Alessandria

Quando arriverà da noi il cocktail più buono del mondo?

Si chiama Angelot, è un cocktail che non esiste, ma in altri Paesi una ragazza può essere ordinato al bancone di un bar o in discoteca se si trova in difficoltà, sta ricevendo molestie e vuole sottrarsi da una brutta situazione. Medea: "felici di sostenere il progetto, ma non dimentichiamo che il pericolo maggiore è in ambito domestico"

ALESSANDRIA - Se vi trovate in difficoltà, se c'è qualcuno che ha preso a molestarvi nel locale in cui trovate e avete paura di una reazione violenta al vostro rifiuto, o non vi sentite sufficientemente lucide per gestire da sole la situazione, potreste semplicemente chiedere un Angelot al bancone della discoteca in cui vi trovate: voi e il personale del locale conoscete cosa succederà subito dopo la vostra richiesta, ma il vostro molestatore probabilmente no e, in ogni caso, una volta ordinato non sarete più lasciate sole.

Da quel momento infatti nei Paesi dove il sistema già funziona, come per esempio il Canada, la donna che ha fatto la richiesta viene avvicinata dal personale della sicurezza del locale, che con fare discreto la scorterà in luogo protetto, dal quale poter dar seguito a eventuali denunce. Dove non esiste l'escomatage del cockatil è presente, a volte, un nome convenzionale: in Germania e in Gran Bretagna si può chiedere di Angela, mentre in alcune città della Svizzera il nome in codice è quello di Luisa. I locali che aderiscono, sempre di più, espongono adesivi identificativi e potrebbero essere scelti in via preferenziale dalle donne proprio per la sicurezza maggiore che sono capaci di garantire. 

In Italia non esiste ancora un progetto nazionale del genere, ma di recente qualcosa capace di coinvolgere esercizi commerciali si sta muovendo sul fronte della prevenzione, per esempio con attività che mobilitano parrucchieri ed estetisti, "sentinelle" per indirizzare le donne vittima di violenza verso i centri d'aiuto specializzati.

Perché allora non introdurre il buonissimo cockatil 'Angelot' anche da noi, magari iniziando proprio da Alessandria come città sperimentale in tal senso? 

L'idea per ora raccoglie l'interesse del centro antiviolenza Medea, che sul tema commenta: "ogni iniziativa che vada nella direzione di maggiore tutela per le donne è utile e in effetti su questo fronte ci si dovrebbe attivare, facendo rete, anche perché la cronaca di riporta continuamente episodi di molestie e stupri, a danno anche di ragazze minorenni. Non dobbiamo comunque dimenticare che la maggior parte degli episodi di violenza avviene fra le mure domestiche e viene perpetrata da fidanzati, compagni o mariti". 
23/06/2018







blog comments powered by Disqus


Psicoterapia Aperta arriva anche sul nostro territorio: ecco il sostegno psicologico a prezzi calmierati

Alessandria | Il servizio consente a chi ha necessità di supporto psicologico o di terapia di mettersi in contatto con professionisti disposti a offrire il servizio a prezzi ridotti, per consentire a tutti l'accesso a un intervento fondamentale per il benessere delle persone: ecco come funziona e quali sono le regole per partecipare

Per la Virtus Alessandria Pallavolo due sponsor dal cuore grande: "Avis e Aido"

Alessandria | La Virtus Alessandria Pallavolo a partire dalla stagione sportiva 2018/2019 porterà sulle maglie (a titolo gratuito) i loghi di Avis e Aido, per promuovere la donazione. "Il nostro obiettivo non è solo quello di promuovere lo sport, ma di dare spazio ad eventi ed iniziative a carattere sociale, e le nostre 100 tesserate saranno felici di aiutare"

"Non azzardatevi!": dalla Cisl una nuova indagine, preoccupante, sulla ludopatia

Alessandria | Secondo i dati della ricerca, sarebbero almeno 3450 le persone già dipendenti dal gioco in provincia, ma i numeri salgono a 14 mila se si conteggiano anche i giocatori a rischio. Ad Alessandria le giocate procapite calcolate per il 2017 contano la spaventosa cifra di 1554 euro, per un totale di oltre 145 milioni di euro giocati. Ecco tutti i dati

Inaugurato il progetto "Lara": gli amici a 4 zampe entrano in Ospedale

Alessandria | Iniziativa di umanizzazione resa possibile grazie alla Fondazione Uspidalet Onlus, che ha visto la risistemazione del giardino interno dell'Ospedale, ora ricco di verde, con un dehor e box in cui incontrare i propri amici animali, oltre a un piccolo spazio in cui poter coltivare piante e fiori

Le persone al primo posto: Cambalache a Ginevra per il suo impegno con i rifugiati

Alessandria | Si è aperto l'incontro mondiale dedicato alle ong partner dell'UNHCR - Agenzia ONU, dal titolo: “Putting People First”. Alessandria è rappresentata da Cambalache e dal suo progetto Bee My Job, finanziato dalla fondazione SociAL e finalizzato all'inserimento lavorativo dei migranti nel settore dell'apicoltura