Piemonte

Rimozione dell’amianto: ultimi giorni per partecipare al bando nazionale

Il 30 aprile scade il bando del Ministero dell’Ambiente a cui possono partecipare i Comuni e le pubbliche amministrazioni. Valmaggia: “Affrettatevi, queste opportunità non devono essere sprecate”

PIEMONTE - Sta per scadere il bando del Ministero dell’Ambiente che prevede il finanziamento destinato a coprire, integralmente o parzialmente, i costi di progettazione preliminare e definitiva degli interventi di rimozione dell’amianto e dei manufatti in cemento-amianto da edifici pubblici e il successivo smaltimento, anche previo trattamento. Il bando, pubblicato nel dicembre dello scorso anno e aperto dal 30 gennaio di quest’anno, si chiuderà il 30 aprile, e prevede la messa a disposizione di 6 milioni di euro per ciascuno degli anni 2017 e 2018, riguardando esclusivamente edifici e strutture di proprietà degli enti pubblici, i quali, questi ultimi, possono presentare domanda di accesso a un contributo massimo di 15 mila euro per singola amministrazione, arrivando a comprendere fino a 5 interventi compresi sul territorio di competenza.

Questi i criteri di priorità a cui devono rispondere le richieste di finanziamento:
- interventi relativi ad edifici pubblici collocati all'interno, nei pressi o comunque entro un raggio non superiore a 100 metri da asili, scuole, parchi gioco, strutture di accoglienza socio-assistenziali, ospedali, impianti sportivi;
- interventi relativi ad edifici pubblici per i quali esistono segnalazioni da parte di enti di controllo sanitario e/o di tutela ambientale e/o di altri enti e amministrazioni in merito alla presenza di amianto;
- interventi relativi ad edifici pubblici per i quali si prevede un progetto cantierabile in 12 mesi dall'erogazione del contributo;
- interventi relativi ad edifici pubblici collocati all'interno di un Sito di Interesse Nazionale e/o inseriti nella mappatura dell'amianto ai sensi del Decreto Ministeriale n.101 del 18 marzo 2003

“È necessario che i Comuni e enti pubblici non si facciano scappare questa opportunità - spiega l’assessore all’Ambiente della regione Alberto Valmaggia - È vero, il bando si limita a finanziare la progettazione, preliminare e definitiva, ma è il primo passo per procedere con le operazioni di bonifica. Solamente con un parco progetti pronto per l’esecutività è possibile individuare ulteriori risorse nazionali e regionali per finanziare questi necessari interventi di rimozione delle coperture in amianto”.

Le domande vanno presentate esclusivamente per via telematica accedendo al portale del Ministero dell’ambiente e della Tutela del territorio e del Mare all’indirizzo www.amiantopa.minambiente.ancitel.it.
19/04/2018







blog comments powered by Disqus


“Alimentare, Watson!”: Cambalache lancia un nuovo progetto di inclusione sociale

Alessandria | Un polo alimentare e opportunità di formazione e lavoro per migranti, persone con disabilità e disoccupati over 50. Gli ambiti scelti sono la panificazione, quello del miele e dell’ortofrutta

Confindustria: vince il pessimismo all'ombra della crisi

Economia | La prima indagine congiunturale 2019 di Confindustria apre l'anno all'insegna del pessimismo. Si teme un calo di ordinativi, compensati solo in parte dall'export. Stabili investimenti ed occupazione. Su Penigotti: "auspichiamo una svolta positiva anche se la proprietà ha dimostrato rigidità"

La "nuova" Aedes di patron Roveda sbarca a Piazza Affari

Economia | Una "nuova" Aedes Siiq è sbarcata in Borsa: la settimana scorsa a Milano si è tenuta la cerimonia della campanella con l'apertura delle contrattazioni per la società dell'imprenditore valborberino Giuseppe Roveda

Saldi, l'Outlet punta a raggiungere quota mezzo milione di visitatori

Serravalle Scrivia | Outlet verso quota mezzo milione. Nel centro commerciale di Serravalle Scrivia durante la prima settimana di sono passate 322 mila persone. Con il prossimo weekend,si punta a raggiungere le 500 mila presenze

Pernigotti, trattativa con gli indiani. "Il governo ora faccia pressing"

Novi Ligure | Iniziata la trattativa tra la Pernigotti di Novi Ligure e il fondo indiano interessato ad acquisire fabbrica e marchio. Intanto si avvicina la scadenza del 5 febbraio, quanto a Roma si deciderà sulla cassa integrazione. "La palla passa al governo, faccia pressing"