Novi Ligure

Francesco Moro, l'ultimo dei comunisti

Intervista all'ex consigliere comunale di Novi Ligure, Francesco Moro

NOVI LIGURE - Francesco Moro è uno che lo incontri in via Girardengo, e ti saluta con il pugno chiuso. Dice di essere l’ultimo dei comunisti. È stato consigliere regionale e consigliere comunale; oggi è il segretario provinciale del Partito comunista dei lavoratori, uno dei 6 partiti che in italia si contendono l’eredità di quella ideologia.

“Viva la rivoluzione!” è il suo saluto tipico. Chiaccherare con lui fa un po’ l’effetto di un tuffo nel passato. I suoi riferimenti sono nomi che non si sentono più nominare spesso: Marx, Lenin, Trockij, Togliatti, e pare di essere negli anni ’70 e non nel 2016. Ma Moro è uno che sostiene con forza l’attualità delle teorie comuniste in questo 2016, e lì per lì ti resta il dubbio se stai parlando di politica, o se sei di fronte a una rievocazione storica. Ci sono tutte le parole d’ordine della comunismo ortodosso, e pare di essere nei giorni dei fatti di Praga, e non alla vigilia dello scontro tra Hillary Clinton e donald Trump.

"La gente spesso mi chiede a quale partito comunista aderisco – ci dice Moro – ma il mio è l’unico partito che raccoglie la tradizione marxista leninista, che si rivolge agli operi delle fabbriche. C’è una dittatura dell’informazione e noi del partito comunista dei lavoratori siamo preclusi da qualsiasi presenza sui giornali e sulle televisioni".
A questo rimedia il Novese: non saremo la Cnn, ma una intervista all’“ultimo comunista di Novi Ligure” la possiamo fare.

I temi di attualità vengono fuori però: il referendum costituzionale, in primis. "Ci siamo schierati con forza per il No, e siamo in compagnia anche di chi ha scelto questa posizione non per una vera convinzione ideologica, ma per convenienza politica".
Francesco Moro è anche vicepresidente della sezione novese dell’Anpi, e anche lì conduce la sua battaglia contro il referendum.
"La situazione attuale del nostro paese e del mondo è sotto gli occhi di tutti: i giovani sono condannati a non aver un futuro, senza un lavoro certo, esposti a ogni sfruttamento e senza la possibilità di farsi una famiglia e una posizione sociale. L’unica cura a questa situazione è l’abbattimento del sistema capitalistico e la nascita di un vero sistema comunista. Gli esperimenti del passato sono falliti perché non erano veramente comunisti".

Il bello di avere una ideologia, è che ha sempre la soluzione per tutto.
"In Italia oggi manca un partito comunista forte e un sindacato forte, che sia al fianco della battaglie dei lavoratori. A Novi, dopo 60 anni, manca in consiglio comunale la presenza dei comunisti e questo è un peccato per la città. L’attuale opposizione cittadina non ha la capacità di rappresentare davvero gli interessi dei cittadini e dei più deboli in particolare. Una voce comunista avrebbe potuto portare avanti temi fondamentali: il no alla vendita della farmacia, il no a quella follia chiamata tav".
Il problema però e che a sinistra, di soggetti che rivendicano l’eredità del Pci, ce ne sono ben 6.
"Divisi, non andiamo lontano. Ma il processo di unione può avvenire solo se qualcuno a un passo indietro...".

Il Pd di Renzi può essere un alleato, o un avversario?
"Noi miriamo all’abbattimento del capitalismo, mentre il Pd oggi è una parodia: è il partito della borghesia, del capitalismo, dei grandi potentati bancari vaticani! A fianco a lui, ci sono due destre. Una debole, morente, che è Forza Italia, e una davvero fascista, quella di Salvini che fa leva sui temi più populisti".
Tu sei segretario provinciale del Pcl: quali gli obbiettivi nel medio periodo?
"All’inizio del prossimo anno celebreremo il congresso nazionale. Prima, ci sarà il congresso provinciale che stiamo organizzando. I 25 iscritti della provincia di Alessandria si riuniranno per decidere i delegati al congresso nazionale, e per la strategia politica verso due importanti appuntamenti elettorali locali: le elezioni amministrative di Alessandria e Acqui Terme. Lavoreremo perché in quelle città gli elettori trovino la nostra lista con il nostro simbolo, la falce e martello".
Chiudiamo con una battuta sull’Anpi: a Novi c’è qualche malumore su come è stato gestito l’ultimo congresso. "Avremmo dovuto essere più coraggiosi. Nell’Anpi è necessario un rinnovamento, quantomeno per ragioni anagrafiche. Di ex combattenti partigiani ce ne sono più pochi, e a Novi avremmo dovuto avere la forza di trovare, come è successo in altre città, un giovane che sapesse rappresentare sia il rinnovamento, che i valori fondanti dell’antifascismo... Questo ci avrebbe permesso di rilanciare con forza i nostri valori".
19/10/2016
Andrea Vignoli - a.vignoli@ilnovese.info







blog comments powered by Disqus


"Dottore, posso portare in bici la mia prostata?"

Sport e salute | Consigli utili per chi vuole praticare uno degli sport più famosi facendo attenzione all'apparato uro-genitale e alla sfera sessuale maschile in generale. È la nuova rubrica del dottor Mauro Silvani, specialista in endocrinologia, indirizzo andrologico

Il viaggio cinematografico del film "Un posto sicuro"

Cinema | Il regista Francesco Ghiaccio : “il film è davvero di tutti, era scritto che tutta questa storia dovesse finire così. Anzi non è ancora finita, manca il lieto fine che tutti si aspettano: la cura al mesotelioma per cancellare per sempre la paura e il dolore, lasciando l’esempio di una città che ha lottato senza rancore, con una rabbia sana, come degli eroi”

La storia di Guido, dalla Romania al Villaggio Profughi: “Ci chiamavano slavi, ma eravamo italiani come loro”

Società | Nel '49 la famiglia di Guido R. lascia la Romania per tornare in Italia, "costretti a scegliere se diventare rumeni o restare italiani". Prima l'arrivo a Tortona alla Caserma Passalacqua, "per noi bimbi era tutto un gioco, ma per gli adulti era dura", poi nel '59 il trasferimento ad Alessandria al Villaggio Profughi, "dove eravamo malvisti, dicevano che gli rubavamo il lavoro. Per molti la città finiva in via Casalcermelli"

Sassi nello stagno: il festival dimenticato di Salsomaggiore Terme

Cinema | Luca Gorreri, regista parmense, si è messo sulle tracce del festival rintracciando immagini di repertorio, documenti, testimonianze utili a ricostruirne la nascita, lo sviluppo e le ragioni della prematura fine.

Alla ricerca della sala: il giro (d’Italia) dei cinema

Intervista | Nicola Curtoni ed Emilia Desantis, due giovani cinefili viaggiatori, hanno raccolto dati, esperienze, immagini: li abbiamo incontrati per ascoltare dalla loro voce il racconto di questo originale e innovativo progetto