Alessandria

Alex Torchio, l'operaio della musica, record di date con gli Explosion

170 concerti in un anno, una 'vita da zingaro', molto stancante ma gratificante, in cui ha trovato anche l'amore. Il cantante alessandrino torna a casa per una notte, giusto il tempo di uno show e di un brindisi per il Capodanno. Nel futuro: tanti concerti e chissà, canzoni tutte sue.

ALESSANDRIA - Torna a casa per festeggiare il Capodanno, quello alessandrino, e poi via di nuovo a fare la “vita da zingaro”. Alex Torchio frontman degli Explosion, porterà musica e vitalità in viale Repubblica, per brindare nella sua città, dove tutto ebbe inizio.

Una vita per la musica, da quando a 12 anni aveva creato il primo gruppo con gli amici della Media Pavese. A 16 si esibì davanti ai compagni del Saluzzo, e da quel momento capì che la musica e lo spettacolo era quello che voleva fare nella vita e che più desiderava.

“Ho investito tempo e denaro nel canto”, confessa. Una vita passata in sala prove “lasciando perdere la scuola...”. con il suo primo gruppo 'serio' gli Only FM incomincia a girare Italia e Svizzera interpretando il pop rock dei Police, U2, Led Zeppelin.

Nel 2007 la sua grande occasione: l'audizione per un musical di e con Paolo Ruffini sugli anni Ottanta. Furono tre anni intensi e di sicura 'palestra' artistica, ma sempre in tour. Così come con i Divina, più volte avvicinati nel corso della sua carriera artistica. Ma solo nel 2010 le strade si sono incrociate. “Con il gruppo ci siamo divertiti e ho trovato anche la moglie… ma era molto stancante”. Per divergenze artistiche (“volevamo investire più sullo spettacolo”) il gruppo se ne va in blocco e fonda gli Explosion, 170 date in giro per l'Italia nel 2016. “Bisogna avere il fisico”, scherza, “Canto, cerco le date, curiamo le coreografie e lo show. Il segreto? Dosare le energie durante il giorno, parlare poco, per dare il massimo nelle due ore sul palco”.

Il fisico c'è nei suoi trent'anni, ma non sarà sempre così: “Chissà, ancora per una decina posso farcela. Abbiamo fatto anche serate acustiche, col tempo forse...”. Lui che si definisce operaio della musica ammette di amare così tanto questa vita che sarebbe capace di cantare qualsiasi cosa “anche il ballo del qua qua”. Per ora solo cover, anche se “Abbiamo già registrato con dj Molella dei nostri lavori”.

Ma il tempo a disposizione è poco: “Scrivere canzoni impegna molto tempo, e noi ne abbiamo molto poco”.
31/08/2017







blog comments powered by Disqus


5 Stelle alessandrini e Lega: "stare con Salvini? Come giocare a Risiko con un bambino di 2 anni"

Alessandria | Com'è governare insieme l'Italia ma trovarsi all'opposizione ad Alessandria? Lo abbiamo chiesto a Michelangelo Serra, portavoce del M5S, pressato da tanti militanti che chiedono di prendere le distanze da posizioni di governo che non piacciono, specialmente in tema di (non) rispetto dei diritti fondamentali delle persone

Verifica del programma di mandato: a che punto siamo su Commercio e Turismo?

Alessandria | Ecco la prima parte dell'intervista all'assessore al Commercio e Turismo Mattia Roggero, da poco più di un mese al lavoro per sostituire il collega di partito Riccardo Molinari, diventato deputato. Dalla no tax area alla ztl, dalle agevolazioni sui parcheggi al problema dei negozi sfitti, verifichiamo qual è il punto della situazione in città

Rossa: "la scuola è il primo amore. Delusa dalla politica al ribasso di Cuttica"

Alessandria | Dal ritorno all'insegnamento al ruolo all'opposizione, dalla possibilità di future ricandidature fino al giudizio sui primi mesi della giunta Cuttica, ecco le riflessioni di Rita Rossa

Registrare terremoti e fotografare fulmini dal Monferrato per divulgare la scienza

Intervista | Matteo Danova, appassionato di geofisica e meteorologia, ha costruito un sismografo amatoriale e cura assieme ad altri tre ragazzi la pagina Facebook "Osservatorio Geofisico del Monferrato" per la divulgazione di temi scientifici

Sei mesi con Emergency a Kabul. L'esperienza di un'infermiera alessandrina

Intervista | In un paese di 10.000 abitanti dove si contano 2 medici, 5 tra infermieri e ostetriche la presenza di Emergency sul territorio è fondamentale perché nessun servizio è a pagamento. “Ho fatto il mio lavoro con soddisfazione e in un contesto dove è fondamentale e necessario perché gli ospedali non ci sono ma le vittime della guerra, purtroppo, non mancano mai”