Alessandria

"Non azzardatevi!": dalla Cisl una nuova indagine, preoccupante, sulla ludopatia

Secondo i dati della ricerca, sarebbero almeno 3450 le persone gią dipendenti dal gioco in provincia, ma i numeri salgono a 14 mila se si conteggiano anche i giocatori a rischio. Ad Alessandria le giocate procapite calcolate per il 2017 contano la spaventosa cifra di 1554 euro, per un totale di oltre 145 milioni di euro giocati. Ecco tutti i dati

ALESSANDRIA - “Ho cominciato a giocare a 17 anni, con le prime macchinette nei bar…Da lì non mi sono più fermato. Non esiste più nessuno intorno a te, solo la macchina: lei ti comanda e ti entra nella testa. Ma non sempre si vince, anzi più spesso si perde…” 

"Un bel gioco dura poco, ci veniva detto da bambini. Il gioco è sinonimo di divertimento, di aggregazione, di socialità, ma spesso può diventare una vera e propria malattia, un incubo, un 'tunnel' da cui non è facile uscire. Può anche diventare quasi sicuramente solitudine". 

Di questi gravissimi problemi sociali, che in provincia coinvolgono almeno 3450 persone (ma la stima è difficile, perché si tende a tacere per vergogna e il gioco online è difficile da tracciare), più i familiari che vivono il dramma insieme ai propri cari, hanno parlato i responsabili della Cisl Fnp (Federazione Pensionati), Anteas (associazione di volontariato promossa da Fnp) e Coordinamento Donne Fnp Cisl -Alessandria-Asti, che hanno presentato una ricerca ricca di dati e corredata da 30 interviste a tabaccai, esercenti e persone con un problema di ludopatia. 

La ricerca completa è disponibile qui.  

L’incontro di presentazione è stato da organizzato da Marco Ciani, Segretario generale Cisl Alessandria-Asti, e da Franco Porcelli, Segretario generale Fnp Cisl territoriale, insieme a Renato Balduzzi, già Ministro della Salute e ora membro del Csm, insieme con Daniele Malucelli, Presidente Anteas Alessandria.

"Con questa iniziativa - hanno spiegato gli organizzatori - intendiamo puntare i riflettori su una piaga sociale che tocca un altissimo numero di persone, anche sul nostro territorio, sia giovani che anziani, e sensibilizzare i cittadini sui rischi derivanti da un gioco incontrollato e compulsivo (slot machines, scommesse, gratta e vinci, sale gioco on line…); la ricerca ha inoltre analizzato le proposte della politica a contrasto della ludopatia, tra cui quelle contenute nell’ultimo 'Decreto Dignità' varato dal Governo, e valorizzato alcune buone pratiche messe in atto da altri territori in tutta Italia"

Dall’analisi sono emersi almeno tre punti critici:

– il gioco d’azzardo patologico non è ancora percepito come un problema sociale dai costi elevatissimi, ma individuale

– non è facile individuare i confini tra un gioco “responsabile” ed una dipendenza vera e propria, il “gap” ha contorni molto sfumati

– c’è tutto un “mondo” che è difficile da monitorare e da tenere sotto controllo, quello dei giochi on line.

Questi punti sono stati messi messi in luce in particolare dal Prof. Renato Balduzzi, già Ministro della Salute e firmatario del decreto n.158/2012 che ha creato l’Osservatorio sulle Ludopatie: “quella presentata è una ricerca molto utile a maggior ragione perchè promossa e realizzata dal Sindacato che incontra quotidianamente un gran numero di lavoratori e pensionati, spesso vittime di questa forma di dipendenza. Serve un’attenzione permanente, è necessario dare segnali politici e culturali forti!”

Secondo i dati della ricerca, sarebbero almeno 3450 le persone già dipendenti dal gioco in provincia (1400 quelle prese in carico dal servizi per le dipendenze dell'Asl), ma i numeri salgono a 14 mila se si conteggiano anche i giocatori a rischio.

Ad Alessandria le giocate procapite calcolate per il 2017 contano la spaventosa cifra di 1554 euro, per un totale di oltre 145 milioni di euro giocati. Dramma nel dramma, a giocare (e perdere) sono specialmente le persone più deboli (il 47% dei giocatori sono indigenti, e il 50% dei disoccupati presenterebbe già forme più o meno gravi di ludopatia). 

14/07/2018







blog comments powered by Disqus


Verso il primo Pride alessandrino, Cuttica: "favorevole al patrocinio del Comune"

Alessandria | L'associazione Tessere le Identitą pronta a organizzare in estate un'iniziativa contro ogni forma di discriminazione, coinvolgendo tante realtą del territorio. Dal sindaco apertura per sostenere l'iniziativa: "giusto farlo, spero venga portato vanti senza urtare la sensibilitą di altri soggetti ed evitando gli aspetti pił folcloristici"

"Il gusto della solidarietą": giovedģ 6 dicembre la cena per sostenere un progetto musicale in carcere

Alessandria | A preparare la cena di beneficienza, dal menł gourmet, saranno gli stessi ospiti degli Istituti Penitenziari alessandrini, con lo scopo di raccogliere fondi per finanziare un interessante progetto dedicato alla musica in carcere, realizzato con il sostegno del Conservatorio Vivaldi e di Franco Mussida

"Muoversi senza barriere": il Cissaca punta su sport e integrazione, insieme a tante realtą del territorio

Alessandria | Il 10 dicembre si terrą un incontro al Punto D del Cristo per presentare i primi progetti sul territorio: l'obiettivo del Cissaca č fare rete per offrire numerose occasioni alle persone con disabilitą sia motoria che intellettiva per fare sport e accedere ad attivitą inclusive, puntando sulla forza del team e del gioco di squadra

Firmato accordo tra Cia, Coompany e Istituto penitenziario: i detenuti a scuola di agricoltura

Alessandria | L'accordo consentirą ai detenuti pił meritevoli di seguire corsi professionalizzanti svolti all'interno del carcere per acquisire competenze in ambito agricolo direttamente spendibili nel mondo del lavoro una volta scontata la pena

Artiviamoci: festival delle arti recluse per scoprire due quartieri "particolari" della cittą

Alessandria | Dal 7 al 16 dicembre la cittą ospiterą il la rassegna "Artiviamoci - Le mani e le arti" dedicata alle attivitą svolte all'interno delle due carceri alessandrine, da poco riunite formalmente sotto un unico istituto. Dalla pittura all'arte contemporanea, dalla fotografia al teatro, ecco il programma degli eventi pensati per osservare il carcere sotto una nuova luce