Alessandria

L'8 marzo delle ragazze sulla strada: "una mimosa anche per loro"

Un caffè caldo e una mimosa, questo è stato il piccolo dono portato con il servizio notturno dalla Comunità San Benedetto al Porto alle ragazze che in città si prostituiscono la notte in strada, un gesto semplice per sottolineare che anche loro sono donne da rispettare. "Molto conoscevano il significato della ricorrenza"

ALESSANDRIA - Per San Benedetto al Porto, una delle realtà più attive in ambito sociale in città, il servizio notturno, svolto durante tutto l'anno e particolarmente apprezzato nei mesi più freddi, non è certo una novità. Con regolarità un "team" esce la notte con il furgone carico di beni di conforto, come caffè caldo o te in thermos e compie un giro della città e dei sobborghi, offrendo un po' di sostegno e di ascolto a chi si trova in strada, perché senza tetto o per prostituirsi. 

Lo hanno fatto anche l'8 marzo, una giornata speciale per tutte le donne, che hanno voluto celebrare al fianco di chi certo non l'ha passata festeggiando: "abbiamo offerto loro un caffé in tazzina e un pacchettino regalo, con tanto di mimosa, per la festa della donna" - raccontano gli operatori. "Abbiamo incontrato 21 ragazze in totale, meno del solito perché c'era stato poco prima un passaggio delle forze dell'ordine che aveva allontanato diverse ragazze nigeriane".






"Tutte le ragazza, e le trans, incontrate sono state felicissime del regalo. Per loro è stata una notte particolarmente movimentata perché ancor più mariti del solito, forse approfittando del fatto che loro mogli fossero a festeggiare, si sono messi in macchina per cercare un incontro". 

"Siete gli unici che ci hanno fatto gli auguri" hanno commentato diverse ragazze. "Quasi tutte conoscevano il significato di questa celebrazione, almeno in generale" - raccontano da San Benedetto. 








































 
9/03/2018







blog comments powered by Disqus


Verso il primo Pride alessandrino, Cuttica: "favorevole al patrocinio del Comune"

Alessandria | L'associazione Tessere le Identità pronta a organizzare in estate un'iniziativa contro ogni forma di discriminazione, coinvolgendo tante realtà del territorio. Dal sindaco apertura per sostenere l'iniziativa: "giusto farlo, spero venga portato vanti senza urtare la sensibilità di altri soggetti ed evitando gli aspetti più folcloristici"

"Il gusto della solidarietà": giovedì 6 dicembre la cena per sostenere un progetto musicale in carcere

Alessandria | A preparare la cena di beneficienza, dal menù gourmet, saranno gli stessi ospiti degli Istituti Penitenziari alessandrini, con lo scopo di raccogliere fondi per finanziare un interessante progetto dedicato alla musica in carcere, realizzato con il sostegno del Conservatorio Vivaldi e di Franco Mussida

"Muoversi senza barriere": il Cissaca punta su sport e integrazione, insieme a tante realtà del territorio

Alessandria | Il 10 dicembre si terrà un incontro al Punto D del Cristo per presentare i primi progetti sul territorio: l'obiettivo del Cissaca è fare rete per offrire numerose occasioni alle persone con disabilità sia motoria che intellettiva per fare sport e accedere ad attività inclusive, puntando sulla forza del team e del gioco di squadra

Firmato accordo tra Cia, Coompany e Istituto penitenziario: i detenuti a scuola di agricoltura

Alessandria | L'accordo consentirà ai detenuti più meritevoli di seguire corsi professionalizzanti svolti all'interno del carcere per acquisire competenze in ambito agricolo direttamente spendibili nel mondo del lavoro una volta scontata la pena

Artiviamoci: festival delle arti recluse per scoprire due quartieri "particolari" della città

Alessandria | Dal 7 al 16 dicembre la città ospiterà il la rassegna "Artiviamoci - Le mani e le arti" dedicata alle attività svolte all'interno delle due carceri alessandrine, da poco riunite formalmente sotto un unico istituto. Dalla pittura all'arte contemporanea, dalla fotografia al teatro, ecco il programma degli eventi pensati per osservare il carcere sotto una nuova luce