Alessandria

Il Natale speciale in carcere: che festa quando entrano i bambini

Concerto in carcere per i detenuti di San Michele, grazie agli artisti del conservatorio Vivaldi di Alessandria, ma l'emozione più grande è stata l'esibizione dei bambini di una classe 5 dell'istituto comprensivo Galilei. "Iniziative come queste creano ponti fondamentali con l'esterno. La musica è libertà"

ALESSANDRIA - Il Natale si avvicina per tutti, anche per chi ha sbagliato e sta espiando la propria pena, in attesa di avere una seconda chance.  

Mercoledì 16 dicembre è stata però una giornata speciale per i detenuti della Casa di Reclusione di San Michele, abituati alla routine rigida imposta dalla detenzione: raccolti nel teatro interno alla struttura hanno potuto assistere al concerto di Natale, organizzato da Piero Sacchi e dai volontari che operano all'interno della struttura, insieme al personale del carcere e agli educatori.

Ad entrare per una mattina fra le mura del carcere sono stati alcuni artisti del Conservatorio Vivaldi di Alessandria (Alessandria Soro - voce, Brian Be Ioni - chitarra, Marcello Turcato - sax, Marcello Testa - contrabbasso, Luigi Scuri - batteria), che hanno offerto ai detenuti un concerto con un repertorio costruito su più generi, fra Jazz, Soul, Samba e Funk.

Tanti gli applausi ricevuti, ma le ovazioni più grandi sono andate ai bambini della classe quinta dell'Istituto Comprensivo Galilei, che hanno recitato alcuni racconti e intonato alcune melodie di Natale. "E' stato il regalo più grande - hanno commentato dalla Casa di Reclusione - perché in questo periodo di Festa la presenza dei bambini emoziona particolarmente i detenuti, che spesso hanno figli di pari età che possono vedere molto raramente. Portare la gioia del Natale, e un legame così forte con l'esterno, è importantissimo per tutti noi". 

Durante la mattina di festa, coronata con un buffet realizzato dal team di cuochi nato all'interno alla Casa di Reclusione, è stato presentato un primo bilancio, molto positivo, dell'esperienza legata al laboratorio di incisione e stampa organizzato in carcere, grazie all'impegno di Piero Sacchi e Valentina Biletta e ai fondi messi a disposizione dalla Fondazione Social. 
 
17/12/2015







blog comments powered by Disqus


Verso il primo Pride alessandrino, Cuttica: "favorevole al patrocinio del Comune"

Alessandria | L'associazione Tessere le Identità pronta a organizzare in estate un'iniziativa contro ogni forma di discriminazione, coinvolgendo tante realtà del territorio. Dal sindaco apertura per sostenere l'iniziativa: "giusto farlo, spero venga portato vanti senza urtare la sensibilità di altri soggetti ed evitando gli aspetti più folcloristici"

"Il gusto della solidarietà": giovedì 6 dicembre la cena per sostenere un progetto musicale in carcere

Alessandria | A preparare la cena di beneficienza, dal menù gourmet, saranno gli stessi ospiti degli Istituti Penitenziari alessandrini, con lo scopo di raccogliere fondi per finanziare un interessante progetto dedicato alla musica in carcere, realizzato con il sostegno del Conservatorio Vivaldi e di Franco Mussida

"Muoversi senza barriere": il Cissaca punta su sport e integrazione, insieme a tante realtà del territorio

Alessandria | Il 10 dicembre si terrà un incontro al Punto D del Cristo per presentare i primi progetti sul territorio: l'obiettivo del Cissaca è fare rete per offrire numerose occasioni alle persone con disabilità sia motoria che intellettiva per fare sport e accedere ad attività inclusive, puntando sulla forza del team e del gioco di squadra

Firmato accordo tra Cia, Coompany e Istituto penitenziario: i detenuti a scuola di agricoltura

Alessandria | L'accordo consentirà ai detenuti più meritevoli di seguire corsi professionalizzanti svolti all'interno del carcere per acquisire competenze in ambito agricolo direttamente spendibili nel mondo del lavoro una volta scontata la pena

Artiviamoci: festival delle arti recluse per scoprire due quartieri "particolari" della città

Alessandria | Dal 7 al 16 dicembre la città ospiterà il la rassegna "Artiviamoci - Le mani e le arti" dedicata alle attività svolte all'interno delle due carceri alessandrine, da poco riunite formalmente sotto un unico istituto. Dalla pittura all'arte contemporanea, dalla fotografia al teatro, ecco il programma degli eventi pensati per osservare il carcere sotto una nuova luce