Alessandria

"Meticcio: l'opportunità della differenza". Dall'antropologia una sfida alle nostre paure

Un convegno per combattere i pregiudizi grazie alla scienza e all'informazione, organizzato martedì 12 luglio dall'associazione Social Domus con il contributo del Csvaa. Relatore sarà Bruno Barba, ricercatore di antropologia culturale Università di Genova

ALESSANDRIA - Nell'ambito del Progetto “InformAzione”, Corso di Formazione sul tema dell’Intercultura e delle Migrazioni, presentato sul Bando Formazione 2016 del CSVAA (Centro Servizi Volontariato Asti Alessandria), martedì 12 luglio si terrà in città un primo incontro di approfondimento e promozione culturale. 

L'occasione giusta per discutere di interculturalità sarà data dalla presentazione del libro “Meticcio - l’opportunità della differenza” (ed. Effequ, 2016), direttamente dalla voce dell'autore, Bruno Barba, Ricercatore di antropologia culturale Università di Genova - Dipartimento di Scienze Politiche. 

L'incontro è promosso dall'Associazione di Volontariato Il Porcospino e dall'Associazione di Promozione Sociale Social Domus, in partenariato con l'Associazione Lessico Familiare e con il sostegno del Centro Servizi Volontariato Asti Alessandria.

"L'idea è quella di organizzare una serie di incontri formativi rivolti ai volontari operanti nel settore ed alla cittadinanza tutta - spiegano gli organizzatori - circa il tema delle migrazioni e dell’interculturalità. Questo primo incontro sarà l’occasione per approfondire temi relativi all’antropologia ed al meticciato culturale". 

L’Associazione Social Domus si occupa di progetti di accoglienza e assistenza di richiedenti asilo sul territorio della Provincia di Alessandria grazie a bandi di gara della Prefettura U.T.G. di Alessandria. Tra le sue finalità ha anche la promozione di eventi di sensibilizzazione sociale e interculturale e la formazione degli operatori in campo sociale e sanitario. "L’incontro è rivolto non solo agli operatori e volontari del settore, ma a tutta la cittadinanza intenzionata ad approfondire un tema di estrema attualità e ad informarsi in modo consapevole e corretto".

Pre-iscrizione entro l’08 luglio 2016 scrivendo una mail all'indirizzo asp.socialdomus@gmail.com
Moderatore: Ahmed Osman – mediatore interculturale

Quando? 
Martedì 12 luglio 2016 - ore 14.30-16.30

Dove?
Sala conferenze ENAIP Alessandria, Piazza S. Maria di Castello n.1

Per informazioni:
Segreteria organizzativa: Dott.ssa Elisa Adorno, cell. 349.6760914, asp.socialdomus@gmail.com
6/07/2016







blog comments powered by Disqus


Arriva FestivAL Park: workshops, musica, teatro, giochi e buon cibo per lanciare il Centro Giovani

Alessandria | Il Festival in programma dal 21 al 23 settembre in piazza Santa Maria di Castello e ai Giardini Pittaluga, dove verrà inaugurato il nuovo spazio polifunzionale a disposizione dei giovani in città, che potranno richiederlo con procedure "snelle" e utilizzarlo. Il progetto nasce in collaborazione con l'Associazione Cultura e Sviluppo

Una domenica di sport per tutti, per trasmettere i valori olimpici

 | Domenica 16 la conclusione del progetto europeo FAIRHAP nell'ambito del programma Erasmus+Sport. Una giornata di festa con gadget e tanti sport, musica e divertimento. Appuntamento dalle 10 alle 16 al Centogrigio in via Bonardi 25

AL Centro me.dea: dieci anni di lavoro per contrastare la violenza di genere

Alessandria | L’APS me.dea si appresta a festeggiare i suoi primi 10 anni di attività, al fianco delle donne, contrassegnati da battaglie durissime, ma anche da molti successi, condivisi con la comunità. E con l'occasione regala alla città importanti appuntamenti

“Minori e comunità: Mind The Gapp”: ecco i progetti di sostegno

Alessandria | Nasce il progetto “Minori e comunità: Mind The Gapp”, avendo colto l’importanza di una presa in carico specialistica dei disagi di giovani e famiglie con difficoltà socio-economiche

Presentata la Carta d'Intenti del "vero" volontariato: "deve essere gratuito, organizzato e indipendente"

Alessandria | Diverse le associazioni promotrici che sottolineano l'importanza di non venire confuse con realtà che "utilizzano il volontariato come vetrina, ma che promuovo altri interessi, specie con finalità economiche, come certe cooperative e Aps". Nel mirino anche