Basaluzzo

Si diploma da Marchesi la 21enne novese che non ama i programmi di cucina

21enne di Basaluzzo si diploma nella scuola di Gualtiero Marchesi. Ha trasformato una passione di famiglia in una professione. "Cucinare è star bene in compagnia"

BASALUZZO - Agli chef in tv preferisce quelli che "lavorano veramente in cucina". E vorrebbe girare prima l'Italia, poi andare andare oltre confine. Martina Adali, 21 anni, è una giovane cuoca che si è diplomata alla scuola internazionale di cucina italiana ALMA di Parma, di cui è "rettore" Gualtiero Marchesi.

"La cucina è gioia, stare insieme in famiglia, star bene in allegria", ci dice ricordando il suo diploma al liceo linguistico di Novi ("non c'entrava proprio niente") e le mattine alla facoltà di comunicazione interculturale a Torino. "Mi svegliavo con un peso, sentivo che la mia vita non era quella". Così molla tutto e segue l'istinto, la voglia di cucinare in famiglia tramandata dalla nonna.

Ora è già al lavoro a Bagno di Romagna nel ristorante Paolo Teverini, a far gavetta tra gli antipasti. Con umiltà e voglia di imparare confessa che di strada da fare per diventare una brava cuoca ce n'è ancora. E sui programmi in tv ha le idee chiare: "La vita di cucina non è quella che descrivono i contest. Ci vuole concentrazione, silenzio, e una grande organizzazione prima di preparare i piatti. La pressione c'è, ma nulla è improvvisato". 

Fino a settembre il lavoro è là, nella provincia di Forlì e Cesena, a peparare piatti della cucna romagnola e toscana "rivisitata". Martina pensa già oltre: "Vorrei girare l'Italia per fare esperienza. E poi andare all'estero, scoprire altri gusti e culture gasronomiche".  
18/05/2016







blog comments powered by Disqus


"Dottore, posso portare in bici la mia prostata?"

Sport e salute | Consigli utili per chi vuole praticare uno degli sport più famosi facendo attenzione all'apparato uro-genitale e alla sfera sessuale maschile in generale. È la nuova rubrica del dottor Mauro Silvani, specialista in endocrinologia, indirizzo andrologico

Il viaggio cinematografico del film "Un posto sicuro"

Cinema | Il regista Francesco Ghiaccio : “il film è davvero di tutti, era scritto che tutta questa storia dovesse finire così. Anzi non è ancora finita, manca il lieto fine che tutti si aspettano: la cura al mesotelioma per cancellare per sempre la paura e il dolore, lasciando l’esempio di una città che ha lottato senza rancore, con una rabbia sana, come degli eroi”

La storia di Guido, dalla Romania al Villaggio Profughi: “Ci chiamavano slavi, ma eravamo italiani come loro”

Società | Nel '49 la famiglia di Guido R. lascia la Romania per tornare in Italia, "costretti a scegliere se diventare rumeni o restare italiani". Prima l'arrivo a Tortona alla Caserma Passalacqua, "per noi bimbi era tutto un gioco, ma per gli adulti era dura", poi nel '59 il trasferimento ad Alessandria al Villaggio Profughi, "dove eravamo malvisti, dicevano che gli rubavamo il lavoro. Per molti la città finiva in via Casalcermelli"

Sassi nello stagno: il festival dimenticato di Salsomaggiore Terme

Cinema | Luca Gorreri, regista parmense, si è messo sulle tracce del festival rintracciando immagini di repertorio, documenti, testimonianze utili a ricostruirne la nascita, lo sviluppo e le ragioni della prematura fine.

Alla ricerca della sala: il giro (d’Italia) dei cinema

Intervista | Nicola Curtoni ed Emilia Desantis, due giovani cinefili viaggiatori, hanno raccolto dati, esperienze, immagini: li abbiamo incontrati per ascoltare dalla loro voce il racconto di questo originale e innovativo progetto