Alessandria

Emma Camagna: "Il futuro è incerto, ma noi da giovani abbiamo fatto più sacrifici"

La nota giornalista di Alessandria, 60 anni di carriera, racconta la 'sua' Città piena di contraddizione, ma che non può non amare. I mandrogni, il traffico, la guerra, i giovani e molto altro.

ALESSANDRIA - Non ha bisogno di presentazioni Emma Camagna, 60 anni di carriera giornalistica ad Alessandria, città amata ed odiata allo stesso tempo.

Ha visto l'alba de “L'unica vera conquista industriale, la Michelin” e il tramonto della Borsalino, storie da annali di biblioteche ormai, che i giovani “sempre attaccati ai telefonini” non conoscono più. “Anche perché i ragazzi di oggi non sembrano molto disposti a fare sacrifici, anche se fanno più volontariato”. E ricorda la figlia di una conoscente che non voleva lavorare il sabato in negozio, preferendo le 'vasche' in corso Roma. Inaudito per la decana dei giornalisti che ha sempre lavorato sette giorni su sette: “Ho fatto sacrifici ma sono ancora in salute. Ho lavorato molto, ed ho vissuto”, racconta con un po' di amarezza nel vedere le nuove generazioni poco combattive. “Sono anche altri tempi”, ci pensa su, “Noi uscivamo dall'università sapendo già cosa avremmo fatto da grandi. Il domani era, per così dire, un po' più delineato. Questa è invece una generazione fragile che non sa cosa ne sarà del proprio futuro”.

Dagli Anni '50 Emma Camagna ha raccontato vite, morti e (pochi) miracoli di una città che ovviamente è cambiata con il mutare delle epoche, ma che, alla fine, è rimasta sempre la stessa. Si susseguono le generazioni ma i Mandrogni, alla fine, restano sempre critici, freddi e caustici. Onesti perlopiù (“In tanti anni di cronaca giudiziaria posso dire che sono pochi gli alessandrini delinquenti”), anche se il confine tra truffatori e uomini d'affari, spesso era sottilissimo. In puro stile mandrogno. “Nel raggiro c'era comunque ingegno”, ammette.

Come si vive oggi? “Amo Alessandria, anche se so che non è una bella città. Il centro è una tristezza, con tutti questi negozi che aprono e chiudono alla velocità della luce. I marciapiedi sono tutti rotti, e per me che vado sempre a piedi è un problema. Si, perché Alessandria si può tranquillamente percorrere camminando. Dal Tribunale al centro arrivo prima io che la mia collega in auto, non mi stresso a trovare parcheggio. Faccio movimento e non inquino. Mi piace percorrere adagio via Bissati per gustarmela...”.

Non parlatele del Meier, però (“Non ci sono ancora andata sopra”), preferisce lo stile antico (anche se riconosce il vantaggio idraulico), e non chiedetele di acquistare all'Outlet di Serravalle: “Ci sono andata una volta: mai più. Chi ha i soldi – e ce n'è in città – dovrebbe far girare l'economia nei negozi vicini. E non andare a Milano, per sentirsi migliore degli altri. Gente così è ancora più provinciale”. Della storia recente ricorda le capacità del sindaco Abbiati, il carisma di Basile (“anche se politicamente non era molto...”) e la forza della Calvo, “Spesso ci siamo scontrate”. Sulla politica contemporanea si salva in calcio d'angolo: “E' da un po' che sono lontana dalle cronache politiche...”

Ipse dixit

Pigrizia. Gli Alessandrini sono sempre critici, ma se dai qualcosa rispondono con entusiasmo
Odi et amo.   Ho sempre amato Alessandria: faccio adagio via Bissati per gustarmela
Bellavita. Ho iniziato a vivere a 40 anni, vivo molto meglio adesso


[Intervista tratta dal settimanale 'Alessandria News e Sport' di lunedì 9 gennao 2017]

 
15/01/2017
Giordano Panaro - giordano.panaro@ale







blog comments powered by Disqus


"Dottore, posso portare in bici la mia prostata?"

Sport e salute | Consigli utili per chi vuole praticare uno degli sport più famosi facendo attenzione all'apparato uro-genitale e alla sfera sessuale maschile in generale. È la nuova rubrica del dottor Mauro Silvani, specialista in endocrinologia, indirizzo andrologico

Il viaggio cinematografico del film "Un posto sicuro"

Cinema | Il regista Francesco Ghiaccio : “il film è davvero di tutti, era scritto che tutta questa storia dovesse finire così. Anzi non è ancora finita, manca il lieto fine che tutti si aspettano: la cura al mesotelioma per cancellare per sempre la paura e il dolore, lasciando l’esempio di una città che ha lottato senza rancore, con una rabbia sana, come degli eroi”

La storia di Guido, dalla Romania al Villaggio Profughi: “Ci chiamavano slavi, ma eravamo italiani come loro”

Società | Nel '49 la famiglia di Guido R. lascia la Romania per tornare in Italia, "costretti a scegliere se diventare rumeni o restare italiani". Prima l'arrivo a Tortona alla Caserma Passalacqua, "per noi bimbi era tutto un gioco, ma per gli adulti era dura", poi nel '59 il trasferimento ad Alessandria al Villaggio Profughi, "dove eravamo malvisti, dicevano che gli rubavamo il lavoro. Per molti la città finiva in via Casalcermelli"

Sassi nello stagno: il festival dimenticato di Salsomaggiore Terme

Cinema | Luca Gorreri, regista parmense, si è messo sulle tracce del festival rintracciando immagini di repertorio, documenti, testimonianze utili a ricostruirne la nascita, lo sviluppo e le ragioni della prematura fine.

Alla ricerca della sala: il giro (d’Italia) dei cinema

Intervista | Nicola Curtoni ed Emilia Desantis, due giovani cinefili viaggiatori, hanno raccolto dati, esperienze, immagini: li abbiamo incontrati per ascoltare dalla loro voce il racconto di questo originale e innovativo progetto