Alessandria

Con la 'miscela del fanciot' ad Alessandria si vuol far scoprire il mondo del caffč

Nella cittą in cui č stato inventato il 'marocco' si vuole fare cultura attorno alla tazzina: esistono tanti modi per berlo, tante origini, lavorazioni. Ne consumiamo tanti, ma alla fine lo conosciamo poco. E come per il vino, ogni dettaglio fa la differenza

ALESSANDRIA - Si fa presto a dire caffé.  Quello che beviamo di fretta e furia al bancone del nostro bar di fiducia è solo uno dei tanti modi in cui si può bere e per cui l'Italia è famosa nel mondo.

Ma il caffé ottenuto con metodo 'espresso' non è l'unico "In Italia pensiamo di saperne molto sul caffé solo perché è qui che è stata inventata la macchina per la sua estrazione più comune. Ma in verità di caffé ne sappiamo poco: da dove arriva, le miscele, i gusti, le tipologie. E le estrazioni diverse dall'espresso".

Fabio Perugini del Melchionni Caffè di Alessandria è diventato un vero e proprio esperto di questa bevanda, a cui ha dedicato molto studio e passione, seconda solo a quella per i vini. Anzi: come per la bottiglia abbiamo imparato a distinguere varietà delle materie prime e metodi di lavorazione, così dovremmo fare anche per la tazzina.

Proprio cercando di capire cosa ci fosse "dietro al chicco", Perugini ha deciso di portare un po' di 'cultura del caffé' nel suo bar, proponendone di  monorigine, percolati a freddo, e pure di sua invenzione. "Spesso i caffé dei bar hanno miscele in cui c'è dentro di tutto, proprio per creare un gusto che piaccia a tutti. Ma come nei vini, la provenienza e la lavorazione fanno la differenza di gusti". Nasce così la Miscela del Fanciot, un caffé inventato dal barista di via Chenna con l'aiuto del torrefattore Alberici di Alessandria. 

Perugini ha scelto tre origini (Nicaragua, Brasile e Vietnam) ed ha creato qualcosa di nuovo, per intenditori: "E' una miscela più acida di quelli che siamo soliti gustare, viene estratto attorno ai 90 gradi ed ha note di nocciola, frutta secca e frutta matura".

Il progetto è quello di diffondere maggior conoscenza del variegato mondo del caffé per una bevuta più 'consapevole', e pertanto anche più ricercata. Come un buon vino. Ne gioveremmo tutti in qualità.

"Il cliente ha bisogno di sapere, conoscere e degustare: lo facciamo con tutti i tipi di prodotti artigianali e di qualità (vino, cioccolato, formaggi, pasta...), tranne che con il caffé".

E così nella città in cui è stato inventato il caffé marocchino (dalla striscia marrone dei cappelli Borsalino), chissà che non parta la 'rivoluzione' dell'espresso, con il Fanciot che faccia da apripista a miscele più ricercate e meno 'commerciali".

Un cultore del caffé come Perugini stupisce quando saluta l'arrivo di Starbucks in Italia: "Ben venga aprire a nuovi modi di berlo e considerarlo. Noi Italiani siamo forse un po' presuntuosi su questo tema, precludendoci un mondo inesplorato e una bevuta differente".
 

23/09/2018







blog comments powered by Disqus


A scuola di moda, sognando la passerella (da dietro le quinte)

Alessandria | L'Istituto Nervi-Fermi ha da molto tempo attivato un corso di operatore dell'abbigliamento. Recentemente alcuni studenti hanno portato sul red carpet le loro creazioni, mostrando di cosa sono capaci. E per alcuni si aprono le porte dell'universitą che conta

La fiera del gusto compie 23 anni ma non invecchia: apre oggi Dolci Terre

Novi Ligure | Si inaugura oggi a Novi Ligure l'appuntamento pił goloso dell'anno: al centro fieristico apre la rassegna enogastronomica Dolci Terre con chef dall'estremo oriente, piatti della tradizione e mercato di prodotti tipici

Fisar: un corso serale per sommelier all'Istituto Barletti

Ovada  | Il corso sarą presentato ufficialmente la prossima settimana nell'ambito di un incontro gratuito e aperto a tutti. "Un'opportunitą importante per la nostra scuola" ha dichiarato il preside Felice Arlotta

Cai: addobbi ad alta quota per il presepe sul Tobbio

Ovada | Sarą allestito nella giornata di sabato 8 dicembre, in occasione della Festa dell'Immacolata, il tradizionale presepe sul Tobbio realizzato annualmente dalla sezione ovadese del Cai

Serravalle Sci Club a tutta neve: prima tappa Gressoney

Serravalle Scrivia | Sarą la gita a Gressoney di domenica 16 dicembre il primo impegno della stagione 2018/2019 dello Sci Club di Serravalle Scrivia, fondato nel 1972 e che si propone di far conoscere e apprezzare lo sci alpino a bambini e ragazzi