Cinema

Maurizio Nichetti: “Il cinema? Un bel modo di passare il tempo”

L'attore, mimo, regista e sceneggiatore, ospite al Festival Adelio Ferrero, nella sua autobiografia racconta l’esperienza di quarant’anni di cinema. L'intervista di Barbara Rossi

CINEMA - Maurizio Nichetti, artista milanese poliedrico e versatile - attore, mimo, regista e sceneggiatore - ha conquistato le platee mondiali con i suoi film poetici, astratti, divertenti e leggeri ma carichi di un’attenzione incessante verso tutto ciò che è umano.  Nella sua autobiografia - pubblicata nel 2017 per le edizioni Bietti Heterotopia - Nichetti racconta l’esperienza di quarant’anni di cinema, dalla fondazione della cooperativa teatrale QuellidiGrock al lavoro di sceneggiatore nello studio di Bruno Bozzetto, dal suo primo lungometraggio - Ratataplan, Nastro d’Argento nel 1980 - ai successivi Ho fatto splash, Ladri di saponette, Volere volare, Luna e l’altra, che gli hanno fatto conquistare altri due Nastri d’Argento e un David di Donatello. E poi le trasmissioni televisive, la partecipazione a prestigiosi festival internazionali, l’insegnamento universitario, gli incontri con Jacques Tati e Charlie Chaplin, l’amicizia con Nanni Moretti, Massimo Troisi e Roberto Benigni.

A Maurizio Nichetti, in questi giorni tra gli ospiti, ad Alessandria, del Festival Adelio Ferrero di cinema e critica, abbiamo rivolto qualche domanda sul suo libro, a partire dal titolo.

Com’è nata l’idea della tua “Autobiografia involontaria” e quali le ragioni di questo titolo?
È nata dalla voglia di raccontare i cambiamenti nei linguaggi audiovisivi che ho vissuto direttamente durante la mia attività professionale.  Parlando di questo e appoggiandomi, inevitabilmente, a ricordi personali e a testimonianze dirette mi sono ritrovato “involontariamente” a realizzare anche una sorta di mia autobiografia.

La tua carriera è iniziata con gli studi di mimo, il lavoro con Bruno Bozzetto e la fondazione del laboratorio teatrale “QuellidiGrock”. Che cosa è rimasto di quelle lontane esperienze nella tua vita attuale e nel tuo modo di fare cinema oggi?  
Noi siamo quello che abbiamo vissuto. Forse non è un caso se, dopo quarant’anni, oggi mi ritrovo ancora impegnato nella didattica al Centro Sperimentale di Milano e allo Iulm.  Ho fondato la Cooperativa Quellidigrock a 25 anni e avevo allievi di mimo molto più vecchi di me.  Oggi insegnare alle nuove generazioni nasconde anche il desiderio di continuare a dialogare con una generazione che ha il dovere di credere nel futuro.  Aiutarli ad essere molto pragmatici e sognatori, nello stesso tempo, può essere utile.

Com’è cambiato il cinema italiano negli ultimi decenni, anche a livello di utilizzo delle nuove tecnologie?
È più semplice dire cosa non è cambiato. Prima di tutto la necessità di raccontare storie con le immagini.  Per il resto nulla è uguale al passato, dalla tecnologia di ripresa, alla distribuzione, alle piattaforme on demand.  Ma di “cinema”, in senso lato, non potremo mai farne a meno.

C’è un film, tra quelli che hai girato, a cui sei più affezionato, magari legato a un ricordo, a una persona, a un aneddoto particolare?
Il primo è quello che ti da più emozioni, il secondo più preoccupazioni, poi c’è quello a cui sei affezionato perché ti ha dato tante delusioni, quello che ricordi con piacere perché ha avuto una lunghissima gestazione... tutti, per una ragione o per l’altra sono difficili da dimenticare.

