Serravalle Scrivia

“Mercoledì”, opera prima per Viviana Albanese

Viviana Albanese, cresciuta a Serravalle Scrivia poi stabilitasi a Stazzano, ha fatto il “grande passo” nell’editoria, dando alle stampe il suo primo romanzo ufficiale, “Mercoledì”, edito da Puntoacapo, che l’autrice presenterà alla biblioteca di Serravalle, introdotta da Mauro Ferrari

SERRAVALLE SCRIVIA - Viviana Albanese, cresciuta a Serravalle Scrivia poi stabilitasi a Stazzano, ha fatto il “grande passo” nell’editoria, dando alle stampe il suo primo romanzo ufficiale, “Mercoledì”, edito da Puntoacapo, che l’autrice presenterà alla biblioteca di Serravalle venerdì 23 settembre alle 21.00, introdotta da Mauro Ferrari.

Albanese è spinta dalla passione: "ho sempre avuto bisogno di scrivere, di inventare storie, fin dalle elementari. Prima di questo libro ci sono state due autopubblicazioni".

“Mercoledì” racconta la relazione dolceamara tra Margherita, commessa laureata di Genova trasferitasi a Stazzano, e Martin, un rappresentante del Trentino Alto Adige, due mondi opposti che si attraggono e respingono al contempo, un incontro/scontro che scombussola le loro vite.

Il romanzo nasce proprio dal contrasto: "la storia ha avuto origine dall’idea di due personaggi provenienti da realtà diverse, inventati ma con i quali ci si identifica facilmente. Quando scrivo non seguo uno schema, è il carattere dei personaggi che crea mano a mano la storia e aiuta l’immedesimazione. La vicenda è ambientata nella nostra zona, mi piace fissare le storie a un territorio preciso, che si vive, con riferimenti a luoghi conosciuti".

Il racconto, ambientato nel 2010, è ancora attuale: "la precarietà del lavoro, gli orari impossibili, gli scarsi stipendi, si riflettono sulla precarietà delle relazioni, sulla difficoltà di coltivarle. “La Marghe” è solitaria, soggiogata dalla sua routine, non vuole lasciarsi andare; Martin rappresenta la paura del cambiamento: è l’unico personaggio che viene da fuori, che le scombina la vita. Lui è molto sicuro di sé, lei è piena di dubbi. La scelta di Margherita di vivere a Stazzano è legata alla nonna, la vita di paese porta al “si è sempre fatto così, perché cambiare”. Il mutamento provoca rischio: anche se il lavoro non la valorizza, è più forte la paura dell’ignoto e di non trovare un altro impiego. E proprio il lavoro è tema di conflitto con Martin. Anche le esperienze di vita sono fondamentali per la formazione del carattere, del modo di pensare e di relazionarsi".

Albanese trova difficile abbandonare i suoi personaggi: "la fase creativa è la più bella, una volta stampato il libro è finito, non si può più cambiare. La scrittura è uno sfogo, ma il momento di riflessione che viene dopo è importante. Il finale è stato molto sofferto, con l’ultimo capitolo aggiunto in seguito. Provo malinconia per la fine di una storia, per i suoi personaggi, fatico a lasciarli andare. Per questo alcuni di loro ricompariranno nei miei nuovi lavori".

“Mercoledì”, titolo che viene compreso durante la lettura, è scritto con uno stile diretto, legato alla nostra quotidianità – come l’utilizzo dell’articolo davanti al nome – e ciò rende il tutto più realistico, più spontaneo, porta a riflettere e tiene viva l’attenzione, come i twist della trama e la dinamicità del racconto.
Se si dovesse trovare una “morale” per questo romanzo, sarebbe "non fossilizzarsi troppo sulle proprie vite e non aver paura del cambiamento. Il rischio può portare positività".


 
23/09/2016
Benedetta Acri - b.acri@ilnovese.info







blog comments powered by Disqus


"Dottore, posso portare in bici la mia prostata?"

Sport e salute | Consigli utili per chi vuole praticare uno degli sport più famosi facendo attenzione all'apparato uro-genitale e alla sfera sessuale maschile in generale. È la nuova rubrica del dottor Mauro Silvani, specialista in endocrinologia, indirizzo andrologico

Il viaggio cinematografico del film "Un posto sicuro"

Cinema | Il regista Francesco Ghiaccio : “il film è davvero di tutti, era scritto che tutta questa storia dovesse finire così. Anzi non è ancora finita, manca il lieto fine che tutti si aspettano: la cura al mesotelioma per cancellare per sempre la paura e il dolore, lasciando l’esempio di una città che ha lottato senza rancore, con una rabbia sana, come degli eroi”

La storia di Guido, dalla Romania al Villaggio Profughi: “Ci chiamavano slavi, ma eravamo italiani come loro”

Società | Nel '49 la famiglia di Guido R. lascia la Romania per tornare in Italia, "costretti a scegliere se diventare rumeni o restare italiani". Prima l'arrivo a Tortona alla Caserma Passalacqua, "per noi bimbi era tutto un gioco, ma per gli adulti era dura", poi nel '59 il trasferimento ad Alessandria al Villaggio Profughi, "dove eravamo malvisti, dicevano che gli rubavamo il lavoro. Per molti la città finiva in via Casalcermelli"

Sassi nello stagno: il festival dimenticato di Salsomaggiore Terme

Cinema | Luca Gorreri, regista parmense, si è messo sulle tracce del festival rintracciando immagini di repertorio, documenti, testimonianze utili a ricostruirne la nascita, lo sviluppo e le ragioni della prematura fine.

Alla ricerca della sala: il giro (d’Italia) dei cinema

Intervista | Nicola Curtoni ed Emilia Desantis, due giovani cinefili viaggiatori, hanno raccolto dati, esperienze, immagini: li abbiamo incontrati per ascoltare dalla loro voce il racconto di questo originale e innovativo progetto