Cinema

Natale nel segno del cinema giallo-thriller italiano

Intervista a Claudio Bartolini, critico cinematografico e autore de “Il cinema giallo-thriller italiano”, il primo tentativo di catalogazione del genere che affonda le proprie radici nel feuilleton sociale spesso ispirato da autentici casi di cronaca nera

CINEMA – Claudio Bartolini, critico cinematografico, co-direttore della collana di saggi Bietti Heterotopia, direttore del periodico Inland. Quaderni di cinema e caporedattore del mensile Nocturno ma soprattutto cinefilo appassionato, ha impegnato anni di tenace e puntigliosa ricerca, di scrittura precisa e competente per realizzare un’opera poderosa ma godibile, di facile lettura e consultazione. Il cinema giallo-thriller italiano è il primo tentativo di catalogazione sistematica della produzione cinematografica italiana nell’ambito del giallo-thriller, un genere che affonda le proprie lontane radici nella letteratura tardo-ottocentesca, nel feuilleton sociale, spesso ispirato per le proprie macabre storie da autentici casi di cronaca nera.  Poi, nel 1929, con la nascita della serie de “I Gialli Mondadori”, il filone si stabilizza, diventa riconoscibile graficamente, colonizzando l’immaginario collettivo, anche quello cinematografico: a pochi giorni dal Natale, periodo dell’anno che ha fatto da sfondo a innumerevoli romanzi e pellicole appartenenti al genere, abbiamo chiesto a Claudio Bartolini di rintracciarne le tappe, gli snodi e i titoli più significativi.

Che cosa ti ha spinto alla scrittura di questo libro?
Innanzitutto la mia viscerale passione per il giallo-thriller italiano, ragione anche delle mie precedenti monografie sul cinema gotico di Pupi Avati e su quello (mi)sconosciuto di Armando Crispino. Poi lo stimolo di Enrico Giacovelli, curatore delle collane di cinema di Gremese Editore, il quale desiderava da tempo inserire in catalogo un’enciclopedia che facesse il punto definitivo su quel genere. Inizialmente l’opera doveva includere anche la produzione televisiva, poi - per ragioni di ingombri e costi - si è optato per il solo cinema, inserendo solo le opere tv di quegli autori che hanno girato almeno un film per le sale. Infine, a dare la spinta definitiva ci hanno pensato Ilaria Floreano, moglie e collaboratrice diretta per le collane di cinema targate Bietti Edizioni (che con lei dirigo da anni), e i titolari di Bloodbuster, negozio milanese di cinema di genere: loro mi hanno ribadito quanto l’editoria italiana avesse bisogno di un tomo su un genere così amato e così trascurato in sede bibliografica.

In quali radici letterarie affonda il cinema giallo-thriller italiano?
“I gialli Mondadori”, innanzitutto, ossia quella letteratura popolare che ha sdoganato i classici (Agatha Christie, Edgar Wallace ecc.), portandoli in Italia a basso prezzo, e ha connotato il genere degli assassini con quel colore - giallo, appunto - che lo ha reso immediatamente sfruttabile dal cinema. Altre radici letterarie non ce ne sono, piuttosto si può parlare di radici cinematografiche, soprattutto per i gialli e thriller italiani anni 60’ e primi 70’: su tutte, le opere di Clouzot, Chabrol, Polanski e Hitchcock, davvero saccheggiate dai nostri sceneggiatori.

A quale pellicola, in particolare, possiamo far risalire la nascita del genere?
Il giallo ha inizio con La ragazza che sapeva troppo del 1963, il thriller con Sei donne per l’assassino del 1964. Lì c’è già tutto. Entrambi i titoli sono firmati da quel genio e precursore che era Mario Bava.

Mario Bava e Dario Argento, come tu ricostruisci nel tuo libro, hanno rappresentato con i loro film dei veri e propri spartiacque: perché?
Bava, come detto, era un genio, un autore di generi, un inventore di trucchi visivi e di storie popolari. Non a caso ha coniato anche il gotico nel 1960 con La maschera del demonio e lo slasher - filone del thriller - nel 1971 con Ecologia del delitto. Argento è spartiacque perché trasforma il thriller di Bava alla Sei donne per l’assassino in una moda, rendendolo da scheggia episodica nella produzione nostrana a genere di punta a inizio anni 70’. Non a caso, dopo L’uccello dalle piume di cristallo fioriscono thriller con animali nei titoli, guanti neri e impermeabili addosso ai killer, contesti urbani e soggettive.

