Novi Ligure

Francesco Moro, l'ultimo dei comunisti

Intervista all'ex consigliere comunale di Novi Ligure, Francesco Moro

NOVI LIGURE - Francesco Moro è uno che lo incontri in via Girardengo, e ti saluta con il pugno chiuso. Dice di essere l’ultimo dei comunisti. È stato consigliere regionale e consigliere comunale; oggi è il segretario provinciale del Partito comunista dei lavoratori, uno dei 6 partiti che in italia si contendono l’eredità di quella ideologia.

“Viva la rivoluzione!” è il suo saluto tipico. Chiaccherare con lui fa un po’ l’effetto di un tuffo nel passato. I suoi riferimenti sono nomi che non si sentono più nominare spesso: Marx, Lenin, Trockij, Togliatti, e pare di essere negli anni ’70 e non nel 2016. Ma Moro è uno che sostiene con forza l’attualità delle teorie comuniste in questo 2016, e lì per lì ti resta il dubbio se stai parlando di politica, o se sei di fronte a una rievocazione storica. Ci sono tutte le parole d’ordine della comunismo ortodosso, e pare di essere nei giorni dei fatti di Praga, e non alla vigilia dello scontro tra Hillary Clinton e donald Trump.

"La gente spesso mi chiede a quale partito comunista aderisco – ci dice Moro – ma il mio è l’unico partito che raccoglie la tradizione marxista leninista, che si rivolge agli operi delle fabbriche. C’è una dittatura dell’informazione e noi del partito comunista dei lavoratori siamo preclusi da qualsiasi presenza sui giornali e sulle televisioni".
A questo rimedia il Novese: non saremo la Cnn, ma una intervista all’“ultimo comunista di Novi Ligure” la possiamo fare.

I temi di attualità vengono fuori però: il referendum costituzionale, in primis. "Ci siamo schierati con forza per il No, e siamo in compagnia anche di chi ha scelto questa posizione non per una vera convinzione ideologica, ma per convenienza politica".
Francesco Moro è anche vicepresidente della sezione novese dell’Anpi, e anche lì conduce la sua battaglia contro il referendum.
"La situazione attuale del nostro paese e del mondo è sotto gli occhi di tutti: i giovani sono condannati a non aver un futuro, senza un lavoro certo, esposti a ogni sfruttamento e senza la possibilità di farsi una famiglia e una posizione sociale. L’unica cura a questa situazione è l’abbattimento del sistema capitalistico e la nascita di un vero sistema comunista. Gli esperimenti del passato sono falliti perché non erano veramente comunisti".

Il bello di avere una ideologia, è che ha sempre la soluzione per tutto.
"In Italia oggi manca un partito comunista forte e un sindacato forte, che sia al fianco della battaglie dei lavoratori. A Novi, dopo 60 anni, manca in consiglio comunale la presenza dei comunisti e questo è un peccato per la città. L’attuale opposizione cittadina non ha la capacità di rappresentare davvero gli interessi dei cittadini e dei più deboli in particolare. Una voce comunista avrebbe potuto portare avanti temi fondamentali: il no alla vendita della farmacia, il no a quella follia chiamata tav".
Il problema però e che a sinistra, di soggetti che rivendicano l’eredità del Pci, ce ne sono ben 6.
"Divisi, non andiamo lontano. Ma il processo di unione può avvenire solo se qualcuno a un passo indietro...".

Il Pd di Renzi può essere un alleato, o un avversario?
"Noi miriamo all’abbattimento del capitalismo, mentre il Pd oggi è una parodia: è il partito della borghesia, del capitalismo, dei grandi potentati bancari vaticani! A fianco a lui, ci sono due destre. Una debole, morente, che è Forza Italia, e una davvero fascista, quella di Salvini che fa leva sui temi più populisti".
Tu sei segretario provinciale del Pcl: quali gli obbiettivi nel medio periodo?
"All’inizio del prossimo anno celebreremo il congresso nazionale. Prima, ci sarà il congresso provinciale che stiamo organizzando. I 25 iscritti della provincia di Alessandria si riuniranno per decidere i delegati al congresso nazionale, e per la strategia politica verso due importanti appuntamenti elettorali locali: le elezioni amministrative di Alessandria e Acqui Terme. Lavoreremo perché in quelle città gli elettori trovino la nostra lista con il nostro simbolo, la falce e martello".
Chiudiamo con una battuta sull’Anpi: a Novi c’è qualche malumore su come è stato gestito l’ultimo congresso. "Avremmo dovuto essere più coraggiosi. Nell’Anpi è necessario un rinnovamento, quantomeno per ragioni anagrafiche. Di ex combattenti partigiani ce ne sono più pochi, e a Novi avremmo dovuto avere la forza di trovare, come è successo in altre città, un giovane che sapesse rappresentare sia il rinnovamento, che i valori fondanti dell’antifascismo... Questo ci avrebbe permesso di rilanciare con forza i nostri valori".
19/10/2016
Andrea Vignoli - a.vignoli@ilnovese.info







blog comments powered by Disqus


Registrare terremoti e fotografare fulmini dal Monferrato per divulgare la scienza

Intervista | Matteo Danova, appassionato di geofisica e meteorologia, ha costruito un sismografo amatoriale e cura assieme ad altri tre ragazzi la pagina Facebook "Osservatorio Geofisico del Monferrato" per la divulgazione di temi scientifici

Sei mesi con Emergency a Kabul. L'esperienza di un'infermiera alessandrina

Intervista | In un paese di 10.000 abitanti dove si contano 2 medici, 5 tra infermieri e ostetriche la presenza di Emergency sul territorio è fondamentale perché nessun servizio è a pagamento. “Ho fatto il mio lavoro con soddisfazione e in un contesto dove è fondamentale e necessario perché gli ospedali non ci sono ma le vittime della guerra, purtroppo, non mancano mai”

Alex Torchio, l'operaio della musica, record di date con gli Explosion

Alessandria | 170 concerti in un anno, una 'vita da zingaro', molto stancante ma gratificante, in cui ha trovato anche l'amore. Il cantante alessandrino torna a casa per una notte, giusto il tempo di uno show e di un brindisi per il Capodanno. Nel futuro: tanti concerti e chissà, canzoni tutte sue.

Barosini: "I lavori alle cooperative? Da rivedere, qualcosa non funziona"

Alessandria | Dal Ponte Tiziano alla piscina comunale, passando per i cimiteri e il verde pubblico. Parla Giovanni Barosini, neo assessore che vuole rivedere alcuni meccanismi di assegnazione dei lavori, per migliorare l'efficienza e risparmiare sulle già magre casse comunali.

Marta Menditto, 'mandrogna di ferro' sul tetto d'Europa... con la media dell'8

Sport | Ha 18 anni e vive al quartiere Orti la nuova campionessa europea juniores di Cross Duathlon (argento nella gara di triathlon). Si chiama Marta Menditto e mercoledì 23 sarà al via dei Mondiali di Penticton in Canada. Sogna le Olimpiadi e, nonostante si alleni ogni giorno, a scuola è una vera 'secchiona'