Alessandria

Psicoterapia Aperta arriva anche sul nostro territorio: ecco il sostegno psicologico a prezzi calmierati

Il servizio consente a chi ha necessitą di supporto psicologico o di terapia di mettersi in contatto con professionisti disposti a offrire il servizio a prezzi ridotti, per consentire a tutti l'accesso a un intervento fondamentale per il benessere delle persone: ecco come funziona e quali sono le regole per partecipare

ALESSANDRIA - Oggi in Italia troppo spesso solo chi se lo può permettere può accedere ad una terapia psicologica, intervento però fondamentale per ritrovare il proprio benessere psicofisico, superare un momento di difficoltà, prevenire l'insorgere di rischi per la salute più gravi se un problema viene trascurato. 

Un percorso di psicoterapia nel settore privato però può costare dai 200 ai 600 euro al mese, una cifra insostenibile per molti, e il sistema sanitario non riesce a garantire piena accessibilità a tutte e a tutti, senza contare che le liste d'attesa costringono spesso a tempi lunghi prima di poter essere chiamati per un incontro e il numero di sedute messe a disposizione per ciascun paziente è limitato, non consentendo in molti casi di risolvere il problema per chi ci si era rivolti al servizio. 

Da queste premesse, spiegate sul sito Psicoterapia-aperta.it è nata l'idea di costituire un network di professionisti - Psicologi/Psicoterapeuti e Associazioni - che intende aprire la possibilità di ricevere sostegno psicologico a più persone possibile.

"Psicoterapia Aperta - spiega Luigi D’Elia, psicologo e psicoterapeuta che con l’aiuto di un Comitato Promotore ha voluto organizzare questa rete - nasce per offrire sedute di psicoterapia a tariffe sostenibili alle famiglie in difficoltà economica, ai giovani di ogni estrazione sociale senza lavoro o con lavori precari, ai cittadini esclusi dal circuito lavorativo o con problematiche invalidanti, alle persone comuni del ceto medio che non sostengono il costo esorbitante della vita, che sarebbero fatalmente escluse dalla cura e dalla prevenzione della salute psicologica".

Il servizio, partito da alcuni mesi, ha ora ottenuto le prime adesioni anche sul territorio alessandrino, con alcuni professionisti disponibili (psicologi-psicoterapeuti) a offrire servizi a tariffe calmierate, secondo le regole etiche del progetto, vale a dire in numero proporzionale rispetto alla quantità di pazienti che già vengono seguiti a tariffa piena, così da evitare che lo strumento, nato per aiutare, diventi occasione per farsi concorrenza fra professionisti, abbassando le tariffe.



"Anzi - spiegano alcuni dei professionisti - l'obiettivo è semmai l'opposto, cioè quello di combattere il lavoro in nero, con l'accordo possibile fra pazienti e terapeuti per mantenere tariffe più basse senza dichiarare le prestazioni e pagare le relative tasse. In questo caso invece viene rilasciata regolare ricevuta sanitaria, che è anche detraibile dal paziente nella propria dichiarazione dei redditi". 

Come funziona
Attraverso una ricerca su mappa, raggiungibile dal sito, ogni utente ha la possibilità di ricercare e contattare nella propria zona il professionista libero - contrassegnato da semaforo verde, verificando la possibilità di ricevere da lui servizi professionali del tutto equiparati a quelli a tariffa piena. Allo stesso tempo, ogni utente può anche consultare il network di organizzazioni attive nel sociale che operano in regime di low cost, anch’essi aderenti al portale.

Per chi lo desiderasse, è anche possibile contribuire al progetto con un contributo libero, che serve a ultimare la realizzazione del sito internet e sostenere i costi organizzati e di promozione del progetto. 


13/08/2018







blog comments powered by Disqus


Verso il primo Pride alessandrino, Cuttica: "favorevole al patrocinio del Comune"

Alessandria | L'associazione Tessere le Identitą pronta a organizzare in estate un'iniziativa contro ogni forma di discriminazione, coinvolgendo tante realtą del territorio. Dal sindaco apertura per sostenere l'iniziativa: "giusto farlo, spero venga portato vanti senza urtare la sensibilitą di altri soggetti ed evitando gli aspetti pił folcloristici"

"Il gusto della solidarietą": giovedģ 6 dicembre la cena per sostenere un progetto musicale in carcere

Alessandria | A preparare la cena di beneficienza, dal menł gourmet, saranno gli stessi ospiti degli Istituti Penitenziari alessandrini, con lo scopo di raccogliere fondi per finanziare un interessante progetto dedicato alla musica in carcere, realizzato con il sostegno del Conservatorio Vivaldi e di Franco Mussida

"Muoversi senza barriere": il Cissaca punta su sport e integrazione, insieme a tante realtą del territorio

Alessandria | Il 10 dicembre si terrą un incontro al Punto D del Cristo per presentare i primi progetti sul territorio: l'obiettivo del Cissaca č fare rete per offrire numerose occasioni alle persone con disabilitą sia motoria che intellettiva per fare sport e accedere ad attivitą inclusive, puntando sulla forza del team e del gioco di squadra

Firmato accordo tra Cia, Coompany e Istituto penitenziario: i detenuti a scuola di agricoltura

Alessandria | L'accordo consentirą ai detenuti pił meritevoli di seguire corsi professionalizzanti svolti all'interno del carcere per acquisire competenze in ambito agricolo direttamente spendibili nel mondo del lavoro una volta scontata la pena

Artiviamoci: festival delle arti recluse per scoprire due quartieri "particolari" della cittą

Alessandria | Dal 7 al 16 dicembre la cittą ospiterą il la rassegna "Artiviamoci - Le mani e le arti" dedicata alle attivitą svolte all'interno delle due carceri alessandrine, da poco riunite formalmente sotto un unico istituto. Dalla pittura all'arte contemporanea, dalla fotografia al teatro, ecco il programma degli eventi pensati per osservare il carcere sotto una nuova luce