Come si è evoluto il genere a partire dalla metà degli anni 70 in poi, cioè dal momento di massima crisi?
Ha cercato vie d’autore, spesso trovandole e altrettanto spesso mancandole. A fine anni 70 escono tanti grandi thriller, da La casa dalle finestre che ridono a Sette note in nero, ma il genere non è più sistema, non ha più un’industria a supportarlo. Gli anni 80 sono quelli della crisi, con Vanzina (Mystère, Sotto il vestito niente) a portare la bandiera e pochi intorno a lui a reggerla. Nei 90 le tv hanno già ucciso i generi, dunque si inizia a essere nelle mani dei singoli registi. Nel terzo millennio, per paradosso, sono in tanti a recuperare il giallo. Tanti big in cerca di idee per drammaturgie altre, ma legate in qualche modo al giallo-thriller. Pensiamo, per esempio, a Tornatore (La sconosciuta, La migliore offerta), Salvatore (Quo vadis, Baby?), persino a Virzì (Il capitale umano)...

Da appassionato, quale pellicole appartenenti al genere sono le tue preferite?
Ne dico cinque, potrebbero essere cinquanta: La donna del lago, Lo strano vizio della signora Wardh, Sette note in nero, Tenebre, Sotto il vestito niente. Aggiungo anche Macchie solari, un capolavoro, e La casa dalle finestre che ridono. Ok, mi fermo.

Perché ci piace tanto avere paura, immersi nella lettura di un romanzo oppure sul grande schermo?
Posso rispondere per il sottoscritto. In generale non mi piace avere paura, ma mi piace sfidare l’autore a farmela provare. Provo paura di rado, al cinema, ma quando succede l’emozione non ha eguali proprio per questa sua rarità. E l’autore mi conquista per sempre. Negli ultimi anni è capitato con i film di Mike Flanagan e con il primo The Strangers.

Quali sono i meccanismi narrativi della paura?
Cambiano a seconda dell’epoca. Oggi, a mio avviso, narrativamente la paura è tornata una questione domestica. L’insicurezza, i mutui, l’aumento della criminalità e della violenza home invasion hanno reso di nuovo la casa un territorio fertile per coltivare scenari di terrore razionale, più che soprannaturale. Oggi, più che il bosco o il castello, fa paura casa propria. Ed è drammatico.
22/12/2018







blog comments powered by Disqus


Il viaggio cinematografico del film "Un posto sicuro"

Cinema | Il regista Francesco Ghiaccio : “il film è davvero di tutti, era scritto che tutta questa storia dovesse finire così. Anzi non è ancora finita, manca il lieto fine che tutti si aspettano: la cura al mesotelioma per cancellare per sempre la paura e il dolore, lasciando l’esempio di una città che ha lottato senza rancore, con una rabbia sana, come degli eroi”

La storia di Guido, dalla Romania al Villaggio Profughi: “Ci chiamavano slavi, ma eravamo italiani come loro”

Società | Nel '49 la famiglia di Guido R. lascia la Romania per tornare in Italia, "costretti a scegliere se diventare rumeni o restare italiani". Prima l'arrivo a Tortona alla Caserma Passalacqua, "per noi bimbi era tutto un gioco, ma per gli adulti era dura", poi nel '59 il trasferimento ad Alessandria al Villaggio Profughi, "dove eravamo malvisti, dicevano che gli rubavamo il lavoro. Per molti la città finiva in via Casalcermelli"

Sassi nello stagno: il festival dimenticato di Salsomaggiore Terme

Cinema | Luca Gorreri, regista parmense, si è messo sulle tracce del festival rintracciando immagini di repertorio, documenti, testimonianze utili a ricostruirne la nascita, lo sviluppo e le ragioni della prematura fine.

Alla ricerca della sala: il giro (d’Italia) dei cinema

Intervista | Nicola Curtoni ed Emilia Desantis, due giovani cinefili viaggiatori, hanno raccolto dati, esperienze, immagini: li abbiamo incontrati per ascoltare dalla loro voce il racconto di questo originale e innovativo progetto

Sezione femminile: un film “fuori norma”

Intervista | Eugenio Melloni, regista bolognese, coordina il progetto di ricerca sperimentale “Memofilm, a memoria di uomo” sull’uso del cinema come terapia di supporto ai malati di demenza e cura un Laboratorio Cinema presso la Sezione Femminile del Carcere di Bologna