Alessandria

Quando arriverà da noi il cocktail più buono del mondo?

Si chiama Angelot, è un cocktail che non esiste, ma in altri Paesi una ragazza può essere ordinato al bancone di un bar o in discoteca se si trova in difficoltà, sta ricevendo molestie e vuole sottrarsi da una brutta situazione. Medea: "felici di sostenere il progetto, ma non dimentichiamo che il pericolo maggiore è in ambito domestico"

ALESSANDRIA - Se vi trovate in difficoltà, se c'è qualcuno che ha preso a molestarvi nel locale in cui trovate e avete paura di una reazione violenta al vostro rifiuto, o non vi sentite sufficientemente lucide per gestire da sole la situazione, potreste semplicemente chiedere un Angelot al bancone della discoteca in cui vi trovate: voi e il personale del locale conoscete cosa succederà subito dopo la vostra richiesta, ma il vostro molestatore probabilmente no e, in ogni caso, una volta ordinato non sarete più lasciate sole.

Da quel momento infatti nei Paesi dove il sistema già funziona, come per esempio il Canada, la donna che ha fatto la richiesta viene avvicinata dal personale della sicurezza del locale, che con fare discreto la scorterà in luogo protetto, dal quale poter dar seguito a eventuali denunce. Dove non esiste l'escomatage del cockatil è presente, a volte, un nome convenzionale: in Germania e in Gran Bretagna si può chiedere di Angela, mentre in alcune città della Svizzera il nome in codice è quello di Luisa. I locali che aderiscono, sempre di più, espongono adesivi identificativi e potrebbero essere scelti in via preferenziale dalle donne proprio per la sicurezza maggiore che sono capaci di garantire. 

In Italia non esiste ancora un progetto nazionale del genere, ma di recente qualcosa capace di coinvolgere esercizi commerciali si sta muovendo sul fronte della prevenzione, per esempio con attività che mobilitano parrucchieri ed estetisti, "sentinelle" per indirizzare le donne vittima di violenza verso i centri d'aiuto specializzati.

Perché allora non introdurre il buonissimo cockatil 'Angelot' anche da noi, magari iniziando proprio da Alessandria come città sperimentale in tal senso? 

L'idea per ora raccoglie l'interesse del centro antiviolenza Medea, che sul tema commenta: "ogni iniziativa che vada nella direzione di maggiore tutela per le donne è utile e in effetti su questo fronte ci si dovrebbe attivare, facendo rete, anche perché la cronaca di riporta continuamente episodi di molestie e stupri, a danno anche di ragazze minorenni. Non dobbiamo comunque dimenticare che la maggior parte degli episodi di violenza avviene fra le mure domestiche e viene perpetrata da fidanzati, compagni o mariti". 
23/06/2018







blog comments powered by Disqus


Skill Me UP!: la musica per aiutare i migranti con disagio mentale

Alessandria | La musica veicolo di dialogo, per andare oltre la solitudine: è il progetto organizzato dall'associazione Cambalache, insieme al Conservatorio di Alessandria

Case vuote, persone senza casa: la città si prepara al grande sgombero

Alessandria | Quasi cento persone, fra cui una trentina di minori, saranno sgomberate entro marzo dagli alloggi in corso Acqui e via Brodolini che avevano occupato alcuni fa. Gli appartamenti, dopo anni di abbandono, sono stati nel frattempo sistemati dalle famiglie. Comune e operatori del sociale pronti a raddoppiare i locali di accoglienza nell'ex Ospedale Psichiatrico

Ri-Generazioni Urbane: si cercano nuovi progetti dai giovani per migliorare la città

Alessandria | Presentato il bando per la concessione di contributi alla progettualità dei giovani nel 2019

Gioco d'azzardo: spendiamo il doppio rispetto alla media nazionale

Alessandria | Il numero delle slot machines in Piemonte è calato del 44% grazie all'introduzione del discusso "distanziometro", inserito in una legge di fatto retroattiva che mira a rendere difficili l'installazione e il mantenimento di dispositivi di gioco presso bar e tabaccai. Ma la situazione è molto più complessa di quanto non possa sembrare

Chiusi i tirocini del progetto Saldatura per rifugiati e richiedenti asilo: per tanti si apre la via del lavoro

Alessandria | La maggior parte dei partecipanti al progetto di inserimento lavorativo e integrazione promosso da Cambalache insieme al Cnos-Fap di Alesandria ha visto i tirocini rinnovati in azienda