Università

Il gel che ripara le ferite: gli studi del Disit

Lo studio dei meccanismi di base della riparazione di una ferita da parte delle cellule della pelle: i risultati del gruppo di ricerca coordinato dal professor Mauro Patrone pubblicati su diverse riviste scientifiche internazionali

ALESSANDRIA - La guarigione di una ferita è un processo dinamico che coinvolge cellule, matrice extracellulare e vasi sanguigni in una serie di eventi regolata da fattori intra ed extracellulari. Le piastrine contengono fattori di crescita che intervengono nei processi di riparazione dei tessuti. Da una decina di anni questi derivati piastrinici vengono usati con successo nelle pratiche ricostruttive e in tutte le patologie correlate a difficoltà di cicatrizzazione delle ferite quali le ulcere in pazienti anziani affetti da diabete o le piaghe da decubito. Dello studio dei meccanismi di base della riparazione di una ferita da parte delle cellule della pelle si occupa al Disit - Dipartimento di Scienze e Innovazione Tecnologica - dell'università del Piemonte Orientale il gruppo di ricerca coordinato da Mauro Patrone, professore associato di Biochimica, con il collega Bruno Burlando e i post-doc Simona Martinotti e Elia Ranzato.

Il gruppo studia, a livello di ricerca di base, gli effetti cellulari e molecolari del lisato piastrinico per comprendere come le molecole coinvolte, ottenute dalle piastrine del sangue, “informino” le cellule e come queste rispondano rigenerando il tessuto.  “Il lisato piastrinico, un derivato delle piastrine, produce eccellenti risultati in campo clinico nella riparazione di ferite e ulcere - spiega il professor Patrone - allo stato attuale è consentito solo l'uso autologo, ovvero si possono usare prodotti dal sangue del paziente stesso, ma il lavoro di ricerca dei laboratori del Disit è rivolto alla possibilità di comprendere quali sono le biomolecole coinvolte nell’evento di riparazione mediante tecniche di proteomica. Questi studi – aggiunge Patrone - sono svolti in collaborazione con il reparto di Medicina Trasfusionale dell'ospedale di Alessandria, in particolare con il dottor Roberto Guaschino e le dottoresse Laura Mazzucco e Valeria Balbo”.

Da un prelievo di sangue venoso si estraggono le piastrine e da queste viene “spremuto” il concentrato (lisato piastrinico). Gli usi sono molteplici: oltre a quelli già illustrati, il gel piastrinico è utilizzato in odontoiatria per gli interventi di implantologia (mescolato alla matrice ossea del paziente), negli interventi ricostruttivi maxillo-facciali, nei trattamenti anti-age di medicina estetica, in oculistica per trattare le ferite alla cornea, in cardiochirurgia per le operazioni di by pass.  Tra i vantaggi c'è il costo limitato del prodotto e la possibilità di conservarlo per altre applicazioni.

La ricerca è finanziata anche dalla Fondazione Crt e dalla Regione Piemonte e i risultati di questo studio sono stati pubblicati su diverse riviste scientifiche di livello internazionale.
26/11/2013







blog comments powered by Disqus


A quale candidato sei più vicino? Completa il test per scoprirlo

Alessandria | Abbiamo selezionato 10 quesiti particolarmente "caldi" di questa campagna elettorale e li abbiamo posti ai diversi candidati. Ora proponiamo a te lo stesso test: rispondi liberamente (è anonimo) e poi compara le tue scelte con quelle dei diversi aspiranti sindaco. Qual è il candidato che più ti rappresenta?

ATM: com’è cambiato il trasporto pubblico locale?

Alessandria | Con l’intensificarsi dei blocchi anti-inquinamento e l’imminente presentazione da parte dell’Amministrazione di un piano per costruire una vera Ztl in città è bene analizzare alcuni dati relativi al servizio di trasporto pubblico, che sempre meno persone utilizzano ma che probabilmente tanti proveranno a riscoprire in futuro

Movida in provincia: la notte è nera

Inchiesta | Chi non frequenza il mondo della notte e dei locali spesso non può immaginare cosa voglia dire rinunciare a una parte della propria vita più ordinaria per reinventarsi in una dimensione con tempi e regole speciali. Ecco le testimonianze di chi lavora negli ambienti dove vanno a diversi i nostri figli

Migrantes

Opinioni | Immigrazione, problema e opportunità. Da dove partire? Persone: forse dovremmo cominciare a chiamarle semplicemente così, in luogo di “extra-comunitari” o anche solo “emigranti”, anche per ricordarci che prima di essere un “problema”, sono esseri umani

Cittadella in degrado: autobus e pulmino abbandonati. Fra i rifiuti anche l'amianto?

Alessandria | All'interno della Cittadella si trovano, nei cunicoli, rifiuti di ogni genere, compresi elettrodomestici e televisori. Ma è nel fossato che gli abbandoni incontrollati raggiungono il culmine: un vecchio pulmino, una grande corriera e lastre assai sospette che hanno tutta l'aria di essere amianto...