Gavi

“Senza nome e senza gloria”. Primo romanzo per Luca Cozzi

L’attività editoriale di Luca Cozzi, prolifico autore di origine genovese abitante tra i vigneti del Gavi, si arricchisce di una nuova opera letteraria. Per la prima volta, lo scrittore si cimenta con il romanzo, dando vita a “Senza nome e senza gloria”, Edizioni della Goccia, un thriller d’azione che sarà presentato al Pisa Book Festival

CULTURA - L’attività editoriale di Luca Cozzi, prolifico autore di origine genovese abitante tra i vigneti del Gavi, si arricchisce di una nuova opera letteraria. Per la prima volta, lo scrittore si cimenta con il romanzo, dando vita a “Senza nome e senza gloria”, Edizioni della Goccia, un thriller d’azione che uscirà giovedì 10 novembre e che sarà presentato al Pisa Book Festival.

Cozzi, nel febbraio 2016, ha pubblicato il racconto “L’alpino che giocava ai dadi” e a settembre, insieme allo scrittore Gianluigi Repetto, la raccolta “Tre racconti e una leggenda”. Ha un blog (lucacozziblog.wordpress.com) dedicato alla letteratura, con particolare attenzione per gli autori italiani emergenti, e collabora con alcune testate giornalistiche locali.

Riguardo al suo primo romanzo, Cozzi racconta che "il protagonista è Luke McDowell, ex Navy Seal che ha un rapporto molto particolare con le autorità. Incaricato dall’Fbi di recuperare un importante congegno militare trafugato da un centro ricerche della Nasa, sa che non può fidarsi di nessuno. L’ennesima missione senza copertura lo porta in Sudamerica, sulle tracce di una pericolosa organizzazione criminale. Tra intrighi, misteri e tradimenti, la missione diventa ben presto qualcosa di molto personale. Il nemico vuole colpire al cuore e Luke capisce che è tornato il momento di infrangere le regole".

Una storia particolare ed avvincente che promette di coinvolgere i lettori: "ogni storia che racconto, anche se ampiamente romanzata, è in qualche modo ispirata da fatti vissuti. In questo caso, dai miei viaggi in Sudamerica e dai personaggi eterogenei, divertenti, a volte inquietanti e sempre umanamente autentici che lì ho conosciuto. Molti degli aneddoti narrati nel romanzo sono veri, vissuti da me in prima persona, come quando noleggiammo un’auto ed era infestata dalle formiche".

Una curiosità e una passione per la scrittura che continuano ad espandersi e ad affrontare nuove sfide, nuove storie e nuovi generi: "non c’è nessun collegamento con i miei precedenti libri. Il genere che preferisco sono i thriller d’azione come “Senza nome e senza gloria”, ma ho anche in progetto di scrivere un romanzo sulla Resistenza partigiana ambientato tra Parma e Gavi durante l’occupazione nazifascista".

Il primo romanzo di Cozzi sarà presentato al Pisa Book Festival, salone nazionale del libro interamente dedicato alle case editrici indipendenti italiane, che si terrà da venerdì 11 a domenica 13 novembre al Palazzo dei Congressi di Pisa: "sarò presente con il mio libro allo stand 230 di Edizioni della Goccia, un editore molto sensibile a questo genere di manifestazioni a cui devo il privilegio di essere lì rappresentato".

Oltre a questa prestigiosa presentazione, ne sono in programma numerose altre, "giovedì 17 e venerdì 18 novembre sarò a Parma e poi saremo al Salone del Libro di Torino. Senza contare gli appuntamenti nelle biblioteche piemontesi".

Le movimentate avventure di Luke McDowell non si esauriranno con “Senza nome e senza gloria”: "sto lavorando al sequel che si intitolerà “Shaytan” e avrà alcune scene ambientate a Gavi e Novi Ligure. Luke McDowell non è ancora disposto ad andare in pensione".
10/11/2016
Benedetta Acri - b.acri@ilnovese.info







blog comments powered by Disqus


Rossa: "la scuola è il primo amore. Delusa dalla politica al ribasso di Cuttica"

Alessandria | Dal ritorno all'insegnamento al ruolo all'opposizione, dalla possibilità di future ricandidature fino al giudizio sui primi mesi della giunta Cuttica, ecco le riflessioni di Rita Rossa

Registrare terremoti e fotografare fulmini dal Monferrato per divulgare la scienza

Intervista | Matteo Danova, appassionato di geofisica e meteorologia, ha costruito un sismografo amatoriale e cura assieme ad altri tre ragazzi la pagina Facebook "Osservatorio Geofisico del Monferrato" per la divulgazione di temi scientifici

Sei mesi con Emergency a Kabul. L'esperienza di un'infermiera alessandrina

Intervista | In un paese di 10.000 abitanti dove si contano 2 medici, 5 tra infermieri e ostetriche la presenza di Emergency sul territorio è fondamentale perché nessun servizio è a pagamento. “Ho fatto il mio lavoro con soddisfazione e in un contesto dove è fondamentale e necessario perché gli ospedali non ci sono ma le vittime della guerra, purtroppo, non mancano mai”

Alex Torchio, l'operaio della musica, record di date con gli Explosion

Alessandria | 170 concerti in un anno, una 'vita da zingaro', molto stancante ma gratificante, in cui ha trovato anche l'amore. Il cantante alessandrino torna a casa per una notte, giusto il tempo di uno show e di un brindisi per il Capodanno. Nel futuro: tanti concerti e chissà, canzoni tutte sue.

Barosini: "I lavori alle cooperative? Da rivedere, qualcosa non funziona"

Alessandria | Dal Ponte Tiziano alla piscina comunale, passando per i cimiteri e il verde pubblico. Parla Giovanni Barosini, neo assessore che vuole rivedere alcuni meccanismi di assegnazione dei lavori, per migliorare l'efficienza e risparmiare sulle già magre casse comunali.