Alessandria

Quando arriverà da noi il cocktail più buono del mondo?

Si chiama Angelot, è un cocktail che non esiste, ma in altri Paesi una ragazza può essere ordinato al bancone di un bar o in discoteca se si trova in difficoltà, sta ricevendo molestie e vuole sottrarsi da una brutta situazione. Medea: "felici di sostenere il progetto, ma non dimentichiamo che il pericolo maggiore è in ambito domestico"

ALESSANDRIA - Se vi trovate in difficoltà, se c'è qualcuno che ha preso a molestarvi nel locale in cui trovate e avete paura di una reazione violenta al vostro rifiuto, o non vi sentite sufficientemente lucide per gestire da sole la situazione, potreste semplicemente chiedere un Angelot al bancone della discoteca in cui vi trovate: voi e il personale del locale conoscete cosa succederà subito dopo la vostra richiesta, ma il vostro molestatore probabilmente no e, in ogni caso, una volta ordinato non sarete più lasciate sole.

Da quel momento infatti nei Paesi dove il sistema già funziona, come per esempio il Canada, la donna che ha fatto la richiesta viene avvicinata dal personale della sicurezza del locale, che con fare discreto la scorterà in luogo protetto, dal quale poter dar seguito a eventuali denunce. Dove non esiste l'escomatage del cockatil è presente, a volte, un nome convenzionale: in Germania e in Gran Bretagna si può chiedere di Angela, mentre in alcune città della Svizzera il nome in codice è quello di Luisa. I locali che aderiscono, sempre di più, espongono adesivi identificativi e potrebbero essere scelti in via preferenziale dalle donne proprio per la sicurezza maggiore che sono capaci di garantire. 

In Italia non esiste ancora un progetto nazionale del genere, ma di recente qualcosa capace di coinvolgere esercizi commerciali si sta muovendo sul fronte della prevenzione, per esempio con attività che mobilitano parrucchieri ed estetisti, "sentinelle" per indirizzare le donne vittima di violenza verso i centri d'aiuto specializzati.

Perché allora non introdurre il buonissimo cockatil 'Angelot' anche da noi, magari iniziando proprio da Alessandria come città sperimentale in tal senso? 

L'idea per ora raccoglie l'interesse del centro antiviolenza Medea, che sul tema commenta: "ogni iniziativa che vada nella direzione di maggiore tutela per le donne è utile e in effetti su questo fronte ci si dovrebbe attivare, facendo rete, anche perché la cronaca di riporta continuamente episodi di molestie e stupri, a danno anche di ragazze minorenni. Non dobbiamo comunque dimenticare che la maggior parte degli episodi di violenza avviene fra le mure domestiche e viene perpetrata da fidanzati, compagni o mariti". 
23/06/2018







blog comments powered by Disqus


Verso il primo Pride alessandrino, Cuttica: "favorevole al patrocinio del Comune"

Alessandria | L'associazione Tessere le Identità pronta a organizzare in estate un'iniziativa contro ogni forma di discriminazione, coinvolgendo tante realtà del territorio. Dal sindaco apertura per sostenere l'iniziativa: "giusto farlo, spero venga portato vanti senza urtare la sensibilità di altri soggetti ed evitando gli aspetti più folcloristici"

"Il gusto della solidarietà": giovedì 6 dicembre la cena per sostenere un progetto musicale in carcere

Alessandria | A preparare la cena di beneficienza, dal menù gourmet, saranno gli stessi ospiti degli Istituti Penitenziari alessandrini, con lo scopo di raccogliere fondi per finanziare un interessante progetto dedicato alla musica in carcere, realizzato con il sostegno del Conservatorio Vivaldi e di Franco Mussida

"Muoversi senza barriere": il Cissaca punta su sport e integrazione, insieme a tante realtà del territorio

Alessandria | Il 10 dicembre si terrà un incontro al Punto D del Cristo per presentare i primi progetti sul territorio: l'obiettivo del Cissaca è fare rete per offrire numerose occasioni alle persone con disabilità sia motoria che intellettiva per fare sport e accedere ad attività inclusive, puntando sulla forza del team e del gioco di squadra

Firmato accordo tra Cia, Coompany e Istituto penitenziario: i detenuti a scuola di agricoltura

Alessandria | L'accordo consentirà ai detenuti più meritevoli di seguire corsi professionalizzanti svolti all'interno del carcere per acquisire competenze in ambito agricolo direttamente spendibili nel mondo del lavoro una volta scontata la pena

Artiviamoci: festival delle arti recluse per scoprire due quartieri "particolari" della città

Alessandria | Dal 7 al 16 dicembre la città ospiterà il la rassegna "Artiviamoci - Le mani e le arti" dedicata alle attività svolte all'interno delle due carceri alessandrine, da poco riunite formalmente sotto un unico istituto. Dalla pittura all'arte contemporanea, dalla fotografia al teatro, ecco il programma degli eventi pensati per osservare il carcere sotto una nuova luce