Alessandria

Per "Unire le Sponde" si parte da scuola

Fra le iniziative correlate alla StrAlessandria c'è anche un'importante attività portava avanti da alcune associazioni cittadine per far conoscere i richiedenti asilo ospiti in città e gli studenti delle nostre scuole: "Attraverso la scoperta reciproca si abbattono facilmente pregiudizi e si impara a immedesimarsi nell'altro"

ALESSANDRIA - "Uniamo le Sponde" non è solo lo slogan della StrAlessandria di quest'anno, ma anche una serie di progetti concreti che hanno preso piede in città, anche grazie allo sforzo di alcune associazioni che si occupano di abbattare le barriere fra le persone, di accogliere chi scappa di guerra, miseria e maltrattamenti, aiutando anche chi vive qui a scoprire qualcosa in più di sé, attraverso il confronto e l'immedesimazione nell'altro. 

Paola Vigna, dell'Associazione Cambalache, racconta così l'esperienza che sta interessando alcune classi delle scuole cittadine, spinte ad accogliere per alcune ore un richiedente asilo, così da ascoltare direttamente dalla sua voce la storia del suo viaggio verso l'Italia, i suoi sogni, il passato e il suo presente. "La scorsa settimana ci siamo recati in una classe terza dell'istituto Saluzzo, e in due classi della primaria a Bettale (Spinetta Marengo).
Insieme a noi c'era Seku, un ragazzo di 21 anni nato in Mali e poi vissuto in Costa d’Avorio, che ha raccontato ai ragazzi le sue vicissitudini. Rimasto orfano a 10 anni, Seku ha vissuto da solo, facendo il meccanico in Costa d'Avorio, fino a quando nel 2011 è scappato dalla guerra, prima in Niger, poi Libia e poi Italia (1 anno e mezzo fa).
Non è mai andato a scuola e invece ora è felice di studiare, sta imparando a leggere e scrivere, a curare le api grazie al progetto Bee my Job e a inizio maggio inizierà il suo tirocinio lavorativo. Devo dire che in tutte e due le scuole - racconta Paola Vigna - c’è stata attenzione: i ragazzi più grandi, di 15-16 anni, sono apparsi toccati, hanno fatto tante domande, e anche i più piccoli, nelle classi delle elementari, hanno interagito con Seku, ponendogli tanti quesiti, e si è poi finiti a parlare di campioni di calcio della Costa d’Avorio e ci si è spinti anche più in là, andando tutti insieme a giocare a pallone in cortile.
Seku adesso segue con passione le vicende dell'Alessandria Calcio e più di tante parole per fare amicizia è bastato un pallone. Noi come associazione - precisa l'operatrice di Cambalache - faremo altri incontri di questo tipo:  il 5 maggio per esempio abbiamo già due classi quinte della scuola Carducci prenotate, ma anche l'APS Domus e l'Ostello di Santa Maria di Castello organizzano incontri simili coinvolgendo i loro ospiti. Lo scopo è far conoscere agli studenti chi sono questi richiedenti asilo: è così che si costruiscono dei ponti e si uniscono davvero le sponde: incontrandosi e parlando tutti insieme". 
26/04/2016







blog comments powered by Disqus


"Afs effect": quando un'esperienza all'estero ti cambia la vita

Intercultura | Scopriamo questo fenomeno comune fra chi ha avuto l'occasione di studiare per un periodo lontano dal proprio paese: un processo di reazione a catena potenzialmente infinito che nasce dall'incontro di persone e culture e le connette profondamente

Progetto Giovani: 8 richiedenti asilo raccontano l’immigrazione ai ragazzi

Alessandria | L'interessante iniziativa si è svolta grazie all'associazione Cambalache e ha coinvolto circa 80 ragazzi partecipanti al corso per giovani di Cultura e Sviluppo: "un'esperienza estremamente arricchente e di grande impatto. Questo è davvero il miglior modo per abbattere i pregiudizi"

Un invito a cena per “sconfinare” dai luoghi comuni

Società | Torna l'appuntamento con "Indovina chi viene a cena", esperienza alla portata di tutti per passare una serata alternativa, ospiti dei richiedenti asilo, un'occasione speciale per verificare quanto siano sbagliati e ottusi alcuni pregiudizi. Il prossimo evento è previsto per sabato 21 gennaio

Emergenza Freddo: 50 mila euro per pensare a famiglie, anziani e senza fissa dimora

Alessandria | Dalla Fondazione Cassa di Risparmio erogato il contributo che aiuterà tanti alessandrini in difficoltà durante l'inverno. Intanto vengono predisposti punti di raccolta per chi volesse offrire prodotti per l'igiene intima, asciugamani e coperte. "Pensiamo agli anziani, che spesso hanno bisogno ma non chiedono aiuto"

Dibattito sul carcere: da abolire o da umanizzare?

Alessandria | Giovedì 10 novembre all'Associazione Cultura e Sviluppo si parlerà di realtà carceraria insieme a ospiti d'eccezione, presentando casi di studio e dibattendo delle tematiche legate allo stato di salute presente e alle prospettive future di questa istituzione