Basaluzzo

“L’usignolo e occhi di cielo”. L’amore al tempo della guerra

Una nuova avventura letteraria è iniziata per Stefania Chiappalupi, scrittrice di Basaluzzo originaria di Roma che, dopo “Un’occasione unica”, dà alle stampe “L’usignolo e occhi di cielo”, sempre con MR Editori

BASALUZZO - Una nuova avventura letteraria è iniziata per Stefania Chiappalupi, scrittrice di Basaluzzo originaria di Roma che, dopo “Un’occasione unica”, dà alle stampe “L’usignolo e occhi di cielo”, sempre con MR Editori.

La passione per la scrittura accompagna Chiappalupi da molto tempo: "a 12 anni ho iniziato con le poesie. La mia prima si intitola “Uomo” e l’ho scritta dopo un concerto di Renato Zero, è dedicata a lui. Durante il liceo, ho scritto il mio primo romanzo che è rimasto inedito per mia volontà, ero molto giovane, non avevo interesse di espormi al pubblico. Per “Un’occasione unica”, invece, ho voluto fortemente la pubblicazione. Dopo anni di rifiuti e ricerche, nel maggio 2014 è andato alle stampe, con grande soddisfazione.".

“L’usignolo e occhi di cielo” parla di una particolare storia d’amore nata durante la Seconda guerra mondiale. Il titolo del romanzo fa riferimento ai nomignoli che i due innamorati si danno a vicenda: Caterina ha una voce bella e acuta come quella di un usignolo; Alessandro ha due occhi meravigliosi, color del cielo.

"La relazione è inventata – spiega Chiappalupi – ma parlo anche di avvenimenti realmente accaduti, raccontatimi da mia madre: è un modo per donare al lettore pagine di storia nuove, inedite. Questo libro è un omaggio a tutte le vittime della Seconda guerra mondiale. Mia mamma è orfana di guerra e dalla sua esperienza ho tratto informazioni e ispirazione.".

Una narrazione inusuale, con una scrittura efficace, a tratti discreta e delicata e a tratti intensa, con un finale a sorpresa, ambientata in un periodo storico che, da una parte, è ancora molto vicino a noi ma, dall’altra, viene percepito come lontano, soprattutto per le consuetudini di una società ormai perduta: "all’inizio, ho trovato difficoltà nello scrivere la storia d’amore, soprattutto la fase del fidanzamento: i tempi sono cambiati, non si può fare riferimento ai rapporti odierni, all’epoca le relazioni erano molto diverse, i valori erano differenti. Questo spero susciti curiosità, soprattutto nei più giovani, nello scoprire come potevano vivere i rapporti personali i nostri nonni o bisnonni.".

Un romanzo tra l’amore e una storia che continua ad affascinare e suscitare interesse: "ancora molte persone della nostra società hanno vissuto la Seconda guerra mondiale e ancora oggi ne portano i segni e i cambiamenti suscitati nella vita, le conseguenze nel corpo e soprattutto nell’anima.".

Anche “L’usignolo e occhi di cielo” è un romance, il genere preferito da Chiappalupi: "è il tipo di storie che mi è più congeniale, che mi piace raccontare. Già le mie prime poesie erano dedicate all’amore, ho una passione per il romance, non mi vedo scrittrice in altro genere.".
 
17/10/2016
Benedetta Acri - b.acri@ilnovese.info







blog comments powered by Disqus


Il viaggio cinematografico del film "Un posto sicuro"

Cinema | Il regista Francesco Ghiaccio : “il film è davvero di tutti, era scritto che tutta questa storia dovesse finire così. Anzi non è ancora finita, manca il lieto fine che tutti si aspettano: la cura al mesotelioma per cancellare per sempre la paura e il dolore, lasciando l’esempio di una città che ha lottato senza rancore, con una rabbia sana, come degli eroi”

La storia di Guido, dalla Romania al Villaggio Profughi: “Ci chiamavano slavi, ma eravamo italiani come loro”

Società | Nel '49 la famiglia di Guido R. lascia la Romania per tornare in Italia, "costretti a scegliere se diventare rumeni o restare italiani". Prima l'arrivo a Tortona alla Caserma Passalacqua, "per noi bimbi era tutto un gioco, ma per gli adulti era dura", poi nel '59 il trasferimento ad Alessandria al Villaggio Profughi, "dove eravamo malvisti, dicevano che gli rubavamo il lavoro. Per molti la città finiva in via Casalcermelli"

Sassi nello stagno: il festival dimenticato di Salsomaggiore Terme

Cinema | Luca Gorreri, regista parmense, si è messo sulle tracce del festival rintracciando immagini di repertorio, documenti, testimonianze utili a ricostruirne la nascita, lo sviluppo e le ragioni della prematura fine.

Alla ricerca della sala: il giro (d’Italia) dei cinema

Intervista | Nicola Curtoni ed Emilia Desantis, due giovani cinefili viaggiatori, hanno raccolto dati, esperienze, immagini: li abbiamo incontrati per ascoltare dalla loro voce il racconto di questo originale e innovativo progetto

Sezione femminile: un film “fuori norma”

Intervista | Eugenio Melloni, regista bolognese, coordina il progetto di ricerca sperimentale “Memofilm, a memoria di uomo” sull’uso del cinema come terapia di supporto ai malati di demenza e cura un Laboratorio Cinema presso la Sezione Femminile del Carcere di Bologna