Novi Ligure

Lolaico: "Novi? Sempre più bella..."

Abbiamo incontrato Alfredo Lolaico, consigliere comunale al suo secondo mandato e presidente della commissione consiliare Lavori Pubblici del Comune di Novi Ligure

NOVI LIGURE - Abbiamo incontrato Alfredo Lolaico, consigliere comunale al suo secondo mandato e presidente della commissione consigliare Lavori Pubblici di Noi Ligure. Alfredo è un tipo pratico: se un cittadino o un ufficio lo chiamano per segnalare un problema o un'idea, va a vedere di persona, sempre.
"Devo vedere sempre con i miei occhi, e parlare di persona con i cittadini e con gli uffici, possibilmente subito".
Su cellulare ha centinaia di foto scattate da lui o mandate dai cittadini: un buco lungo la strada, un lampione lesionato, un cartello stradale coperto dalle fronde di un albero.
"Di fianco ai grandi progetti, dobbiamo tenere sotto controllo la quotidianità della città, i suoi piccoli problemi di manutenzione che però possono anche essere grandi per i cittadini".

Uno dei primi indicatori, è quello della pulizia della città. "Io non credo che Novi sia più o meno pulita di qualche anno fa, e che sia differente da altre città di dimensioni simili. Le risorse sono limitate, e quindi c'è un continuo lavoro per bilanciare l'efficienza del servizio e il suo costo. Mi sembra però che stiano aumentando le persone che sporcano, e questo è un problema. Se in una via uno abbandona un sacchetto di spazzatura, può restare lì fino al mattino dopo, e tutti quelli che passano, lo vedono e dicono che Novi è sporca. Lo stesso vale per gli abbandoni dei rifiuti nei pressi dei cassonetti o in luoghi isolati. Dobbiamo investire di più sulla comunicazione con i cittadini, sull'educazione civica...".

Magari facendo qualche multa?
"Certo. Le multe danno fastidio ai cittadini che le prendono, ma possono anche far piacere a chi fa il suo dovere correttamente e lo vede vanificato da persone incivili. Il primo impegno deve essere sul fronte della comunicazione, dell'educazione. Poi, se qualcuno proprio non capisce che non può portare il proprio cane a fare i bisogni dove gli pare e far finta di nulla, una bella multa serve sicuramente a chiarirgli le idee".

Come procede il lavoro della commissione?
"A breve faremo il punto sui lavori eseguiti e in corso, che sono tanti. Abbiamo terminato il posteggio davanti al centro fieristico, rifatta piazza Matteotti, via Solferino, via Antica genova, solo per citarne alcuni. Stiamo partendo con la riqualificazione dell'area Z3 che prevede la costruzione di una parcheggio a due piani dove c'era il macello civico, e il recupero della Cavallerizza".

Novi sta cambiando faccia?
"Più che altro, si sta facendo bella! Pensa a quando, nel 2017, riavremo in via Girardengo il Teatro Marenco e il cinema, come cambierà la vita del nostro centro storico".

Va bene per il centro storico, ma le periferie?

"Nel basso Pieve c'è il cantiere del Terzo Valico, e faranno anche un'opera fondamentale per la città che è il nuovo scolmatore del Rio gazzo, per attutire eventi drammatici come l'alluvione di due anni fa. Ci sono delle risorse economiche che arriveranno dal terzo valico, a compensazione dell'impermeabilizzazione del terreno, e che saranno usate sulle periferie: nel basso pieve, alla Barbellotta, alla Merella e altre zone".

Quindi questa amministrazione sta lavorando bene.

"Le nostre amministrazioni hanno lavorato molto bene, negli anni. Se non avessimo tenuto sotto controllo le finanze pubbliche con un lavoro che è partito varie giunte fa, oggi non saremmo qui. Abbiamo tenuto in ordine i nostri conti senza scaricare spese ulteriori sui cittadini alzando le imposte comunali, creando i presupposti perchè si potesse investire senza rischiare di equilibri di bilancio. Un lavoro che si sta concretizzando sotto la guida del sindaco Muliere, uno stakanovista che lavora 18 ore al giorno, sabati e domenica compresi, per la città, e alla fine i risultati si vedono".

