Intercultura

"Afs effect": quando un'esperienza all'estero ti cambia la vita

Scopriamo questo fenomeno comune fra chi ha avuto l'occasione di studiare per un periodo lontano dal proprio paese: un processo di reazione a catena potenzialmente infinito che nasce dall'incontro di persone e culture e le connette profondamente

ALESSANDRIA - Noi volontari lo chiamiamo "AFS effect", ovvero un processo di reazione a catena potenzialmente infinito che nasce dall'incontro  di persone e culture e le connette profondamente.

Fondamentalmente è l'evoluzione  del classico "peace and love", ma il concetto è quello: amore nelle sue varie accezioni. Quando Mariana è scesa dal pullman che arrivava da Roma per incontrare la sua famiglia ospitante, ho assistito a una scena inaspettata che ricorderò sempre: Mariana e la sua mamma ospitante, Michela, si sono abbracciate con le lacrime agli occhi e non si erano mai viste prima.

Mariana è una ragazza portoghese, di Lisbona, di cui sono stata assistente nell'anno 205-2016, durante il suo anno in Italia. Il ruolo di assistente non è semplice, se sorgono problemi in famiglia,  l'assistente è il primo a intervenire e mediare, ma anche se non vi sono problemi seri, vi è un filo sottile, facilmente oltrepassabile, tra l'essere volontario-assistente e l'essere amico. Essere assistente però non significa solo "abbaiare" in caso si debbano dire dei "no" o risolvere problemi, ma anche condividere momenti insieme, stringere un legame. Con Mariana é stato naturale come lo scorrere dell'acqua, anzi, più come uno tsunami: Mariana fin da subito si è rivelata una persona positiva, energica, solare e molto propositiva. Insomma, non era da spronare, ma a volte da frenare! Nell'arco di un anno, ha intrapreso un crescendo magnifico, in famiglia e nella comunità. E tra noi due ha iniziato a crearsi un bellissimo rapporto di amicizia che è sfociato nella mia visita a Lisbona questo febbraio. È stato un po' strano all'inizio, da un lato, ormai rivestivo solo i panni di amica, dall'altro la situazione si era capovolta: ora lei mi parlava del popolo portoghese, dei luoghi, del cibo, e mi introduceva nella sua vita, presentandomi gli amici e la famiglia di cui mi raccontava quando era in Italia.

In conclusione, sono stata molto fortunata ad essere sua assistente, ho avuto il privilegio di conoscere una piccola grande donna. Bello l'AFS effect, no?
2/04/2017
Valeria Pareto - Intercultura - redazione@alessandrianews.it







blog comments powered by Disqus


Chiude Orti Sicuro, l'associazione nata dopo la tragica alluvione del 1994

Alessandria | Troppe poche le forze per continuare, anche alla luce delle innovazioni tecnologiche che consentono una migliore informazione in tempo reale e situazioni di maggiore sicurezza nel quartiere. Ma la gratitudine per quanto fatto non cesserà mai

Social wood: "i detenuti? Aiutateci a mandarli a lavorare"

Alessandria | Il progetto per l'apertura di una bottega all'interno del carcere in città è ormai maturo e ha lanciato una raccolta fondi per dare ancor più solidità al piano, arrivando a coinvolgere nel tempo un numero maggiore di detenuti. Invece di rimanere con le mani in mano verranno realizzati oggetti di arredo e di design

Le matite di Alecomics in soccorso della Caritas: raccolti 1800 euro per i più bisognosi

Alessandria | Associazione Culturale ALEcomics e Ascom Confcommercio Alessandria hanno incontrato la Caritas del capoluogo e l'associazione Opere di Giustizia e Carità per la consegna del ricavato dell'asta benefica “Le matite di ALEcomics”, asta benefica svolta grazie alla sensibilità di tanti artisti

Torna lo spettacolo di Natale della Fondazione Uspidalet: grandi artisti e il 100% del ricavato alla Casa Amica

Alessandria | In collaborazione con Radio Rai, l'ormai tradizionale concerto di Natale, giunto all'ottava edizione, si terrà al teatro alessandrino venerdì 23 novembre. Di grande fascino gli artisti che parteciperanno, con l'obiettivo di unire più generazioni. Il ricavato servirà per migliorare il lavoro d'eccellenza finalizzato a percorsi di riabilitazione

Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)

Alessandria | Un reportage per osservare cosa si trova oltre il muro che circonda la Casa Circondariale "Catiello e Gaeta", ormai diventata sul piano amministrativo un'unica realtà con il carcere di San Michele. Il nostro capoluogo è uno degli ultimi in Italia ad avere una struttura detentiva in pieno centro. Ecco come funziona la vita all'interno