Alessandria

Tutto quello che vorresti sapere sul franchising, ma non osi chiedere

Un seminario sulle informazioni in merito alla formula commerciale del franchising e la presentazione dello sportello Franchising Point, operativo da marzo nella sede provinciale di Confesercenti Alessandria. Appuntamento mercoledì 14 marzo alla Camera di Commercio

ALESSANDRIA - Si terrà mercoledì 14 marzo alle 14 nella Sala Attilio Castellani della Camera di Commercio (via Vochieri 58), il seminario organizzato da Confesercenti Alessandria in collaborazione con Federfranchising-Confesercenti. L'obiettivo del seminario è quello di offrire ai partecipanti le dovute informazioni in merito alla formula commerciale del franchising. Una formula di successo, in Italia e all'estero, che continua a crescere: nel 2017 i negozi in affiliazione commerciale hanno generato un fatturato complessivo di 24,2 miliardi, con un incremento dello 0,9% rispetto al 2016. Un risultato raggiunto anche grazie alla continua espansione della rete: i franchisor attivi nel nostro paese sono stati 977 (+2,7% sullo scorso anno), mentre il numero di imprese franchisee affiliate ha raggiunto quota 51.260 (+1%). Sono i numeri che emergono dal report dell'Osservatorio Federfranchising Confesercenti, diffuso in occasione dell'Assemblea annuale 2018.

“Sai realmente cosa sia un'attività in franchising? Sai come affiliarti ad un marchio in franchising? Sai quanto costa aprire un punto vendita in franchising? Ma il locale, deve trovarlo l'affiliato? Come si fa a creare una rete in franchising? Ma i prodotti, a chi li compro? La pubblicità chi la paga? A tutte queste domande, e non solo, i relatori risponderanno per far luce su un settore ancora poco conosciuto nonostante la presenza di tanti marchi in franchising nel nostro paese” dichiara Manuela Ulandi, presidente provinciale di Confesercenti (nella foto):

Nell'ambito dell'iniziativa sarà presentato lo sportello Franchising Point, operativo dal mese di marzo nella sede provinciale di Confesercenti Alessandria per fornire informazioni e assistenza non solo agli imprenditori che operano con la formula del franchising, siano questi franchisor o franchisee, ma anche a chi si avvicina all'affiliazione commerciale per la prima volta. Dalle consulenze su contratti di franchising ai business pian, fino al geomarketing e non solo. Si tratta di un supporto anche a tutte quelle aziende che intendono diventare franchisor, registrando il marchio e fornendo tutte le consulenze necessarie per ampliare la rete di franchising.
Di fatto, Confesercenti opera nel settore attraverso la sua federazione di categoria Federfranchising, alla quale sono iscritti sia i franchisor, ovvero i marchi, sia i franchisee, quindi le aziende che si affiliano ai marchi.
13/03/2018







blog comments powered by Disqus


Docenti precari e indennità NaSpI

Economia e Lavoro | I docenti che vogliono presentare la domanda di disoccupazione hanno a disposizione 68 giorni a partire dalla fine del contratto, ma è consigliabile inoltrare la stessa il prima possibile perché l’indennità decorre dall’8° giorno dal termine del contratto

Lercaro: sbloccati gli stipendi

Ovada | Parziale fumata bianca dopo la crisi di liquidità dovuta al pignoramento dei conti da parte di Proges che aveva portato alla mancata corresponsione della mensilità di maggio

Danobat: nuova realtà industriale in provincia

Bistagno | Il costruttore di macchine utensili ed impianti di produzione inaugura un nuovo sito di 2500 metri quadri. L’azienda intende migliorare la propria posizione in Italia, paese che rappresenta il secondo mercato europeo per importanza nell’ ambito della macchina utensile dopo la Germania

Terra Madre: salvare le biodiversità per salvare noi stessi

Alessandria | Terra Madre Salone del Gusto: da Alessandria a Torino grazie all'impegno di Slow Food per ribadire la centralità della biodiversità.

Koster, Solero Scarl e Euroimpresa: “noi sciacalli? La nostra è l'unica proposta che può salvare Aral, creditori e lavoratori”

Alessandria | Le tre ditte creditrici di Aral si “difendono” dalle accuse di “sciacalli” per le azioni di pignoramento messe in atto e spiegano la loro proposta “impattante e inusuale” ma che è l'unica che può salvare Aral, i creditori e anche tutti i posti di lavoro con una "conversione tra quote e capitale“. Mentre l'offerta di affitto di ramo d'azienda è “antieconomica” con perdite da 100 mila euro al mese e senza speranza per i creditori di recuperare il 50%