Intervista

Tra carta e digitale

Intervista a Alessandro Massano, amministratore delegato del gruppo Soged: "Credo fortemente in questo progetto. Io sono convinto del fatto che si sia imboccata la strada giusta, sia in termini economici, strategici che strutturali. È il momento giusto per crescere"

Alessandro Massano, 43 anni, astigiano di Motta di Costigliole, sposato, quattro figli, è l’amministratore delegato della Soged, la società editrice del bisettimanale Il Piccolo di Alessandria che, di recente, ha fuso le proprie attività editoriali con quelle di Sic, altra società della provincia, per costituire un gruppo editoriale importante e ambizioso e offrire, grazie ad esso, nuovo impulso all’informazione locale.
 
Massano, perché questa decisione?
Negli scorsi anni mi sono confrontato più volte con il mio socio Mattia Papili. Ci siamo trovati di fronte a una scelta: o restare come si era e limitarci a ottimizzare i costi, oppure crescere, cercando di realizzare numeri interessanti. L’intesa l’abbiamo trovata fin da subito, insieme abbiamo optato per la seconda ipotesi, nella certezza che, con Sic, si possa fare breccia in due aree, come quella del Novese e dell’Ovadese, che per noi sono strategicamente importanti.
 
La carta de Il Piccolo e il  web di Sic, si potrebbe dire..
Indubbiamente, il ‘core business’ di Soged è il giornale cartaceo, mentre Sic, sul web, con Alessandria News e le altre testate online, è leader assoluto in Provincia.  La complementarietà potrà fare bene a entrambe le sigle. O meglio, al nuovo gruppo unico che è già impegnato in una profonda riorganizzazione per essere a regime nel 2020. Questo, almeno, è il nostro augurio.
 
L’acquisizione toglierà posti di lavoro?
L’obiettivo non è tagliare personale, ma aumentare le notizie e colmare i vuoti. Il futuro ci impone di essere strategicamente piazzati. Ecco perché la scelta di insistere su Novese e Ovadese, senza dimenticare il resto della provincia dove Il Piccolo è già quotato.
 
Com’è strutturata la nuova società?
Soged Immobiliare mantiene la maggioranza, col 70% delle quote, ed è rappresentata paritariamente da Mattia Papili, da Ornella Sassone, dal sottoscritto e da Ivana Barbarino. Il gruppo Sic entra col 30% ed è rappresentato da Michele Guala e Claudio Chirivì. La sede del nuovo gruppo è in via Parnisetti, nel quartiere Pista di Alessandria. I giornalisti lavoreranno sulle redazioni di Alessandria, Novi e Ovada. 
 
In epoca di editoria in difficoltà, voi insistete sul locale, rafforzandovi.
Lo fanno anche i grandi gruppi, consci del fatto che l’editoria ‘periferica’ offre molte opportunità. Negli Stati Uniti, d’altronde, questa tendenza è in atto da almeno dieci anni.
 
Alla firma dell’intesa Soged-Sic ha pensato di essere folle o lungimirante?
Credo fortemente in questo progetto. Io sono convinto del fatto che si sia imboccata la strada giusta, sia in termini economici, strategici che strutturali. È il momento giusto per crescere.
11/01/2019







blog comments powered by Disqus


Il viaggio cinematografico del film "Un posto sicuro"

Cinema | Il regista Francesco Ghiaccio : “il film è davvero di tutti, era scritto che tutta questa storia dovesse finire così. Anzi non è ancora finita, manca il lieto fine che tutti si aspettano: la cura al mesotelioma per cancellare per sempre la paura e il dolore, lasciando l’esempio di una città che ha lottato senza rancore, con una rabbia sana, come degli eroi”

La storia di Guido, dalla Romania al Villaggio Profughi: “Ci chiamavano slavi, ma eravamo italiani come loro”

Società | Nel '49 la famiglia di Guido R. lascia la Romania per tornare in Italia, "costretti a scegliere se diventare rumeni o restare italiani". Prima l'arrivo a Tortona alla Caserma Passalacqua, "per noi bimbi era tutto un gioco, ma per gli adulti era dura", poi nel '59 il trasferimento ad Alessandria al Villaggio Profughi, "dove eravamo malvisti, dicevano che gli rubavamo il lavoro. Per molti la città finiva in via Casalcermelli"

Sassi nello stagno: il festival dimenticato di Salsomaggiore Terme

Cinema | Luca Gorreri, regista parmense, si è messo sulle tracce del festival rintracciando immagini di repertorio, documenti, testimonianze utili a ricostruirne la nascita, lo sviluppo e le ragioni della prematura fine.

Alla ricerca della sala: il giro (d’Italia) dei cinema

Intervista | Nicola Curtoni ed Emilia Desantis, due giovani cinefili viaggiatori, hanno raccolto dati, esperienze, immagini: li abbiamo incontrati per ascoltare dalla loro voce il racconto di questo originale e innovativo progetto

Sezione femminile: un film “fuori norma”

Intervista | Eugenio Melloni, regista bolognese, coordina il progetto di ricerca sperimentale “Memofilm, a memoria di uomo” sull’uso del cinema come terapia di supporto ai malati di demenza e cura un Laboratorio Cinema presso la Sezione Femminile del Carcere di Bologna