Alessandria

Ecco la Fashion Night "Smart" all'insegna della solidarietà

Sabato 2 luglio alla Ristorazione Sociale ci saranno una cena doppiamente buona e una sfilata doppiamente bella! Ecco il perché!

ALESSANDRIA - Ci sarà tempo fino al 28 giugno per assicurarsi un posto alla prima "Smart Fashion Night" cittadina, evento capace di coniugura insieme moda, buon cibo, amore e solidarità. Presso la Ristorazione Sociale, sabato 2 luglio, dalle 20 si terrà una cena solidale e una sfilata speciale per presentare le solari e coloratissime offerte de "Colori del Senegal".

Grazie alla partecipazione di chi vorrà essere presente verranno stanziati fondi a favore dell’Associazione Famiglie SMA, che da anni si occupa di assistenza sociale, socio-sanitaria e di ricerca scientifica per le persone affette da atrofia muscolare spinale.

Ecco l'appetitoso menu in programma:

- tagliolini gamberetti e lime
- spezzatino di pollo al curry (con riso basmati)
- cheesecake

(per eventuali intolleranze alimentari si prega di comunicarcelo al momento della prenotazione)

Contributo cena: 20 euro (comprensivo del contributo per l'associazione)
E' possibile il "menù bimbi"
Bambini 0 a 3 anni gratis
Bambini 3 a 10 anni 10 euro

E' necessaria la prenotazione entro il 28 giugno.
 
"Profumi intensi ed inebrianti, un’esplosione di colori caldi e brillanti, ritmi tribali e coinvolgenti: l’atmosfera solare ed accogliente del Senegal, la cosiddetta “Teranga” si può respirare anche qui - racconta Francesca Penno, organizzatrice dell'evento insieme al marito Youssou, presentando la serata - in una società sempre più multietnica e a volte ancora diffidente verso l’altro, verso una nuova cultura talvolta non totalmente conosciuta, è importante stimolare la curiosità ed approcciarsi sottoforma di espressione artistica che rappresenta un linguaggio universale attraverso le varie forme e colori.
I “Colori del Senegal” ha l’obiettivo di riprodurre un piccolo angolo di Africa, pieno di sfumature, profumi, cultura e tradizioni nel proprio showroom a Felizzano, in provincia di Alessandria e, per chi non potrà venire a trovarci personalmente, potrà viaggiare virtualmente sul nostro sito www.coloridelsenegal.it.

“Colori del Senegal” è nato per hobby due anni fà - raccontano Francesca e Youssou - Quando nei progetti ci si mette come ingrediente principale la passione non si possono che raggiungere grandi traguardi. Il tutto è nato dalla voglia di creare qualcosa che unisse le nostre esperienze e conoscenze realizzando un laboratorio dove poter far confluire varie attività artigianali, artistiche e culturali.
Youssou è sarto e in Senegal aveva un atelier. Francesca ha sempre avuto la passione di organizzare eventi e progetti artistici.
Ci siamo conosciuti qualche anno fa collaborando ad un progetto che aiutava i “talibé”, i bambini che vivono sulle strade di Dakar, dopodiché Youssou si è trasferito in Alessandria e a settembre del 2014 ci siamo sposati.
Così come nella nostra vita privata, anche nel lavoro abbiamo sempre cercato di unire e mescolare le nostre due culture. Abbiamo iniziato partecipando a mercatini ed eventi etnici come hobbysti ma successivamente le richieste sono aumentate e abbiamo deciso di far diventare questa passione anche un lavoro".

Oltre all’abbigliamento interamente realizzato grazie alla creatività di Youssou, nello loro bottega ci sono anche accessori e complementi d’arredo, il tutto sempre realizzato artigianalmente e con materiali provenienti esclusivamente dal Senegal.

"Ora il nostro sogno è arrivare a poter vendere nei negozi, cercando nuove ispirazioni e realizzando linee di moda che creino un connubio equilibrato tra lo stile africano e quello italiano".
27/06/2016







blog comments powered by Disqus


"Afs effect": quando un'esperienza all'estero ti cambia la vita

Intercultura | Scopriamo questo fenomeno comune fra chi ha avuto l'occasione di studiare per un periodo lontano dal proprio paese: un processo di reazione a catena potenzialmente infinito che nasce dall'incontro di persone e culture e le connette profondamente

Progetto Giovani: 8 richiedenti asilo raccontano l’immigrazione ai ragazzi

Alessandria | L'interessante iniziativa si è svolta grazie all'associazione Cambalache e ha coinvolto circa 80 ragazzi partecipanti al corso per giovani di Cultura e Sviluppo: "un'esperienza estremamente arricchente e di grande impatto. Questo è davvero il miglior modo per abbattere i pregiudizi"

Un invito a cena per “sconfinare” dai luoghi comuni

Società | Torna l'appuntamento con "Indovina chi viene a cena", esperienza alla portata di tutti per passare una serata alternativa, ospiti dei richiedenti asilo, un'occasione speciale per verificare quanto siano sbagliati e ottusi alcuni pregiudizi. Il prossimo evento è previsto per sabato 21 gennaio

Emergenza Freddo: 50 mila euro per pensare a famiglie, anziani e senza fissa dimora

Alessandria | Dalla Fondazione Cassa di Risparmio erogato il contributo che aiuterà tanti alessandrini in difficoltà durante l'inverno. Intanto vengono predisposti punti di raccolta per chi volesse offrire prodotti per l'igiene intima, asciugamani e coperte. "Pensiamo agli anziani, che spesso hanno bisogno ma non chiedono aiuto"

Dibattito sul carcere: da abolire o da umanizzare?

Alessandria | Giovedì 10 novembre all'Associazione Cultura e Sviluppo si parlerà di realtà carceraria insieme a ospiti d'eccezione, presentando casi di studio e dibattendo delle tematiche legate allo stato di salute presente e alle prospettive future di questa istituzione