Tu sei un uomo di sport, e hai giocato nella Novese quando la squadra era ancora ben viva e vegeta. Che effetto ti fa vedere che fine ha fatto?
"Posso essere un po' polemico? Non è che lo sport a Novi sia solo la Novese! Voglio dire, se è finita in mano ad imprenditori che sono riusciti solo a far debiti, anche nei confronti del comune, non è che possiamo scaricare i loro conti sulle spalle dei cittadini per farci fare belli e dire che l'abbiamo salvata! Il compito del comune, sullo sport, è fondamentale e alcune cose, devo ammetterlo, non mi piacciono. Ti faccio un esempio che parte dalla mia storia personale: in casa mia eravamo otto fratelli, più i miei genitori. Eravamo poveri, non mi vergogno a dirlo, e se io ho potuto fare sport è perchè, ai miei tempi, erano tutto gratis. Oggi come oggi, la mia famiglia non si sarebbe potuta permettere di farmi giocare a pallone. Questo è profondamente ingiusto: non si può pensare che a Novi, ormai, far sport sia diventata una cosa per i bambini che se lo possono permettere, ma purtroppo è così. Su questo deve interventire il comune, non sui conti in rosso della novese! Noi dobbiamo investire su tutti gli sport, sulle strutture, puntando sul fondamentale valore educativo dell'attività sportiva, sul diritto di tutti a farla".

Una battuta sulla politica: come andrà con il referendum costituzionale?

"E fondamentale che i cittadini dicano sì alla riforma. Dobbiamo lavorare per spiegare a tutti le ragioni della modifiche costituzionali, e l'effetto che avranno sul nostro paese. Per noi, ad esempio, il superamento del patto di stabiltà voluto dal viceministro Morando significa poter investire sulla nostra città. C'è un processo di cambiamento, di sburocratizzazione, in corso, che sarebbe davvero sbagliato fermare".
30/10/2016
Andrea Vignoli - a.vignoli@ilnovese.info







blog comments powered by Disqus


"Dottore, posso portare in bici la mia prostata?"

Sport e salute | Consigli utili per chi vuole praticare uno degli sport più famosi facendo attenzione all'apparato uro-genitale e alla sfera sessuale maschile in generale. È la nuova rubrica del dottor Mauro Silvani, specialista in endocrinologia, indirizzo andrologico

Il viaggio cinematografico del film "Un posto sicuro"

Cinema | Il regista Francesco Ghiaccio : “il film è davvero di tutti, era scritto che tutta questa storia dovesse finire così. Anzi non è ancora finita, manca il lieto fine che tutti si aspettano: la cura al mesotelioma per cancellare per sempre la paura e il dolore, lasciando l’esempio di una città che ha lottato senza rancore, con una rabbia sana, come degli eroi”

La storia di Guido, dalla Romania al Villaggio Profughi: “Ci chiamavano slavi, ma eravamo italiani come loro”

Società | Nel '49 la famiglia di Guido R. lascia la Romania per tornare in Italia, "costretti a scegliere se diventare rumeni o restare italiani". Prima l'arrivo a Tortona alla Caserma Passalacqua, "per noi bimbi era tutto un gioco, ma per gli adulti era dura", poi nel '59 il trasferimento ad Alessandria al Villaggio Profughi, "dove eravamo malvisti, dicevano che gli rubavamo il lavoro. Per molti la città finiva in via Casalcermelli"

Sassi nello stagno: il festival dimenticato di Salsomaggiore Terme

Cinema | Luca Gorreri, regista parmense, si è messo sulle tracce del festival rintracciando immagini di repertorio, documenti, testimonianze utili a ricostruirne la nascita, lo sviluppo e le ragioni della prematura fine.

Alla ricerca della sala: il giro (d’Italia) dei cinema

Intervista | Nicola Curtoni ed Emilia Desantis, due giovani cinefili viaggiatori, hanno raccolto dati, esperienze, immagini: li abbiamo incontrati per ascoltare dalla loro voce il racconto di questo originale e innovativo progetto