Editoriale

Siamo un posto sicuro. Fino a quando?

Ogni Paese ha i suoi problemi e la sua percezione particolare sul tema della sicurezza ma è oggettivo che qui da noi regni ancora una pace sociale. Fino a quando e come si reggerà, mentre media tendono spesso ad enfatizzare episodi di malavita marginali e alcune parti politiche li cavalcano con colpevole ostinazione?

EDITORIALE - Un amico del Costa Rica, qualche anno fa, mi colpì con queste frasi: “Voi europei non vi rendete conto della fortuna che avete. Potete girare ovunque sul vostro territorio senza paura di essere uccisi o derubati. Ci sono quartieri, da noi, in cui non è un rischio ma una certezza quella di essere esposti a violenza”. Affermato da uno che abita in un Paese demilitarizzato per legge e che viene indicato al primo posto, da decenni, come qualità della vita e felicità della popolazione, deve far riflettere.

Ogni Paese ha i suoi problemi e la sua percezione particolare sul tema della sicurezza ma è oggettivo che qui da noi regni ancora una pace sociale decisamente - a volte incredibilmente - alta. Se questo è valido per l’Italia, ancor più si può applicare alla nostra tranquilla provincia.

E’ necessaria, però, una considerazione in senso opposto. Nonostante i dati delle forze dell’ordine, da anni, evidenzino reati stabili o in calo, l’impressione è che la pentola stia bollendo e che il coperchio stia per saltare. I media tendono spesso ad enfatizzare episodi di malavita marginali e alcune parti politiche li cavalcano con colpevole ostinazione.

Se uniamo questo ad una difficoltà crescente dei portafogli della gente, non è difficile ipotizzare che, a meno di cambi repentini di condizione, la tranquillità sociale possa venir meno. Chi si trova spalle al muro, si può muovere solo in una direzione e non sempre è quella giusta. Scongiurare tutto ciò è possibile ma richiede un’attenzione agli “ultimi” che non si vede espressa in nessun movimento consistente. Fino a quando e come si reggerà?
Alessio Del Sarto

[Vai in edicola e chiedi “AlessandriaNews e Sport”; in questo numero parliamo di sicurezza, tema delicato e dalle diverse prospettive. Poi andiamo in centro storico e cerchiamo di capire a che punto siano le ZTL e il commercio. Sono tanti gli altri argomenti di approfondimento alessandrino e provinciale, oltre che tutti gli aggiornamenti del calcio del fine settimana. Clicca qui per scoprirli]


27/02/2017
Alessio Del Sarto - direttore@alessandrianews.it







blog comments powered by Disqus


Immigrata prostituta rapina anziana italiana e poi maltratta il suo cucciolo

Editoriale | Incredibile e repentina azione di violenza su una povera pensionata di Alessandria. Ma non bastava: immediatamente dopo, a titolo di sfregio, prende a calci il suo piccolo cucciolo meticcio che da pochi giorni l’anziana signora aveva salvato dal canile

Piccoli settimanali crescono: grazie!

Alessandria | Il primo anno dell’esperienza cartacea è concluso. E’ stata una bella palestra. Potevamo fare meglio? Certo che sì. Siamo già al lavoro per capire come farlo e questo ultimo numero l’abbiamo dedicato a quello. Tante novità dal piglio diverso, dopo un anno di gavetta. A voi lettori, che ci seguite da vicino, supportandoci e bacchettandoci, grazie!

Fondata sul ... ricominciamo da capo

Editoriale | Il lavoro che non c’è, quello che non è più come una volta, quello che non ti permette di vivere fino a fine mese, quello che non si integra con il sistema dell’istruzione… Ma anche quello che può ripartire, insieme ad un nuovo sviluppo, con i ragazzi.

Dopo le facce, è l’ora dei programmi

Editoriale  | Da Rita Rossa, “animale” da campagna elettorale, alla faccia dura della dr.ssa Trifoglio, al professor Cuttica e il grillino Serra. E poi tutti gli altri. Facce che ora devono esprimere programmi. Si accendono le fotocopiatrici?

L’uguaglianza è motore di sviluppo

Editoriale | Siamo tutti stati esclusi ed emarginati nella vita. Serve un contesto che traspiri la voglia di valorizzare le diversità. Un disabile, una donna, un transgender ma anche un timido, un giovane o un anziano, sono troppo spesso esposti ad episodi discriminatori…