Serravalle Scrivia

“Mercoledì”, opera prima per Viviana Albanese

Viviana Albanese, cresciuta a Serravalle Scrivia poi stabilitasi a Stazzano, ha fatto il “grande passo” nell’editoria, dando alle stampe il suo primo romanzo ufficiale, “Mercoledì”, edito da Puntoacapo, che l’autrice presenterà alla biblioteca di Serravalle, introdotta da Mauro Ferrari

SERRAVALLE SCRIVIA - Viviana Albanese, cresciuta a Serravalle Scrivia poi stabilitasi a Stazzano, ha fatto il “grande passo” nell’editoria, dando alle stampe il suo primo romanzo ufficiale, “Mercoledì”, edito da Puntoacapo, che l’autrice presenterà alla biblioteca di Serravalle venerdì 23 settembre alle 21.00, introdotta da Mauro Ferrari.

Albanese è spinta dalla passione: "ho sempre avuto bisogno di scrivere, di inventare storie, fin dalle elementari. Prima di questo libro ci sono state due autopubblicazioni".

“Mercoledì” racconta la relazione dolceamara tra Margherita, commessa laureata di Genova trasferitasi a Stazzano, e Martin, un rappresentante del Trentino Alto Adige, due mondi opposti che si attraggono e respingono al contempo, un incontro/scontro che scombussola le loro vite.

Il romanzo nasce proprio dal contrasto: "la storia ha avuto origine dall’idea di due personaggi provenienti da realtà diverse, inventati ma con i quali ci si identifica facilmente. Quando scrivo non seguo uno schema, è il carattere dei personaggi che crea mano a mano la storia e aiuta l’immedesimazione. La vicenda è ambientata nella nostra zona, mi piace fissare le storie a un territorio preciso, che si vive, con riferimenti a luoghi conosciuti".

Il racconto, ambientato nel 2010, è ancora attuale: "la precarietà del lavoro, gli orari impossibili, gli scarsi stipendi, si riflettono sulla precarietà delle relazioni, sulla difficoltà di coltivarle. “La Marghe” è solitaria, soggiogata dalla sua routine, non vuole lasciarsi andare; Martin rappresenta la paura del cambiamento: è l’unico personaggio che viene da fuori, che le scombina la vita. Lui è molto sicuro di sé, lei è piena di dubbi. La scelta di Margherita di vivere a Stazzano è legata alla nonna, la vita di paese porta al “si è sempre fatto così, perché cambiare”. Il mutamento provoca rischio: anche se il lavoro non la valorizza, è più forte la paura dell’ignoto e di non trovare un altro impiego. E proprio il lavoro è tema di conflitto con Martin. Anche le esperienze di vita sono fondamentali per la formazione del carattere, del modo di pensare e di relazionarsi".

Albanese trova difficile abbandonare i suoi personaggi: "la fase creativa è la più bella, una volta stampato il libro è finito, non si può più cambiare. La scrittura è uno sfogo, ma il momento di riflessione che viene dopo è importante. Il finale è stato molto sofferto, con l’ultimo capitolo aggiunto in seguito. Provo malinconia per la fine di una storia, per i suoi personaggi, fatico a lasciarli andare. Per questo alcuni di loro ricompariranno nei miei nuovi lavori".

“Mercoledì”, titolo che viene compreso durante la lettura, è scritto con uno stile diretto, legato alla nostra quotidianità – come l’utilizzo dell’articolo davanti al nome – e ciò rende il tutto più realistico, più spontaneo, porta a riflettere e tiene viva l’attenzione, come i twist della trama e la dinamicità del racconto.
Se si dovesse trovare una “morale” per questo romanzo, sarebbe "non fossilizzarsi troppo sulle proprie vite e non aver paura del cambiamento. Il rischio può portare positività".


 
23/09/2016
Benedetta Acri - b.acri@ilnovese.info







blog comments powered by Disqus


Valentina progetta come vivere su Marte

Intervista | La trentatreenne alessandrina è ricercatrice al Mit di Boston e nel 2017 ha vinto una borsa di studio per realizzare un’impresa ai limiti della fantascienza: portare la vita sul Pianeta Rosso

Spike Lee. Orgoglio e pregiudizio nella società americana

Intervista | La sua ultima fatica, "BlacKkKlansman", è stata osannata da pubblico e critica, ricevendo il Gran Prix Speciale della Giuria a Cannes 2018 e il Premio del Pubblico al Festival di Locarno 2018. Abbiamo chiesto a Lapo Gresleri, critico e storico del cinema, una panoramica su temi, stile, carriera e prospettive artistiche di questo stra-ordinario autore

Tra carta e digitale

Intervista | Intervista a Alessandro Massano, amministratore delegato del gruppo Soged: "Credo fortemente in questo progetto. Io sono convinto del fatto che si sia imboccata la strada giusta, sia in termini economici, strategici che strutturali. È il momento giusto per crescere"

Natale nel segno del cinema giallo-thriller italiano

Cinema | Intervista a Claudio Bartolini, critico cinematografico e autore de “Il cinema giallo-thriller italiano”, il primo tentativo di catalogazione del genere che affonda le proprie radici nel feuilleton sociale spesso ispirato da autentici casi di cronaca nera

Il senso di Faletti per il noir nel corto 'La ricetta della mamma'

Cinema | Intervista a Roberta Bellesini Faletti, moglie di Giorgio. Libro e cortometraggio per un inedito thriller dalle sfumature ironiche: "Tutto calato nell’atmosfera della vita di provincia abituata a guardare dal buco della serratura"