E c’è, invece, un personaggio del mondo del cinema, fra quelli che hai conosciuto e che racconti nella tua autobiografia, che ti è rimasto di più nella memoria?
Prendere un tè a casa di Tati non capita tutti i giorni... è un capitolo che ho deciso di scrivere solo dopo che la figlia di Tati, ad un convegno a Pordenone, lo ha ricordato.  Lei ci aveva preparato il tè e mi ha confermato, col suo racconto, che non era stato un sogno, ma pura realtà.

Che cosa consiglieresti ai giovani che vogliono intraprendere una carriera nel cinema come hai fatto tu?
Che devono cercare una loro strada nella realtà produttiva e distributiva di oggi.  Io ho debuttato con “Ratataplan” uscito in una sala a Milano e rimasto in proiezione nello stesso cinema per sei mesi.  Oggi i grandi successi devono raccogliere consensi in due, tre settimane al massimo.  Non è facile fare un film da distribuire in 1400 copie... Ma sono sicuro che un giovane avrà l’entusiasmo e la spudoratezza di credere nei miracoli.  Anch’io se non ci avessi creduto non avrei mai fatto questo mestiere.

Che cos’è il cinema per Maurizio Nichetti?
Un bel modo di passare il tempo.   
Le biografie possono risultare noiose: elenchi di nomi, date e fatti ricostruiti con inutile meticolosità, apprezzabili solo per una loro verità storica. Le autobiografie possono essere anche peggio: nomi, date e fatti assolutamente non verificabili, inutili quindi anche a chi cerca verità storiche. Una vita è fatta soprattutto di momenti, che ti ritornano alla mente in modo disordinato e casuale, ma sempre emozionante. Io ho cercato, in tutti i miei film, di trasmettere storie e di raccontare personaggi, ma soprattutto di descrivere emozioni. Quel mare di emozioni che ognuno di noi vive sin dalla nascita e alle volte riaffiorano, come e quando vogliono, dentro un pensiero, un’inquadratura, una pagina di libro.
Maurizio Nichetti
13/10/2018







blog comments powered by Disqus


"Dottore, posso portare in bici la mia prostata?"

Sport e salute | Consigli utili per chi vuole praticare uno degli sport più famosi facendo attenzione all'apparato uro-genitale e alla sfera sessuale maschile in generale. È la nuova rubrica del dottor Mauro Silvani, specialista in endocrinologia, indirizzo andrologico

Il viaggio cinematografico del film "Un posto sicuro"

Cinema | Il regista Francesco Ghiaccio : “il film è davvero di tutti, era scritto che tutta questa storia dovesse finire così. Anzi non è ancora finita, manca il lieto fine che tutti si aspettano: la cura al mesotelioma per cancellare per sempre la paura e il dolore, lasciando l’esempio di una città che ha lottato senza rancore, con una rabbia sana, come degli eroi”

La storia di Guido, dalla Romania al Villaggio Profughi: “Ci chiamavano slavi, ma eravamo italiani come loro”

Società | Nel '49 la famiglia di Guido R. lascia la Romania per tornare in Italia, "costretti a scegliere se diventare rumeni o restare italiani". Prima l'arrivo a Tortona alla Caserma Passalacqua, "per noi bimbi era tutto un gioco, ma per gli adulti era dura", poi nel '59 il trasferimento ad Alessandria al Villaggio Profughi, "dove eravamo malvisti, dicevano che gli rubavamo il lavoro. Per molti la città finiva in via Casalcermelli"

Sassi nello stagno: il festival dimenticato di Salsomaggiore Terme

Cinema | Luca Gorreri, regista parmense, si è messo sulle tracce del festival rintracciando immagini di repertorio, documenti, testimonianze utili a ricostruirne la nascita, lo sviluppo e le ragioni della prematura fine.

Alla ricerca della sala: il giro (d’Italia) dei cinema

Intervista | Nicola Curtoni ed Emilia Desantis, due giovani cinefili viaggiatori, hanno raccolto dati, esperienze, immagini: li abbiamo incontrati per ascoltare dalla loro voce il racconto di questo originale e innovativo progetto