Provincia

Ultra Banda ovunque nel 2020, ma la provincia, oggi, fa la lumaca

Com'è la connessione internet ad Alessandria? E nel Monferrato? Valenza è a posto, ma tutto il resto della provincia arriverà preparata all'obiettivo del 2020, quando metà della popolazione viaggerà a 100 Mb? Ce lo chiede l'Europa

PROVINCIA - Il 2018 è alle porte, ma anche il 2020 non è poi così lontano. E' la data che segna una scadenza importante: tutti i cittadini europei devono essere collegati alla banda ultra larga.
Per arrivare preparati, o almeno avvicinarci all'obiettivo il Governo da un paio d'anni ha predisposto un piano strategico per cablare lo Stivale, anche nei territorio dove i privati non vogliono investire perché ritenuti antieconomici, soprattutto per la conformazione orografica del territorio.

In pratica alla mezzanotte del 31 dicembre 2020 tutti i cittadini italiani dovrebbero essere raggiunti da almeno 30 mega, e addirittura metà della popolazione sarebbe in grado di viaggiare a cento mega. Ma come va internet oggi, e come stanno procedendo le grandi manovre? In base ai dati ministeriali ad Alessandria – che recentemente ha stipulato un accordo con Open Fiber, la società di Enel che con CDP opera nel mercato delle infrastrutture a fibra ottica accessibile a tutti gli operatori – i 30 mega arrivano appena al 31% delle unità abitative. Un po' pochino per essere il capoluogo. E nel 2020 si prevede di coprire al massimo l'81%, non di più. Gli abitanti della provincia che possono già dormire sonni abbastanza tranquilli e connessi sono i novesi, coperti dalla banda larga all'87%. Progressivamente la quota arriverà al 91%. Sulle colline di Ovada si va maluccio: 46% di partenza, per un crescendo non proprio rossiniano fino al 79 per cento, non un casa di più.

I cugini dell'Alto Monferrato partono decisamente meglio (ad Acqui la banda larga è al 65%), per fermarsi però, tra il 2019 e la fatidica scadenza ad un 87,4% di popolazione raggiunta. Anche il Comune di Tortona non andrà oltre il 73,9%. Nel 2018 arriviamo nei progetti a malapena sopra il 64%.  Chi 'regna' è Valenza, già quasi a posto. 81% a fine 2017, 86,6 nel 2018, fio a 92,1%. Sulle colline quasi Unesco la banda è al 65 per cento. L'obiettivo è di portare il 74 per cento dei casalesi ad avere la ultra banda.

Gli stessi promotori della rete pubblica BUL ammettono che l'Italia non è partita bene: "Dovessimo usare un termine calcistico è in zona retrocessione, " confida il sottosegretario Antonello Giacomelli, "ma nel '20 arriveremo in Champion's League".

Vabbé, in provincia di promesse calcistiche del genere siamo abituati...


 
18/12/2017







blog comments powered by Disqus


Vita da fashion blogger: dalla provincia alle riviste patinate, via social

Life | Influencer non è solo la futura moglie di Fedez. Anche in provincia di Alessandria abbiamo le nostre blogger che si sono fatte strada a colpi di selfie e consigli sullo stile. Una passione che è diventata un vero e proprio lavoro

Acqui Terme, Murisengo e San Sebastiano Curone in replica su Retequattro

Provincia | La trasmissione andata in onda dal 6 all’11 novembre 2017, verrà replicata dal 22 al 27 gennaio 2018 dal lunedi’ al venerdi’ dalle 10.40 alle 11.30

Un valenzano nel reality americano per cuori spezzati

Valenza | Alberto Raspagni sta partecipando a Roma ad una specie di Uomini e Donne americano, perché il mito dell'Italiano romantico è ancora molto forte. "Mi hanno scelto per strada, cercavano un vero italiano"

Ritornano gli anlòt di San Sebastiano

Pozzolo Formigaro | In occasione della festa del santo patrono di Pozzolo Formigaro, la pro loco del paese rinnova il classico appuntamento con i famosi anlòt fàc a mäun id san Bastiäun, gli agnolotti piemontesi rigorosamente fatti a mano, come vuole la tradizione, dalle volontarie dell’associazione

Le Meraviglie di Angela si dimenticano del Monferrato. Per fortuna c'è la mappa partecipata

Monferrato | In una puntata sui siti Unesco Alberto Angela racconta solo Barolo. Critiche ma anche autocritica: "Loro fanno promozione da trent'anni, abbiamo da imparare". Gli infernot si salvano con la mappa partecipata, aggiornabile online da chi ci vive