Alessandria

Quando arriverà da noi il cocktail più buono del mondo?

Si chiama Angelot, è un cocktail che non esiste, ma in altri Paesi una ragazza può essere ordinato al bancone di un bar o in discoteca se si trova in difficoltà, sta ricevendo molestie e vuole sottrarsi da una brutta situazione. Medea: "felici di sostenere il progetto, ma non dimentichiamo che il pericolo maggiore è in ambito domestico"

ALESSANDRIA - Se vi trovate in difficoltà, se c'è qualcuno che ha preso a molestarvi nel locale in cui trovate e avete paura di una reazione violenta al vostro rifiuto, o non vi sentite sufficientemente lucide per gestire da sole la situazione, potreste semplicemente chiedere un Angelot al bancone della discoteca in cui vi trovate: voi e il personale del locale conoscete cosa succederà subito dopo la vostra richiesta, ma il vostro molestatore probabilmente no e, in ogni caso, una volta ordinato non sarete più lasciate sole.

Da quel momento infatti nei Paesi dove il sistema già funziona, come per esempio il Canada, la donna che ha fatto la richiesta viene avvicinata dal personale della sicurezza del locale, che con fare discreto la scorterà in luogo protetto, dal quale poter dar seguito a eventuali denunce. Dove non esiste l'escomatage del cockatil è presente, a volte, un nome convenzionale: in Germania e in Gran Bretagna si può chiedere di Angela, mentre in alcune città della Svizzera il nome in codice è quello di Luisa. I locali che aderiscono, sempre di più, espongono adesivi identificativi e potrebbero essere scelti in via preferenziale dalle donne proprio per la sicurezza maggiore che sono capaci di garantire. 

In Italia non esiste ancora un progetto nazionale del genere, ma di recente qualcosa capace di coinvolgere esercizi commerciali si sta muovendo sul fronte della prevenzione, per esempio con attività che mobilitano parrucchieri ed estetisti, "sentinelle" per indirizzare le donne vittima di violenza verso i centri d'aiuto specializzati.

Perché allora non introdurre il buonissimo cockatil 'Angelot' anche da noi, magari iniziando proprio da Alessandria come città sperimentale in tal senso? 

L'idea per ora raccoglie l'interesse del centro antiviolenza Medea, che sul tema commenta: "ogni iniziativa che vada nella direzione di maggiore tutela per le donne è utile e in effetti su questo fronte ci si dovrebbe attivare, facendo rete, anche perché la cronaca di riporta continuamente episodi di molestie e stupri, a danno anche di ragazze minorenni. Non dobbiamo comunque dimenticare che la maggior parte degli episodi di violenza avviene fra le mure domestiche e viene perpetrata da fidanzati, compagni o mariti". 
23/06/2018







blog comments powered by Disqus


La forza della musica per aiutare l'integrazione

Alessandria | La musica veicolo di dialogo, per andare oltre la solitudine: è il progetto organizzato dall'associazione Cambalache, insieme al Conservatorio di Alessandria

Ex Cangiassi: "creiamo uno spazio ad alto impatto sociale, sul modesto di Dynamo a Bologna"

Alessandria | La Comunità San Benedetto al Porto rilancia un appello a Palazzo Rosso perché, dopo due bandi andati deserti, scelga di destinare la struttura dell'ex bar-gelateria ai Giardini Pubblici in uno spazio dedicato ai cittadini, per la promozione della bici, del turismo e dell'animazione sociale degli spazi. "Anche abbatterlo avrebbe un costo, pensateci"

Che budget per viaggiare alla scoperta del mondo?

Viaggi | Dato che in tanti ci avete chiesto chi paga il viaggio che stiamo affrontando, abbiamo deciso di scrivere questo articolo per spiegarvi un po’ come ci gestiamo le spese e soprattutto come guadagniamo i soldi per viaggiare.

Da Alessandria a un viaggio intorno al mondo: seguiamo Elisa e Luca!

Alessandria  | Elisa e Luca, 23 e 26 anni, sono in viaggio per realizzare un sogno, quello di percorrere tutto il Canada, scendere lungo la costa degli Stati Uniti e arrivare in Argentina senza mai prendere aerei. Ecco il loro racconto, che potremmo seguire passo dopo passo sul nostro giornale

Skill Me UP!: la musica per aiutare i migranti con disagio mentale

Alessandria | La musica veicolo di dialogo, per andare oltre la solitudine: è il progetto organizzato dall'associazione Cambalache, insieme al Conservatorio di Alessandria