Alessandria

Chiude Orti Sicuro, l'associazione nata dopo la tragica alluvione del 1994

Troppe poche le forze per continuare, anche alla luce delle innovazioni tecnologiche che consentono una migliore informazione in tempo reale e situazioni di maggiore sicurezza nel quartiere. Ma la gratitudine per quanto fatto non cesserà mai

ALESSANDRIA - Fondata da cittadini e abitanti del quartiere il 3 agosto 1995, dopo i tragici eventi dell'alluvione che nel '94 costò la vita a 14 persone e che da allora viene commemorata ogni anno, l'associazione Orti Sicuro ha rappresentato per più di vent'anni un esempio di auto-organizzazione e una garanzia per tanti cittadini in cerca di informazioni, specie quando, fra ottobre e novembre, il Tanaro e la Bormida mettono paura. 

In questi giorni il gruppo di volontariato per la Protezione Civile, "nato lo scopo di promuovere e svolgere attività di previsione, prevenzione e soccorso in vista o in occasione di calamità naturali, catastrofi o altri eventi similari, nonché di formazione nella suddetta materia, con particolare riguardo al monitoraggio del corso dei fiumi e alla sensibilizzazione della popolazione del rione Orti di Alessandria." chiude i battenti, perché le forze a disposizione sono sempre meno, essendo mancato di fatto un ricambio generazionale e il sostegno di nuove persone nel progetto.

A rendere la decisione un po' meno dolorosa c'è però la convinzione che rispetto al passato il quartiere sia più sicuro, grazie alle opere realizzate in questi anni e al maggiore flusso di informazioni disponibi in tempo reale, uno dei grandi problemi degli anni '90, quando i cellulari erano ancora pochi e il boom di internet doveva ancora realizzarsi.



Fu così che il comitato avviò le prime attività, fatte di monitoraggio dei fiumi grazie anche a numerosi studi effettuati, con la pubblicazione di molto materiale che è ancora a disposizione dei cittadini sul blog del gruppo, e con la creazione di "catene telefoniche" in grado di avvisare in poco tempo gli abitanti del quartiere in caso di bisogno. 
7/11/2018







blog comments powered by Disqus


Da Alessandria a un viaggio intorno al mondo: seguiamo Elisa e Luca!

Alessandria  | Elisa e Luca, 23 e 26 anni, sono in viaggio per realizzare un sogno, quello di percorrere tutto il Canada, scendere lungo la costa degli Stati Uniti e arrivare in Argentina senza mai prendere aerei. Ecco il loro racconto, che potremmo seguire passo dopo passo sul nostro giornale

Skill Me UP!: la musica per aiutare i migranti con disagio mentale

Alessandria | La musica veicolo di dialogo, per andare oltre la solitudine: è il progetto organizzato dall'associazione Cambalache, insieme al Conservatorio di Alessandria

Case vuote, persone senza casa: la città si prepara al grande sgombero

Alessandria | Quasi cento persone, fra cui una trentina di minori, saranno sgomberate entro marzo dagli alloggi in corso Acqui e via Brodolini che avevano occupato alcuni fa. Gli appartamenti, dopo anni di abbandono, sono stati nel frattempo sistemati dalle famiglie. Comune e operatori del sociale pronti a raddoppiare i locali di accoglienza nell'ex Ospedale Psichiatrico

Ri-Generazioni Urbane: si cercano nuovi progetti dai giovani per migliorare la città

Alessandria | Presentato il bando per la concessione di contributi alla progettualità dei giovani nel 2019

Gioco d'azzardo: spendiamo il doppio rispetto alla media nazionale

Alessandria | Il numero delle slot machines in Piemonte è calato del 44% grazie all'introduzione del discusso "distanziometro", inserito in una legge di fatto retroattiva che mira a rendere difficili l'installazione e il mantenimento di dispositivi di gioco presso bar e tabaccai. Ma la situazione è molto più complessa di quanto non possa sembrare