Alessandria

40 anni di UFO in provincia. L'ultimo, nei cieli di Casale

Proprio qualche giorno fa è stato segnalato un altro oggetto volante misterioso, sui cieli del Monferrato. Un altro caso di studio per Paolo Toselli, ufologo, che inaugura l'evento sui 40 anni del primo UFO su Alessandria

ALESSANDRIA - Non più tardi di qualche giorno fa il Centro Italiano Studi Ufologici ha ricevuto la segnalazione di un oggetto volante non identificato sui cieli di Casale Monferrato. “Una coppia stava guardando il cielo, nella notte del primo settembre”; racconta Paolo Toselli, l’acquese che da oltre 40 anni – ha iniziato giovanissimo – si occupa di UFO, “ha poi visto una luce rossa lampeggiante, ferma”. Non era un aereo, né una stella: “Secondo il racconto dei due, la luce ha incominciato a muoversi molto velocemente in avanti e indietro, per poi sparire”.

Questa luce rossa potrebbe trattarsi del 483esimo caso di avvistamenti in provincia di Alessandria, negli ultimi 70 anni: “Solo 30 casi sono rimasti catalogati come non identificati, gli altri sono stati ridimensionati a fenomeni naturali o tecnologici. I testimoni in maggioranza sono sinceri in quello che vedono, ma possono interpretare male, così fenomeni naturali, effetti della luce o tecnologie che ignoriamo possono farci pensare a presenze aliene”.

In attesa di scoprire come verrà classificato questo caso, Toselli ‘celebra’ i 40 anni dal primo avvistamento di un disco volante ad Alessandria. Era appunto il 1978, in piena ‘psicosi da UFO’: anche Alessandria fu interessata da sorvoli misteriosi e rinvenimenti di tracce al suolo. Film e cartoni animati alimentavano i misteri degli omini verdi (o grigi) visti in tutti i luoghi: “è da molto tempo che non si segnalano i cosiddetti incontri ravvicinati”; ricorda Toselli, “Negli anni ‘80 era molto frequente. C’era gente che diceva di aver mangiato anche insieme a degli alieni”.

Così il Centro Italiano Studi Ufologici (CISU) propone presso il Museo Etnografico “C’era una volta”, la mostra tematica: La famosa invasione dei dischi volanti su Bassavilla (dal 7 al 30 settembre). L’invito per l’inaugurazione è alle ore 18 di venerdì 7 settembre. Bassavilla è la nostra città, dall’idea dell’indagatore del mistero Danilo Arona. La mostra raccoglie numerosi esempi ed espressioni della cultura popolare che, probabilmente, dicono più cose su di noi che su ipotetiche creature provenienti da altri mondi. Ingresso libero tutti i giorni dalle 9 alle 12 e dalle 15.30 alle 19, esclusa la domenica mattina.

E per i più curiosi, l’appuntamento prosegue domenica 23 settembre, alle 17, sempre presso il Museo Etnografico  per la conferenza: “Alessandria e gli UFO: 45 anni di indagini” con Danilo Arona e Paolo Toselli.
 
5/09/2018







blog comments powered by Disqus


Food And The City

Life | Le pillole di benessere di Nene. I termini "allergia" e "intolleranza" declinati in ambito alimentare, vengono spesso utilizzati erroneamente come sinonimi ma, in realtà, si tratta di condizioni che hanno cause e sintomi diversi, così come differenti sono i loro percorsi diagnostici e terapeutici

Un'avventura di 500 km nel Po

Rivarone | Sabato 16 febbraio al Salone dei ciliegi Stefano Scaglione racconta la sua impresa: percorre a nuoto il fiume Po, da San Mauro Torinese a Polesella, 500 km fatti in 3 tappe per un totale di 16 giorni, completamente in solitaria e in autosufficienza

Insetti, cibo del futuro? Apre la prima Bugsfarm in provincia, ma per mangiarli si deve aspettare

Alessandria | A Casalnoceto ha aperto la prima bugsfarm per produzione di farina per allevamento. Gli insetti nel piatto sono ancora un mezzo tabù. Non chiedetelo al re del bollito, Beppe Sardi. Li abbiamo provati, e non sono poi così male

Dieta antigelo: i rimedi contadini per contrastare i malanni di stagione

Life | Dall’aglio alle arance, metodi naturali per combattere i mali di stagione. Coldiretti: “nei mercati di Campagna Amica frutta e verdura di stagione direttamente dal produttore al consumatore per una spesa tracciata e Made in Italy”

"Da grande farò lo chef": è ancora boom per gli istituti alberghieri

Life | "Attenzione alle false illusioni, non per tutti c'è fama e successo. Se si è disposti a fare la gavetta, otto diplomati su dieci trovano però lavoro". Dopo il grande boom delle iscrizioni nelle scuole alberghiere sembra essersi arrestata l'onda lunga del successo, portata dalle trasmissioni televisive. Ora sono soprattutto gli adulti a volersi avvicinare all'arte della buona tavola