Editoriale

Poveri si nasce... e ci si resta

Proponiamo anche qui l'Editoriale di presentazione dell'edizione di lunedì 26 settembre del nostro gemello da edicola: AlessandriaNews e Sport...

EDITORIALE - Di soldi, in provincia, ce ne sono più di ieri. Non si direbbe, vero? Le diseguaglianze e la povertà, tuttavia, affliggono il nostro territorio. E’ necessario armonizzare la qualità della vita delle persone per evitare l’ultimo strappo, senza appello, del nostro tessuto sociale

I soldi in provincia ci sono. Di soldi, in provincia, ce ne sono più di ieri. Non si direbbe, vero? Negli ultimi anni assistiamo ad una crescita del risparmio. Il ceto medio, impaurito, non spende più come prima: sanno che arriverà l’imprevisto, che un figlio deciderà di aprire una piccola attività e le banche non saranno lì ad aiutarlo, sanno che i “paracaduti” sono pochi e che servirà il risparmio accumulato in una vita di lavoro.

Nonostante il denaro sia nelle banche, però, guadiamo impotenti alla crescita delle percentuali di povertà assoluta, vediamo le mense e i dormitori affollarsi e divenire insufficienti, le code ai servizi sociali hanno pari solo in quelle per il nuovo iPhone 7 (follia dei consumi!).

Sembra una situazione senza uscita che rischia di portarci al collasso vero e disgregare gli ultimi, già fragilissimi, brandelli di tessuto sociale che ci rimangono: come evitiamo la lotta “tutti contro tutti”? Esistono piccole esperienze di microcredito o di solidarietà ma sono cure minime per un problema così profondo. Le banche dovrebbero cambiare? Si, alcune lo stanno facendo ma rimangono ancora troppo ancorate ai modelli classici, forse funzionanti in un Paese che “girava”. L’offerta e la domanda di lavoro sono disordinate: i Centri per l’Impiego funzionano bene? Se non è così, meglio ragionare di altri organi territoriali in grado di agire con velocità, pragmatismo e flessibilità nella mediazione tra imprese e lavoratori.

Dobbiamo tornare ad armonizzare redditi e condizioni di vita delle persone, altrimenti poveri ci si nasce, ci si resta e sempre più spesso ci si diventerà.

[Vai in edicola e chiedi “AlessandriaNews e Sport”; abbiamo sviluppato il tema della povertà in provincia e del ruolo delle nostre banche, assieme a tanti altri contenuti di approfondimento.
Clicca qui per scoprirli]
17/10/2016
Alessio Del Sarto - direttore@alessandrianews.it







blog comments powered by Disqus


Assessori con delega al "copia/incolla"

Editoriale | 1) Si studia la nostra realtà territoriale con strumenti nuovi. 2) Se ne individuano i problemi e la opportunità prioritari. 3) Si attiva un poderoso momento di ricerca delle piccole e grandi iniziative che altrove hanno dato risultati positivi in termini di sviluppo economico o, meglio ancora, di qualità della vita. 4) Le si seleziona in base alla fattibilità (e ad una linea politica) e le si mette in pratica con piccoli interventi, prima sperimentali e poi strutturali. Questo è il metodo dell'assessorato al "copia/incolla" che ipotizziamo in questo articolo.

"Ciccaglioni si dimetta immediatamente": indignazioni per la frase razzista [COMMENTO]

Alessandria | Fanno discutere le affermazioni del neo nominato assessore della Lega Nord, al centro delle polemiche per aver utilizzato l'espressione "abbronzati" riferendosi ad alcuni questuanti e parcheggiatori abusivi, con un chiaro riferimento al colore della pelle. Abbiamo provato anche noi a interrogarci sull'accaduto...

Immigrata prostituta rapina anziana italiana e poi maltratta il suo cucciolo

Editoriale | Incredibile e repentina azione di violenza su una povera pensionata di Alessandria. Ma non bastava: immediatamente dopo, a titolo di sfregio, prende a calci il suo piccolo cucciolo meticcio che da pochi giorni l’anziana signora aveva salvato dal canile

Piccoli settimanali crescono: grazie!

Alessandria | Il primo anno dell’esperienza cartacea è concluso. E’ stata una bella palestra. Potevamo fare meglio? Certo che sì. Siamo già al lavoro per capire come farlo e questo ultimo numero l’abbiamo dedicato a quello. Tante novità dal piglio diverso, dopo un anno di gavetta. A voi lettori, che ci seguite da vicino, supportandoci e bacchettandoci, grazie!

Fondata sul ... ricominciamo da capo

Editoriale | Il lavoro che non c’è, quello che non è più come una volta, quello che non ti permette di vivere fino a fine mese, quello che non si integra con il sistema dell’istruzione… Ma anche quello che può ripartire, insieme ad un nuovo sviluppo, con i ragazzi.