Editoriale

Ma la nostra è una sana sanità?

Non ci troviamo in un qualche Paese privo di assistenza pubblica e spesso la sanità italiana è citata come una di quelle che funzionano per il cittadino. Il sospetto, però, che qualche risorsa possa essere gestita meglio c’è. E grande. Il nostro gruppo editoriale ha deciso di affrontare nel dettaglio alcuni aspetti che riguardano i servizi sanitari sul nostro territorio. Seguiteci

EDITORIALE – Una disavventura in pronto soccorso. Un soggiorno in qualche reparto d’ospedale rivelatosi più turbolento del previsto. Una visita specialistica prenotata in clinica per salvarsi dai mesi d’attesa a cui spesso ci costringe il servizio sanitario. A tutti è capitato di vivere, personalmente o in famiglia, qualche problema legato ai servizi alla salute. Non ci troviamo in un qualche Paese privo di assistenza pubblica e, a dirla tutta, spesso la sanità italiana è citata come una di quelle che funzionano per il cittadino. Il sospetto che qualche risorsa possa essere gestita meglio, che qualche spreco (per non dire ruberia) sia ormai incancrenito nel sistema e che ci siano margini per migliorare, tuttavia c’è. Inoltre nasce qualche sospetto in più quando il sistema politico, quello intorno alla sanità, si trova spesso troppo vicino agli interessi di quei privati che “se ne approfittano” e troppo lontano da quello dei cittadini e dei malati.

Il nostro gruppo editoriale ha deciso di affrontare nel dettaglio alcuni aspetti che riguardano i servizi sanitari sul nostro territorio e, già in questi primi accenni d’inchiesta, le magagne, anche grosse, non tardano a venire fuori: appalti sospetti con sperpero di risorse che potevano essere risparmiate tout court o reinveste in altri settori più sofferenti del sistema. Proveremo a portare alla luce gli interrogativi più grandi sulla gestione di questo importante comparto di spesa pubblica, nell’interesse del cittadino e nella speranza che un piccolo contributo possa cambiare in meglio qualcosa. Seguiteci.

[Vai in edicola e chiedi “AlessandriaNews e Sport”; in questo numero affrontiamo un aspetto delicato del nostro sistema sanitario provinciale: la sterilizzazione dei ferri chirurgici su cui abbiamo qualche dubbio e qualche domanda. Inoltre, prendiamo in esame i pro e i contro di vivere nei sobborghi delle città della provincia. Sono tanti gli altri argomenti di approfondimento alessandrino e provinciale, oltre che tutti gli aggiornamenti del calcio del fine settimana. Clicca qui per scoprirli]

6/02/2017
Alessio Del Sarto - direttore@alessandrianews.it







blog comments powered by Disqus


Assessori con delega al "copia/incolla"

Editoriale | 1) Si studia la nostra realtà territoriale con strumenti nuovi. 2) Se ne individuano i problemi e la opportunità prioritari. 3) Si attiva un poderoso momento di ricerca delle piccole e grandi iniziative che altrove hanno dato risultati positivi in termini di sviluppo economico o, meglio ancora, di qualità della vita. 4) Le si seleziona in base alla fattibilità (e ad una linea politica) e le si mette in pratica con piccoli interventi, prima sperimentali e poi strutturali. Questo è il metodo dell'assessorato al "copia/incolla" che ipotizziamo in questo articolo.

"Ciccaglioni si dimetta immediatamente": indignazioni per la frase razzista [COMMENTO]

Alessandria | Fanno discutere le affermazioni del neo nominato assessore della Lega Nord, al centro delle polemiche per aver utilizzato l'espressione "abbronzati" riferendosi ad alcuni questuanti e parcheggiatori abusivi, con un chiaro riferimento al colore della pelle. Abbiamo provato anche noi a interrogarci sull'accaduto...

Immigrata prostituta rapina anziana italiana e poi maltratta il suo cucciolo

Editoriale | Incredibile e repentina azione di violenza su una povera pensionata di Alessandria. Ma non bastava: immediatamente dopo, a titolo di sfregio, prende a calci il suo piccolo cucciolo meticcio che da pochi giorni l’anziana signora aveva salvato dal canile

Piccoli settimanali crescono: grazie!

Alessandria | Il primo anno dell’esperienza cartacea è concluso. E’ stata una bella palestra. Potevamo fare meglio? Certo che sì. Siamo già al lavoro per capire come farlo e questo ultimo numero l’abbiamo dedicato a quello. Tante novità dal piglio diverso, dopo un anno di gavetta. A voi lettori, che ci seguite da vicino, supportandoci e bacchettandoci, grazie!

Fondata sul ... ricominciamo da capo

Editoriale | Il lavoro che non c’è, quello che non è più come una volta, quello che non ti permette di vivere fino a fine mese, quello che non si integra con il sistema dell’istruzione… Ma anche quello che può ripartire, insieme ad un nuovo sviluppo, con i ragazzi.