Valenza

Valenza tende la mano ai veneti: "Collaboriamo per far crescere VicenzaOro"

Soddisfatti i gioiellieri valenzani del salone appena concluso? "Nì". Presenze in linea con l'anno scorso e più interesse da Cina e Stati Uniti. Per far crescere l'appuntamento gli orafi sono pronti a "dialogare"

VALENZA - Da Vicenza le aziende orafe valenzane non tornano certo entusiaste, almeno per quello che traspare dalle parole di Francesco Barberis, presidente del Gruppo Aziende Orafe Valenzane in seno a Confindustria. “Abbiamo apprezzato gli sforzi che sta facendo VicenzaOro per crescere”, ha commentato di ritorno dalla settimana della ‘moda’ gioielliera di settembre (22-26), secondo appuntamento annuale con la fiera veneta, che dallo slogan non è seconda a nessuno: “VicenzaOro è la più grande vetrina al mondo delle eccellenze italiane e internazionali del comparto orafo e gioielliero”. Oltre sessanta aziende del Distretto Orafo Valenzano vi hanno partecipato, notando un aumento dei visitatori esteri, e in particolare la crescita di quelli provenienti dalla Cina e dagli Stati Uniti. Stabili da Emirati Arabi Uniti e dai Paesi Europei. Non c’è stato il boom di visitatori, più o meno in linea con l’edizione del settembre 2017.

Il Salone ha registrato 1500 buyer, selezionati in collaborazione con il Ministero dello Sviluppo Economico attraverso l’Ice (Agenzia per l’Internazionalizzazione delle imprese italiane) e in stretto coordinamento con Confindustria Federorafi.

Siamo moderatamente soddisfatti del numero e della qualità dei visitatori”. Non si sbilancia Barberis, che però offre collaborazione: “Si è aperto ormai un dialogo stretto tra la nostra Associazione e la direzione della fiera per concordare i prossimi passi rivolti a far diventare il Salone vicentino sempre più un appuntamento decisivo nel panorama fieristico internazionale”.

Persa la fiera a Valenza - in tutti i sensi, visto che Piemonte Expo è stata venduta a Damiani - non resta che allearsi con il concorrente storico, nel settore ancora più fiorente di tutta la provincia. L’export della gioielleria traina ancora l’economia locale, anche se la maggior parte finisce all’estero.
1/10/2018







blog comments powered by Disqus


Mense: "critiche sulla quantità e qualità del servizio ". Ma è un periodo di "transizione"...

Alessandria | Il confronto con Cgil e Uil, i consiglieri comunali, l'amministrazione comunale e le aziende che operano nel servizio c'è stato in commissione consiliare. Dalla direttrice di esecuzione del Comune la conferma "di segnalazioni su quantità e qualità del servizio, o ritardo nella consegna pasti". Le iscrizioni sono in calo dell'11%. Ma dalle aziende rassicurazioni sul controllo e sull'attenzione per la "qualità degli alimenti e delle derrate"

Licenziamento senza un motivo, che tipo di indennizzo?

Economia e Lavoro | Cosa può fare un lavoratore quando viene licenziato senza un motivo, ovvero in caso di licenziamento illegittimo? Quali passi fare per opporsi al licenziamento e soprattutto ha diritto a un indennizzo?

Idee-are: idee di ricerca e innovazione

Fondazione SociAL | Il contributo massimo erogabile per ogni idea di ricerca selezionata e che si svilupperà in un progetto, è di 70.000 euro oneri fiscali inclusi. La presentazione delle proposte avverrà in due fasi. Nella prima fase, con scadenza alle ore 12 del 31 gennaio 2019

Il miele migliore? Per Aspromiele è ancora quello di Corrado e Gabriele

Novi Ligure | Medaglia d'oro al convegno annuale Aspromiele per il miele d'acacia di Corrado Cassano e Gabriele Masucco, che nel 2017 avevano vinto il primo premio assoluto. Premi anche per diversi apicoltori di Novi, Bosio, Castelletto, Fresonara, Gavi, Grondona, Molare, Pozzolo e Voltaggio

Terzo Valico, Toninelli annuncia: andrà avanti

Grandi opere | Il ministro per le Infrastrutture Danilo Toninelli il Terzo Valico “non può che andare avanti”. Un eventuale recesso costerebbe circa 1,2 miliardi di Euro, a fronte di 1.5 miliardi già spesi, su un costo compressivo di 6,2. “Sarebbe uno spreco di risorse pubbliche”. Ma avverte: binari devono arrivare fin dentro il porto di Genova e bisogna poi rendere pienamente operativo lo snodo retroportuale di Alessandria