Piemonte

Rimozione dell’amianto: ultimi giorni per partecipare al bando nazionale

Il 30 aprile scade il bando del Ministero dell’Ambiente a cui possono partecipare i Comuni e le pubbliche amministrazioni. Valmaggia: “Affrettatevi, queste opportunità non devono essere sprecate”

PIEMONTE - Sta per scadere il bando del Ministero dell’Ambiente che prevede il finanziamento destinato a coprire, integralmente o parzialmente, i costi di progettazione preliminare e definitiva degli interventi di rimozione dell’amianto e dei manufatti in cemento-amianto da edifici pubblici e il successivo smaltimento, anche previo trattamento. Il bando, pubblicato nel dicembre dello scorso anno e aperto dal 30 gennaio di quest’anno, si chiuderà il 30 aprile, e prevede la messa a disposizione di 6 milioni di euro per ciascuno degli anni 2017 e 2018, riguardando esclusivamente edifici e strutture di proprietà degli enti pubblici, i quali, questi ultimi, possono presentare domanda di accesso a un contributo massimo di 15 mila euro per singola amministrazione, arrivando a comprendere fino a 5 interventi compresi sul territorio di competenza.

Questi i criteri di priorità a cui devono rispondere le richieste di finanziamento:
- interventi relativi ad edifici pubblici collocati all'interno, nei pressi o comunque entro un raggio non superiore a 100 metri da asili, scuole, parchi gioco, strutture di accoglienza socio-assistenziali, ospedali, impianti sportivi;
- interventi relativi ad edifici pubblici per i quali esistono segnalazioni da parte di enti di controllo sanitario e/o di tutela ambientale e/o di altri enti e amministrazioni in merito alla presenza di amianto;
- interventi relativi ad edifici pubblici per i quali si prevede un progetto cantierabile in 12 mesi dall'erogazione del contributo;
- interventi relativi ad edifici pubblici collocati all'interno di un Sito di Interesse Nazionale e/o inseriti nella mappatura dell'amianto ai sensi del Decreto Ministeriale n.101 del 18 marzo 2003

“È necessario che i Comuni e enti pubblici non si facciano scappare questa opportunità - spiega l’assessore all’Ambiente della regione Alberto Valmaggia - È vero, il bando si limita a finanziare la progettazione, preliminare e definitiva, ma è il primo passo per procedere con le operazioni di bonifica. Solamente con un parco progetti pronto per l’esecutività è possibile individuare ulteriori risorse nazionali e regionali per finanziare questi necessari interventi di rimozione delle coperture in amianto”.

Le domande vanno presentate esclusivamente per via telematica accedendo al portale del Ministero dell’ambiente e della Tutela del territorio e del Mare all’indirizzo www.amiantopa.minambiente.ancitel.it.
19/04/2018







blog comments powered by Disqus


“Emergenza umido”: riprende la raccolta, mentre Amag Ambiente cerca la ditta per lo smaltimento

Alessandria | La soluzione per permettere ad Alessandria e agli altri comuni che fanno parte del Consorzio di Bacino di riprendere la raccolta dell'umido è stata trovata. O quasi. Alle 12 di oggi si chiude la “mini gara” indetta da Amag Ambiente su indicazione del Consorzio per cercare la ditta che per questa settimana effettuerà il servizio di smaltimento dell'umido, al minor costo. Che sarà comunque superiore a quello di Srt che non ha ancora risolto i problemi all'impianto

Assunzioni in municipio, ultimi giorni per presentare la domanda

Novi Ligure | In municipio a Novi Ligure hanno bisogno di un agente di polizia municipale e di un istruttore informatico: tutte le informazioni per presentare la domanda di assunzione

Trasporto scolastico: vince Saamo

Ovada | L'incarico affidata all'azienda dell'Ovadese in quanto unica a fare un'offerta per la gara. Negli ultimi anni l'assegnazione ad Arfea aveva provocato non poche polemiche

Affissioni: divorzio tra Comune e Tributi Service

Ovada | Decisione presa dopo che il servizio era stato interrotto a fine luglio. Revocato l'incarico che sarebbe stato in vigore fino al giugno 2020. In bilico i due lavoratori

"Noi precari delle Poste, fregati dal decreto Dignità"

Lavoro | Una ventina di lavoratori a tempo determinato presso Poste Italiane raccontano la loro amarezza: "nonostante l'impegno di tutti, non ci è stata data la possibilità di usufruire di una proroga prevista per legge"