Editoriale

Tornare belli e utili? Si può fare

Sono molti gli edifici pubblici vuoti e sono sicuro che molti di voi li legheranno a ricordi felici o a grandi aspettative. Le soluzioni amministrative esistono ma non dobbiamo pensare che debbano essere solo le amministrazioni pubbliche a farsi venire in mente qualche idea. E’ ora di dare il via anche alla nostra immaginazione

EDITORIALE - Una parte della mia adolescenza l’ho vissuta al quartiere Cristo di Alessandria. Molti pomeriggi li ho passati al Punto D, un bel centro di aggregazione giovanile pieno di gente e di operatori simpatici. Era l’Italia di una 20ina di anni fa, quando le casse pubbliche potevano permettersi di mantenere e gestire luoghi del genere, di organizzare attività e costruire rapporti fruttuosi con tutto il contesto dei quartieri. E’ un tempo che non torna più. Seppur tra i più piccolini, proprio quel Punto D è nella lista dei luoghi “lasciati indietro” nel corso degli anni e che ora stanno faticosamente cercando di ritrovare l’antica centralità nei quartieri e nella città. Ci mancano quei posti, quel considerare uno spazio pubblico come un’estensione del salotto o della cucina di casa. Ci mancano anche quelli che non sono mai entrati a far parte della vita delle generazioni di oggi (Valfrè, Cittadella, forti vari…). Questa settimana il giornale parla di alcuni di quegli edifici e sono sicuro che molti di voi li legheranno a ricordi felici o a grandi aspettative. Le soluzioni amministrative esistono e possono essere messe in atto ma pensare che debbano essere solo le amministrazioni pubbliche a farsi venire in mente qualche idea brillante per ripopolarli è sbagliato. Esistono già molti casi in Italia di spazi che hanno ripreso una funzione utile alla collettività (commerciale o socio-culturale) e molti di questi hanno preso anima da cittadini e associazioni. Tornare belli e utili si può … ed è ora di dare il via all’immaginazione.


[Vai in edicola e chiedi “AlessandriaNews e Sport”; questa settimana parliamo di spazi vuoti e di possibilità, di lavori per lo stadio dell’Alessandria Calcio, continuiamo il nostro percorso sulla politica locale con interviste ai 2 precedenti sindaci del capoluogo e proponiamo tanti altri contenuti di approfondimento alessandrino e provinciale. Clicca qui per scoprirli]


7/11/2016
Alessio Del Sarto - direttore@alessandrianews.it







blog comments powered by Disqus


Assessori con delega al "copia/incolla"

Editoriale | 1) Si studia la nostra realtà territoriale con strumenti nuovi. 2) Se ne individuano i problemi e la opportunità prioritari. 3) Si attiva un poderoso momento di ricerca delle piccole e grandi iniziative che altrove hanno dato risultati positivi in termini di sviluppo economico o, meglio ancora, di qualità della vita. 4) Le si seleziona in base alla fattibilità (e ad una linea politica) e le si mette in pratica con piccoli interventi, prima sperimentali e poi strutturali. Questo è il metodo dell'assessorato al "copia/incolla" che ipotizziamo in questo articolo.

"Ciccaglioni si dimetta immediatamente": indignazioni per la frase razzista [COMMENTO]

Alessandria | Fanno discutere le affermazioni del neo nominato assessore della Lega Nord, al centro delle polemiche per aver utilizzato l'espressione "abbronzati" riferendosi ad alcuni questuanti e parcheggiatori abusivi, con un chiaro riferimento al colore della pelle. Abbiamo provato anche noi a interrogarci sull'accaduto...

Immigrata prostituta rapina anziana italiana e poi maltratta il suo cucciolo

Editoriale | Incredibile e repentina azione di violenza su una povera pensionata di Alessandria. Ma non bastava: immediatamente dopo, a titolo di sfregio, prende a calci il suo piccolo cucciolo meticcio che da pochi giorni l’anziana signora aveva salvato dal canile

Piccoli settimanali crescono: grazie!

Alessandria | Il primo anno dell’esperienza cartacea è concluso. E’ stata una bella palestra. Potevamo fare meglio? Certo che sì. Siamo già al lavoro per capire come farlo e questo ultimo numero l’abbiamo dedicato a quello. Tante novità dal piglio diverso, dopo un anno di gavetta. A voi lettori, che ci seguite da vicino, supportandoci e bacchettandoci, grazie!

Fondata sul ... ricominciamo da capo

Editoriale | Il lavoro che non c’è, quello che non è più come una volta, quello che non ti permette di vivere fino a fine mese, quello che non si integra con il sistema dell’istruzione… Ma anche quello che può ripartire, insieme ad un nuovo sviluppo, con i ragazzi.