi circolari.

La piattaforma è destinata alle imprese industriali e di trasformazione agroalimentare, ma la Regione auspica la partecipazione di aziende del settore agricolo, che potranno avvalersi delle opportunità offerte dal Programma di sviluppo rurale 2014-2020, che nelle prossime settimane vedrà l’emanazione di una misura che ha in programma una esplicita premialità per i soggetti partecipanti.
In Italia, in virtù della disponibilità delle risorse naturali presenti sul territorio, la dimensione regionale appare determinante per implementare modelli di sviluppo ad hoc nell’ottica della bioeconomia per le varie aree del Paese, valorizzandone le tipicità e le caratteristiche qualitative, puntando alla sostenibilità ambientale ed economica.

L’assessora alle Attività produttive sottolinea a tal proposito che il Piemonte ha condiviso con le altre Regioni la strategia generale di posizionamento sul settore e che questa piattaforma rappresenta la misura concreta per darne attuazione, mentre per l’assessore all’Agricoltura si tratta di una occasione in più per promuovere produzioni sempre più attente all’impatto ambientale.

Quella sulla bioeconomia è la terza piattaforma tecnologica predisposta dalla Regione dopo “Fabbrica intelligente” nel 2015 e “Salute e benessere” nel 2017 per sostenere le iniziative di partenariati che si costituiscono ad hoc riunendo grandi e piccole imprese insieme ai centri di ricerca pubblici e privati. Questo strumento rappresenta quindi l’ideale forma di coordinamento e di raccordo tra i diversi attori - imprese, istituzioni, Università - che operano su scala regionale in uno specifico settore di innovazione attorno ad una visione strategica comune, con il fine di garantire un trasferimento tecnologico più immediato.

Soggetti beneficiari:
L’iniziativa sarà rivolta a raggruppamenti di piccole e medie imprese, grandi imprese, organismi di ricerca, pubblici o privati del Piemonte che. sul territorio piemontese, intendano sviluppare in forma collaborativa, progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale sul temi della BIOECONOMIA, nei i settori della “Chimica Verde/Cleantech”, dell’“Agroalimentare” e della loro intersezione secondo l’approccio cosidetto di ’”Economia Circolare”. Considerato il carattere multidisciplinare e multisettoriale degli ambiti che caratterizzano tali temi dell’innovazione, potranno partecipare imprese e soggetti di qualsiasi settore merceologico purché, in corso di verifica dei contenuti dei progetti, i singoli apporti risultino strettamente coerenti con le finalità e gli obiettivi della Piattaforma Tecnologica.

Elemento di novità è costituito da una procedura di presentazione non più basata sulla doppia fase (preliminare e definitivo) ma con unica fase di presentazione del progetto definitivo.

http://www.regione.piemonte.it/bandipiemonte/cms/finanziamenti/avviso-di-preinformazione-non-vincolante-por-fesr-2014-2020-azione-i1b22-sulle

AVVISO DI PREINFORMAZIONE NON VINCOLANTE 
POR FESR 2014-2020 - Azione I.1b.2.2. sulle PIATTAFORME TECNOLOGICHE. Bando inerente la realizzazione della PIATTAFORMA TECNOLOGICA BIOECONOMIA, in attuazione della DGR n. 46 – 6238 del 22/12/2017
per info:
LAMORO scarl
via Leopardi, 4
14100 Asti
0141-532516
info@lamoro.it
 
 
27/02/2018







blog comments powered by Disqus


Docenti precari e indennità NaSpI

Economia e Lavoro | I docenti che vogliono presentare la domanda di disoccupazione hanno a disposizione 68 giorni a partire dalla fine del contratto, ma è consigliabile inoltrare la stessa il prima possibile perché l’indennità decorre dall’8° giorno dal termine del contratto

Lercaro: sbloccati gli stipendi

Ovada | Parziale fumata bianca dopo la crisi di liquidità dovuta al pignoramento dei conti da parte di Proges che aveva portato alla mancata corresponsione della mensilità di maggio

Danobat: nuova realtà industriale in provincia

Bistagno | Il costruttore di macchine utensili ed impianti di produzione inaugura un nuovo sito di 2500 metri quadri. L’azienda intende migliorare la propria posizione in Italia, paese che rappresenta il secondo mercato europeo per importanza nell’ ambito della macchina utensile dopo la Germania

Terra Madre: salvare le biodiversità per salvare noi stessi

Alessandria | Terra Madre Salone del Gusto: da Alessandria a Torino grazie all'impegno di Slow Food per ribadire la centralità della biodiversità.

Koster, Solero Scarl e Euroimpresa: “noi sciacalli? La nostra è l'unica proposta che può salvare Aral, creditori e lavoratori”

Alessandria | Le tre ditte creditrici di Aral si “difendono” dalle accuse di “sciacalli” per le azioni di pignoramento messe in atto e spiegano la loro proposta “impattante e inusuale” ma che è l'unica che può salvare Aral, i creditori e anche tutti i posti di lavoro con una "conversione tra quote e capitale“. Mentre l'offerta di affitto di ramo d'azienda è “antieconomica” con perdite da 100 mila euro al mese e senza speranza per i creditori di recuperare il 50%