Alessandria

Dal carcere a imprenditore: storia di una rinascita

Quella che vi raccontiamo oggi è una di quelle storie con cui saremmo felici di riempire il giornale. Parla di un uomo che, partendo dalla Casa di Reclusione di San Michele, inizia il proprio cammino attraverso una borsa lavoro e dopo un percorso di riabilitazione e crescita personale diventa imprenditore...

ALESSANDRIA - Ci sono storie che siamo felici di raccontare, anzi, in questo caso, di far raccontare direttamente ai protagonisti, attraverso le loro parole, gli sguardi, il coraggio di chi sceglie di "metterci la faccia" e lo fa con orgoglio.

Era circa un anno fa quando lanciavamo il trailer della serie web legata al progetto "il Pane e le Rose", a cura degli Istituti penitenziari “San Michele” e “Cantiello e Gaeta”, U.E.P.E. di Alessandria, Cooperativa Sociale “Coompany &”, Associazione “San Benedetto al Porto” di Alessandria, Comune di Alessandria e AMAG, , Cultura & Sviluppo, AlessandriaNews.it e realizzato grazie al contributo della Compagnia San Paolo. 

L'obiettivo del progetto, seguito in questi mesi con una serie di videointerviste che sotto vi riproponiamo in sequenza, è stato quello di promuovere il reinserimento sociale valorizzando il ruolo rieducativo del carcere e aiutare, nel contempo, la città a migliorare la manutenzione di alcune aree verdi

Oggi abbiamo incontrato nuovamente Salvatore, il protagonista del nostro primo video, per fare con lui un bilancio dell'esperienza, e celebrare il suo successo personale: da allora, grazie al sostegno dei diversi soggetti coinvolti ma soprattutto alla sua tenacia e voglia di riscatto, è diventato un vero imprenditore, non solamente in grado di gestire un'attività in proprio ma anche di dare lavoro ad altre persone. 

Qui sotto la nuova intervista con Salvatore. 



E qui le precedenti interviste realizzate legate al progetto "Il Pane e le Rose"
 













4/08/2015







blog comments powered by Disqus


"Afs effect": quando un'esperienza all'estero ti cambia la vita

Intercultura | Scopriamo questo fenomeno comune fra chi ha avuto l'occasione di studiare per un periodo lontano dal proprio paese: un processo di reazione a catena potenzialmente infinito che nasce dall'incontro di persone e culture e le connette profondamente

Progetto Giovani: 8 richiedenti asilo raccontano l’immigrazione ai ragazzi

Alessandria | L'interessante iniziativa si è svolta grazie all'associazione Cambalache e ha coinvolto circa 80 ragazzi partecipanti al corso per giovani di Cultura e Sviluppo: "un'esperienza estremamente arricchente e di grande impatto. Questo è davvero il miglior modo per abbattere i pregiudizi"

Un invito a cena per “sconfinare” dai luoghi comuni

Società | Torna l'appuntamento con "Indovina chi viene a cena", esperienza alla portata di tutti per passare una serata alternativa, ospiti dei richiedenti asilo, un'occasione speciale per verificare quanto siano sbagliati e ottusi alcuni pregiudizi. Il prossimo evento è previsto per sabato 21 gennaio

Emergenza Freddo: 50 mila euro per pensare a famiglie, anziani e senza fissa dimora

Alessandria | Dalla Fondazione Cassa di Risparmio erogato il contributo che aiuterà tanti alessandrini in difficoltà durante l'inverno. Intanto vengono predisposti punti di raccolta per chi volesse offrire prodotti per l'igiene intima, asciugamani e coperte. "Pensiamo agli anziani, che spesso hanno bisogno ma non chiedono aiuto"

Dibattito sul carcere: da abolire o da umanizzare?

Alessandria | Giovedì 10 novembre all'Associazione Cultura e Sviluppo si parlerà di realtà carceraria insieme a ospiti d'eccezione, presentando casi di studio e dibattendo delle tematiche legate allo stato di salute presente e alle prospettive future di questa istituzione