Alessandria

Psicoterapia Aperta arriva anche sul nostro territorio: ecco il sostegno psicologico a prezzi calmierati

Il servizio consente a chi ha necessità di supporto psicologico o di terapia di mettersi in contatto con professionisti disposti a offrire il servizio a prezzi ridotti, per consentire a tutti l'accesso a un intervento fondamentale per il benessere delle persone: ecco come funziona e quali sono le regole per partecipare

ALESSANDRIA - Oggi in Italia troppo spesso solo chi se lo può permettere può accedere ad una terapia psicologica, intervento però fondamentale per ritrovare il proprio benessere psicofisico, superare un momento di difficoltà, prevenire l'insorgere di rischi per la salute più gravi se un problema viene trascurato. 

Un percorso di psicoterapia nel settore privato però può costare dai 200 ai 600 euro al mese, una cifra insostenibile per molti, e il sistema sanitario non riesce a garantire piena accessibilità a tutte e a tutti, senza contare che le liste d'attesa costringono spesso a tempi lunghi prima di poter essere chiamati per un incontro e il numero di sedute messe a disposizione per ciascun paziente è limitato, non consentendo in molti casi di risolvere il problema per chi ci si era rivolti al servizio. 

Da queste premesse, spiegate sul sito Psicoterapia-aperta.it è nata l'idea di costituire un network di professionisti - Psicologi/Psicoterapeuti e Associazioni - che intende aprire la possibilità di ricevere sostegno psicologico a più persone possibile.

"Psicoterapia Aperta - spiega Luigi D’Elia, psicologo e psicoterapeuta che con l’aiuto di un Comitato Promotore ha voluto organizzare questa rete - nasce per offrire sedute di psicoterapia a tariffe sostenibili alle famiglie in difficoltà economica, ai giovani di ogni estrazione sociale senza lavoro o con lavori precari, ai cittadini esclusi dal circuito lavorativo o con problematiche invalidanti, alle persone comuni del ceto medio che non sostengono il costo esorbitante della vita, che sarebbero fatalmente escluse dalla cura e dalla prevenzione della salute psicologica".

Il servizio, partito da alcuni mesi, ha ora ottenuto le prime adesioni anche sul territorio alessandrino, con alcuni professionisti disponibili (psicologi-psicoterapeuti) a offrire servizi a tariffe calmierate, secondo le regole etiche del progetto, vale a dire in numero proporzionale rispetto alla quantità di pazienti che già vengono seguiti a tariffa piena, così da evitare che lo strumento, nato per aiutare, diventi occasione per farsi concorrenza fra professionisti, abbassando le tariffe.



"Anzi - spiegano alcuni dei professionisti - l'obiettivo è semmai l'opposto, cioè quello di combattere il lavoro in nero, con l'accordo possibile fra pazienti e terapeuti per mantenere tariffe più basse senza dichiarare le prestazioni e pagare le relative tasse. In questo caso invece viene rilasciata regolare ricevuta sanitaria, che è anche detraibile dal paziente nella propria dichiarazione dei redditi". 

Come funziona
Attraverso una ricerca su mappa, raggiungibile dal sito, ogni utente ha la possibilità di ricercare e contattare nella propria zona il professionista libero - contrassegnato da semaforo verde, verificando la possibilità di ricevere da lui servizi professionali del tutto equiparati a quelli a tariffa piena. Allo stesso tempo, ogni utente può anche consultare il network di organizzazioni attive nel sociale che operano in regime di low cost, anch’essi aderenti al portale.

Per chi lo desiderasse, è anche possibile contribuire al progetto con un contributo libero, che serve a ultimare la realizzazione del sito internet e sostenere i costi organizzati e di promozione del progetto. 


13/08/2018







blog comments powered by Disqus


Skill Me UP!: la musica per aiutare i migranti con disagio mentale

Alessandria | La musica veicolo di dialogo, per andare oltre la solitudine: è il progetto organizzato dall'associazione Cambalache, insieme al Conservatorio di Alessandria

Case vuote, persone senza casa: la città si prepara al grande sgombero

Alessandria | Quasi cento persone, fra cui una trentina di minori, saranno sgomberate entro marzo dagli alloggi in corso Acqui e via Brodolini che avevano occupato alcuni fa. Gli appartamenti, dopo anni di abbandono, sono stati nel frattempo sistemati dalle famiglie. Comune e operatori del sociale pronti a raddoppiare i locali di accoglienza nell'ex Ospedale Psichiatrico

Ri-Generazioni Urbane: si cercano nuovi progetti dai giovani per migliorare la città

Alessandria | Presentato il bando per la concessione di contributi alla progettualità dei giovani nel 2019

Gioco d'azzardo: spendiamo il doppio rispetto alla media nazionale

Alessandria | Il numero delle slot machines in Piemonte è calato del 44% grazie all'introduzione del discusso "distanziometro", inserito in una legge di fatto retroattiva che mira a rendere difficili l'installazione e il mantenimento di dispositivi di gioco presso bar e tabaccai. Ma la situazione è molto più complessa di quanto non possa sembrare

Chiusi i tirocini del progetto Saldatura per rifugiati e richiedenti asilo: per tanti si apre la via del lavoro

Alessandria | La maggior parte dei partecipanti al progetto di inserimento lavorativo e integrazione promosso da Cambalache insieme al Cnos-Fap di Alesandria ha visto i tirocini rinnovati in azienda