Alessandria

Panchine, street art, più spazi e più ascolto: i giovani pronti a "rigenerare" i parchi cittadini

Una maggiore sicurezza in città passa anche da una riqualificazione degli spazi urbani: giovani alessandrini sono al lavoro per raccogliere idee ed elaborare proposte per "rigenerare" il parco Carrà e i Giardini Pittaluga. Ecco le proposte dei ragazzi raccolte in una video-richiesta di ascolto

ALESSANDRIA - L’Assessorato alle Politiche Giovanili del Comune di Alessandria è attivo da alcuni mesi in progetti di rigenerazione urbana che vedono la partecipazione e il coinvolgimento dei giovani per la messa in campo di idee e competenze volte al recupero di spazi aggregativi e di cultura giovanile in città.

E' una via per rivitalizzare aree oggi poco utilizzate o con evidenti problemi di gestione, partendo dagli interventi più semplici, come l'installazione di panchine ai Giardini Pittaluga (che al momento ne sono del tutto sprovvisti) o la sistemazione dei canestri e delle porte da calcetto nel parco Carrà, con la creazione di aree specifiche per le diverse tipologie di utenze (bambini piccoli, adolescenti, famiglie). 

"I progetti hanno già ottenuto un finanziamento mediante un  un bando finanziato dalla Compagnia di San Paolo  per i Giardini Pittaluga - spiega l'assessore alla Cultura e alle Politiche giovanili Vittoria Oneto - e dell'Anci per lo skate park. È già operativo un Tavolo di Lavoro con tutti i soggetti partner coinvolti (tra i quali Enti e Associazioni, per citarne alcuni, l’Associazione Cultura e Sviluppo, il Cissaca, l’Istituto Saluzzo-Plana, l’Informagiovani, ma anche gruppi sportivi, culturali e aggregativi interessati al recupero/potenziamento di quelle aree) e diversi step dei progetti sono già partiti o sono in fase di attivazione dal prossimo settembre".

In particolare è già stato impostato, con un gruppo di studenti degli Istituti Plana, Vinci e Saluzzo nell’ambito dell’Alternanza Scuola Lavoro, un lavoro di ricerca, che li ha visti protagonisti di una settimana di formazione a giugno, e che li vedrà impegnati per tutto il mese di settembre nel ruolo di “video-intervistatori” di autorità e stakeholders locali, ma anche di gruppi target, attraverso questionari somministrati a giovani, anziani, mamme con bimbi piccoli. Il percorso mira alla costruzione partecipata con i giovani del recupero/ripensamento degli spazi e della loro gestione, attivando nel contempo una positiva relazione intergenerazionale e interculturale con il territorio.

"Sempre in autunno si attiveranno percorsi di educazione alla cittadinanza attiva con le scuole - racconta Oneto - un percorso di formazione per gli youth leader e soprattutto stiamo programmando un evento il 7 ottobre allo skate park, di sport, musica, danza e street art, finalizzato a far conoscere i progetti e a raccogliere idee e suggestioni dai frequentatori delle 2 aree.
Si prevedono bandi e concorsi di idee on line e sono già attive pagine FB sullo skate park e sui giardini Pittaluga, dove gli interessati possono inviare immagini, suggerimenti e proposte. 
I ragazzi finora coinvolti hanno dimostrato interesse e voglia di partecipare e impegnarsi, hanno anche lamentato una scarsa attenzione degli adulti ai loro problemi e questa può essere una buona occasione per riavvicinarci a loro anche come istituzioni".

Ecco un video con le prime proposte dei ragazzi coinvolti nel progetto.


21/07/2016







blog comments powered by Disqus


"Afs effect": quando un'esperienza all'estero ti cambia la vita

Intercultura | Scopriamo questo fenomeno comune fra chi ha avuto l'occasione di studiare per un periodo lontano dal proprio paese: un processo di reazione a catena potenzialmente infinito che nasce dall'incontro di persone e culture e le connette profondamente

Progetto Giovani: 8 richiedenti asilo raccontano l’immigrazione ai ragazzi

Alessandria | L'interessante iniziativa si è svolta grazie all'associazione Cambalache e ha coinvolto circa 80 ragazzi partecipanti al corso per giovani di Cultura e Sviluppo: "un'esperienza estremamente arricchente e di grande impatto. Questo è davvero il miglior modo per abbattere i pregiudizi"

Un invito a cena per “sconfinare” dai luoghi comuni

Società | Torna l'appuntamento con "Indovina chi viene a cena", esperienza alla portata di tutti per passare una serata alternativa, ospiti dei richiedenti asilo, un'occasione speciale per verificare quanto siano sbagliati e ottusi alcuni pregiudizi. Il prossimo evento è previsto per sabato 21 gennaio

Emergenza Freddo: 50 mila euro per pensare a famiglie, anziani e senza fissa dimora

Alessandria | Dalla Fondazione Cassa di Risparmio erogato il contributo che aiuterà tanti alessandrini in difficoltà durante l'inverno. Intanto vengono predisposti punti di raccolta per chi volesse offrire prodotti per l'igiene intima, asciugamani e coperte. "Pensiamo agli anziani, che spesso hanno bisogno ma non chiedono aiuto"

Dibattito sul carcere: da abolire o da umanizzare?

Alessandria | Giovedì 10 novembre all'Associazione Cultura e Sviluppo si parlerà di realtà carceraria insieme a ospiti d'eccezione, presentando casi di studio e dibattendo delle tematiche legate allo stato di salute presente e alle prospettive future di questa istituzione