Provincia

Poste, rebus sulle assunzioni e stabilizzazioni

In provincia di Alessandria mancano almeno trenta porta lettere, ma l'azienda, dicono i sindacati, non ha intenzione di procedere con nuove assunzioni o di stabilizzare i precari. Cgil, Cisl e Uil chiedono come Poste Italiane intenda garantire gli standard qualitativi del servizio

LAVORO – Mancano circa 30 portalettere in provincia di Alessandria, ma l'azienda sembra non sia intenzionata a procedere con nuove assunzioni o a stabilizzare i precari. A dirlo sono i sindacati Cgil, Cisl e Uil in una nota unitaria in cui chiedono a Poste Italiane come intenda “garantire il servizio, considerato essenziale, a tutta la popolazione”.
E' infatti da poco terminato l'introduzione del nuovo modello, che prevede il recapito della posta a giorni alterni. Ma il numero dei dipendenti è ancora sotto organico. “La copertura lorda si assesta intorno al 98% mentre il nuovo modello organizzativo stabilisce una percentuale lorda del 110%.(cioè il 10% di scorte). Ciononostante, unica provincia in tutto il Piemonte, malgrado l’accordo nazionale sulle Politiche Attive del Lavoro, non sono previste da parte aziendale né trasformazioni da part time a full time per il personale che ha questa tipologia di contratto, né stabilizzazioni a tempo indeterminato del personale assunto negli anni precedenti con contratti a termine”, dicono i sindacati.
In una audizione alla Camera, l'amministratore delegato Matteo Del Fante ha affermato che gli uffici nei piccoli comuni non chiuderanno, poiché si tratta di un servizio essenziale. Ma in molti paesi, agli sportelli è presente un solo addetto, il direttore, mentre manca quasi sempre lo sportellista. In quelli di poco più grandi (Cluster A2, si chiamano tecnicamente) oltre al direttore è presente un impiegato, anziché due. Negli uffici centrali, poi, “il servizio viene garantito solamente attraverso il ricorso allo straordinario, programmato strutturalmente di settimana in settimana. Il personale di sportelleria viene sistematicamente comandato in trasferta e distaccato in sedi di lavoro diverse da quelle di applicazione Ma anche in questo caso non è prevista in provincia alcuna immissione di personale”
In definitiva, i sindacati chiedono “a Poste Italiane quali provvedimenti organizzativi intende adottare e alle istituzioni locali quali iniziative intendano mettere in campo affinchè un servizio, che rimane comunque sociale, venga garantito in termini soddisfacenti da un punto di vista quali qualitativo a tutta la popolazione”.
25/09/2018







blog comments powered by Disqus


Sciopero e presidio davanti alla prefettura per dire basta alle morti bianche

Voltaggio | Uno sciopero per ribadire che le morti sul lavoro sono inaccettabili e un presidio di fronte alle prefetture di Alessandria e di Genova per chiedere più controlli: i sindacati degli edili si mobilitano dopo l'incidente nel cantiere del Terzo Valico

Pernigotti, presidio a Dolci Terre: "Occhio agli acquisti, non fate favori ai turchi"

Novi Ligure | In questi giorni, i dipendenti della fabbrica dolciaria, insieme ai commessi dell’Iperdì (il supermercato di via Oneto che ha chiuso lasciando una ventina di persone senza stipendio da quasi cinque mesi), hanno portato parte del presidio a Dolci Terre, la rassegna enogastronomica novese

EcoPlasteam: "partiamo da Alessandria per diventare una multinazionale leader nel riciclaggio"

Alessandria | L'azienda, che ha scelto come sede per il suo primo insediamento Spinetta Marengo, avvierà la produzione entro pochi giorni, con un brevetto che le consentirà di trasformare l’avanzo del “Tetrapak” in un polimero plastico riciclabile all’infinito. Già vincitrice di diversi premi, punta sull'importanza dell'economia circolare e su un mercato potenzialmente enorme, con un'attenzione speciale per la sostenibilità e l'arte

Accertamenti Imu, al via i provvedimenti relativi al 2013

Alessandria | Nel mese di dicembre gli addetti della società Siel srl riceveranno i contribuenti al Servizio Tributi Comunale nelle giornate di martedì 18 dicembre e giovedì 20 dicembre

Rette asili nido: 20 euro in meno per chi paga il massimo. M5S: "Non basta!"

Alessandria | L'assessore Silvia Straneo ha portato in commissione la delibera di rimodulazione delle tariffe per gli asili nido "in via sperimentale" a partire dal prossimo anno scolastico 2019-2020. Ma non è abbastanza per la minoranza: dal M5S la richiesta di revisione delle tariffe di iscrizione alla mensa. Da Pd e Moderati preoccupazione sul fronte del servizio mensa con il nuovo gestore: "chiediamo una commissione per capire come sta andando, con Comitato mensa e sindacati"