Ovada

Saamo: crisi di liquidità. Dipendenti attendono lo stipendio

Corrisposta solo per metà l'ultima mensilità. L'altra sera incontro urgente su richiesta dei sindacati. L'Amministratore Sciutto. "Situazione in via di risoluzione". Ma la prospettiva di medio termine si aggrava

 OVADA - Fronteggia una crisi di liquidità senza precedenti la Saamo, figlia del progressivo esaurimento del tesoretto racimolato anni fa con la cessione del ramo rifiuti a Econet, e dovuta alle ripetute chiusure in rosso dei bilanci. Del futuro immediato dell’azienda di bus dell’Ovadese si è parlato l’altra sera in un vertici convocato su richiesta di Cgil, Cisl e Rsu aziendali. All’ordine del giorno il mancato pagamento per intero dell’ultima mensilità ai dipendenti alla ventina di dipendenti tra autisti e impiegati. “Scontiamo – spiega l’amministratore unico di Saamo, Gianpiero Sciutto – i mancati versamenti da parte dell’Agenzia per la Mobilità della Regione dei contributi dovuti per il trasporto locale. Le difficoltà di Arfea si riverberano su tutte le aziende inserite nel consorzio Scat. I dipendenti hanno percepito metà mensilità. Ora, con il riconoscimento di quanto dovuto per giugno da parte dell’Agenzia, sarà aggiunta la parte che manca”. Si tratta di un piccolo punto fermo nel mare delle difficoltà. Di Saamo si è parlato anche nel recente consiglio comunale.

“La situazione è difficile – è intervenuto Paolo Lantero, sindaco di Ovada – Un’inversione di tendenza significativa c’è già stata con l’ultimi bilancio (chiuso in rosso per 177 mila euro ndr). Nell’ultimo anno è stata portata avanti un’opera di revisione della spesa per limitare, dove possibile, le perdite. Le decisioni saranno prese con tutti i sindaci”. E’ meno chiaro cosa si possa fare per rilanciare un’azienda che da tempo non vede la luce in fondo al tunnel. Le ipotesi sono le stesse da anni: sviluppo del noleggio a fini turistici, individuazione di servizi alternativi come ad esempio la riscossione dei parcheggi a pagamento. “In quest’ultimo caso – aggiunge Sciutto – la strada obbligata sarebbe quella della gara con tutte le incognite di queste procedure. Sarebbero necessari investimenti difficili però per un’azienda nella nostra situazione”. E così per recuperare ossigeno in tempi brevi si fanno strada due ipotesi: il lavoro con le banche per ottenere dei prestiti, la possibilità di vendita del capannone storico alla Rebba quando il quartier generale dell’azienda sarà definitivamente trasferito in via Rocca. Non è così improbabile anche un’ipotesi di tagli sulle linee attualmente coperte dai bus. “I sindaci – taglia corto Sciutto – dovranno farsene una ragione”.  

12/10/2018







blog comments powered by Disqus


Terzo Valico, sciopero a oltranza nel cantiere Radimero

Arquata Scrivia | Sciopero a oltranza nel cantiere del Terzo Valico allestito in località Radimero, ad Arquata Scrivia. L'hanno proclamato i sindacati degli edili per protestare contro il mancato pagamento della retribuzione

Mense: sciopero e presidio in piazza della Libertà. "Garantito il pasto alternativo"

Lavoro | E' arrivato il giorno dello sciopero indetto dalla UilTucs per i lavoratori del servizio di refezione scolastica con un presidio in piazza della Libertà dalle 9.30. Intanto "garanzia del pasto di emergenza" con panino, acqua, succo di frutta e merenda da parte delle due aziende Coop Solidarietà e Lavoro per Alessandria e Vivenda su Valenza

'IoLavoro' torna ad Alessandria: da mercoledì 17 aperte le iscrizioni on line

Economia e Lavoro | Giunta alla 22° edizione a Torino e con 20 edizioni locali in diversi territori piemontesi, IOLAVORO può definirsi la più grande job fair italiana

“Analizzare questi 4 anni per guardare al futuro: dal rilancio del manifatturiero alla logistica”

Provincia | Non solo una analisi di questi ultimi anni di “difficoltà” del territorio provinciale ma anche le linee d'indirizzo per il futuro. Un tema come il “lavoro” e l'inclusione sono alla base del XV Congresso della Camera del Lavoro di Alessandria che si terrà il 23 e 24 ottobre a Novi Ligure. “Scelta come simbolo: dall'Ilva, al Terzo Valico, passando per l'Outlet”

"Tartufi, un monopolio di pochi dopo la creazione dei consorzi"

Novi Ligure | Secondo l'Associazione dei liberi tartufai, i consorzi riservano a poche persone la raccolta dei tartufi nelle zone più produttive. Lorenzo Tornato: "Chiediamo una moratoria per evitare che la ricerca dei tartufi diventi solo un business"