Alessandria

Firmato accordo tra Cia, Coompany e Istituto penitenziario: i detenuti a scuola di agricoltura

L'accordo consentirà ai detenuti più meritevoli di seguire corsi professionalizzanti svolti all'interno del carcere per acquisire competenze in ambito agricolo direttamente spendibili nel mondo del lavoro una volta scontata la pena

ALESSANDRIA - Cia Alessandria, la Cooperativa Sociale COOMPANY & s.c.s. e gli Istituti Penitenziari "Cantiello G. e Gaeta S." di Alessandria hanno formalizzato, mercoledì 28 novembre, un protocollo operativo per la realizzazione di un progetto "per l’acquisizione di competenze tecnico/pratiche agroecologiche di base per una prospettiva di reinserimento sociale dei detenuti".

A firmare l'accordo, il presidente provinciale Gian Piero Ameglio e la direttrice degli istituti penitenziari alessandrini Elena Lombardi Vallauri. 

La Cia di Alessandria (Confederazione Italiana Agricoltori Alessandria) si impegna a far partecipare alcuni detenuti, preventivamente selezionati dalla Direzione dell’Istituto Penitenziario, ai corsi che organizza per l’ottenimento delle varie abilitazioni stabilite dalla vigente normativa in materia (ad esempio, utilizzo di fitofarmaci, guida di mezzi agricoli, sicurezza sul lavoro, utilizzo di attrezzature). I corsi, svolti dal responsabile tecnico e della Formazione Cia Alessandria Fabrizio Bullano, saranno organizzati all’interno dell’Istituto, secondo le indicazioni di volta in volta fornite dalla Direzione (ma ci saranno alcuni detenuti, in articolo 21, che avranno la possibilità di seguire percorsi formativi anche all'esterno, compiendo così un ulteriore step verso l'autonomia e la propria autogestione responsabile).

L’Istituto Penitenziario si impegna a promuovere la realizzazione dei corsi all’interno della struttura, selezionando i detenuti beneficiari del progetto e favorendo la partecipazione alle attività, sia teoriche che pratiche. Si impegna inoltre a selezionare i detenuti partecipanti ai corsi esterni, occupandosi delle necessarie autorizzazioni per l’uscita degli stessi.

La Cooperativa COOMPANY&, si impegna ad attivare i corsi che si svolgeranno in Istituto utilizzando i terreni prestati in comodato d’uso dall’Istituto Penitenziario e a far partecipare i detenuti che lì lavorano.
I detenuti frequenteranno i corsi di formazione su tematiche agricole ottenendo una certificazione finale da poter spendere una volta scontata la pena L'accordo ha durata sperimentale di un anno dalla data della firma; con l’accordo delle parti, se l’esperienza sarà valutata positivamente, potrà essere annualmente rinnovata.

Spiega Carlo Ricagni, direttore provinciale Cia Alessandria: "L’obiettivo primario del progetto di Agricoltura sociale è offrire ai detenuti una professionalità di cui potranno beneficiare al termine della reclusione. In questo modo infatti si concretizza il processo di reinserimento sociale del detenuto, che avrà competenze tecniche e professionali necessarie per rientrare a pieno nel contesto della comunità locale e alle opportunità offerte dal tessuto produttivo del territorio”.

Conclude Elena Lombardi Vallauri, direttore Istituti Penitenziari Alessandria: "Trasmettere alle persone affidate alle istituzioni penitenziarie seri e qualificati strumenti professionali spendibili durante e dopo la reclusione è un nostro obiettivo primario. Farlo, valorizzando e mettendo in rete i contributi di tutti gli attori che a vario titolo agiscono negli Istituti di Alessandria, soprattutto dopo la loro unificazione, consente di costruire percorsi di reinserimento più efficaci e meno onerosi per la collettività. Tutti gli operatori del carcere, Poliziotti Penitenziari ed Educatori stanno lavorando per ampliare le prospettive di formazione e lavorative per coloro che compiono la scelta di prendere in mano responsabilmente il proprio futuro. La convenzione che firmiamo oggi è il completamento, in materia di agricoltura, di un iter che dalla formazione professionale conduce all’inserimento lavorativo durante e possibilmente dopo la detenzione anche in autonomia".
29/11/2018







blog comments powered by Disqus


Da Alessandria a un viaggio intorno al mondo: seguiamo Elisa e Luca!

Alessandria  | Elisa e Luca, 23 e 26 anni, sono in viaggio per realizzare un sogno, quello di percorrere tutto il Canada, scendere lungo la costa degli Stati Uniti e arrivare in Argentina senza mai prendere aerei. Ecco il loro racconto, che potremmo seguire passo dopo passo sul nostro giornale

Skill Me UP!: la musica per aiutare i migranti con disagio mentale

Alessandria | La musica veicolo di dialogo, per andare oltre la solitudine: è il progetto organizzato dall'associazione Cambalache, insieme al Conservatorio di Alessandria

Case vuote, persone senza casa: la città si prepara al grande sgombero

Alessandria | Quasi cento persone, fra cui una trentina di minori, saranno sgomberate entro marzo dagli alloggi in corso Acqui e via Brodolini che avevano occupato alcuni fa. Gli appartamenti, dopo anni di abbandono, sono stati nel frattempo sistemati dalle famiglie. Comune e operatori del sociale pronti a raddoppiare i locali di accoglienza nell'ex Ospedale Psichiatrico

Ri-Generazioni Urbane: si cercano nuovi progetti dai giovani per migliorare la città

Alessandria | Presentato il bando per la concessione di contributi alla progettualità dei giovani nel 2019

Gioco d'azzardo: spendiamo il doppio rispetto alla media nazionale

Alessandria | Il numero delle slot machines in Piemonte è calato del 44% grazie all'introduzione del discusso "distanziometro", inserito in una legge di fatto retroattiva che mira a rendere difficili l'installazione e il mantenimento di dispositivi di gioco presso bar e tabaccai. Ma la situazione è molto più complessa di quanto non possa sembrare