Alessandria

Quando l'arte vince sull'emarginazione

Dal Marocco all'Italia, da Casablanca ad Alessandria, il progetto internazionale per la StrAlessandria 2016 prende forma: Sophie Akhmisse, direttrice del centro culturale marocchino Les Etoiles è stata in visita ai laboratori artistici del carcere di San Michele per uno scambio di esperienze: "ecco come nel quartiere Sidi Moumen con l'arte impediamo che ragazzi di strada diventino terroristi"

ALESSANDRIA - Arte o terrorismo, una battaglia che a Casablanca qualcuno sta combattendo, e che, grazie a Ics Onlus e alla StrAlessandria 2016, vedrà coinvolta anche la nostra città.  

Questa settimana a far visita alla Casa di Reclusione di San Michele è arrivato un ospite speciale, direttamente da Casablanca. Si tratta infatti di Sophie Akhmisse, direttrice del Centro Culturale Les Etoiles del quartiere Sidi Moumen di Casablanca, tristemente noto per essere uno dei più a rischio della città. 
L’iniziativa è stata promossa da ICS Onlus e fa parte del progetto di cooperazione culturale con il Centro marocchino quale progetto internazionale della StrAlessandria 2016.

Il quartiere Sidi Moumen all’inizio degli anni 2000 venne considerato come una pericolosa fabbrica di terroristi perché fu da esso che uscirono i giovani integralisti che si fecero esplodere negli attentati del 16 maggio 2003. Intellettuali , tra cui lo scrittore e artista Mahi Binebine e il regista Nabil Ayouch, hanno però deciso di non rassegnarsi a questa situazione e attivare un'iniziativa originale e in controtendenza, riuscendo a creare nel quartiere e verso la città di Casablanca un movimento culturale e artistico riconosciuto dalla popolazione.
Centrale in questo passaggio fu nel 2010 l’incontro tra le famiglie degli attentatori e quelle delle vittime, riconciliate nell’obiettivo comune d’impedire il ripetersi della tragedia collettiva e individuale.

L’incontro all’interno del carcere di Alessandria ha coinvolto i detenuti partecipanti ai laboratori artistici di pittura, incisione e stampa, i detenuti delle classi per geometri e i loro docenti, con la presenza anche della direttrice Elena Lombardi Vallauri e gli educatori.
A Sophie Akhmisse sono stati presentati i risultati dei laboratori interni alla Casa di Reclusione, condotti nell’ultimo anno da ICS Onlus all’interno del progetto “Povero nemico”, finanziato dalla Fondazione SociAL e guidato da Piero Sacchi.

In particolare sono state apprezzate le tre opere più grandi (tredici tele) praticamente terminate prossime alla consegna (e che verranno collocate in diverse realtà della città, compresa, probabilmente, la frequentatissima 'Ristorazione Sociale' nel quartiere Orti). Durante l'incontro sono state illustrate le tecniche e le incisioni che stanno confluendo nella realizzazione della graphic novel 'Secure world' ad opera dei detenuti. Tra il pubblico partecipante c’erano anche persone originarie proprio del quartiere Sidi Mumen.

Sophie Akhmisse ha illustrato il percorso e i risultati del Centro Culturale che dirige, dove "trovano insegnamento artistico 450 ragazzi, dove gli artisti locali hanno un riferimento e una struttura professionale per esibirsi ed esporre. Grazie a queste iniziative il quartiere è diventato punto di riferimento per gli altri quartieri - ha spiegato la direttrice marocchina - Il partenariato internazionale ha inoltre permesso di portare le attività direttamente dentro gli altri quartieri della città di Casablanca".

La collaborazione di ICS Onlus e del Centro Les Etoile riguarderà anche direttamente l’intervento artistico culturale nelle carceri. E’ stato preso l’impegno di avviare un progetto comune che porti ad uno scambio delle opere realizzate. L’incontro si è protratto per un'intera mattinata, coinvolgendo i detenuti dell’area educativa che sono intervenuti a più riprese. Al termine Sophie Akhmisse ha visitato anche il panificio interno al carcere, dove ha potuto gustare il 'Pane quotidiano' di San Michele.
5/02/2016







blog comments powered by Disqus


Verso il primo Pride alessandrino, Cuttica: "favorevole al patrocinio del Comune"

Alessandria | L'associazione Tessere le Identità pronta a organizzare in estate un'iniziativa contro ogni forma di discriminazione, coinvolgendo tante realtà del territorio. Dal sindaco apertura per sostenere l'iniziativa: "giusto farlo, spero venga portato vanti senza urtare la sensibilità di altri soggetti ed evitando gli aspetti più folcloristici"

"Il gusto della solidarietà": giovedì 6 dicembre la cena per sostenere un progetto musicale in carcere

Alessandria | A preparare la cena di beneficienza, dal menù gourmet, saranno gli stessi ospiti degli Istituti Penitenziari alessandrini, con lo scopo di raccogliere fondi per finanziare un interessante progetto dedicato alla musica in carcere, realizzato con il sostegno del Conservatorio Vivaldi e di Franco Mussida

"Muoversi senza barriere": il Cissaca punta su sport e integrazione, insieme a tante realtà del territorio

Alessandria | Il 10 dicembre si terrà un incontro al Punto D del Cristo per presentare i primi progetti sul territorio: l'obiettivo del Cissaca è fare rete per offrire numerose occasioni alle persone con disabilità sia motoria che intellettiva per fare sport e accedere ad attività inclusive, puntando sulla forza del team e del gioco di squadra

Firmato accordo tra Cia, Coompany e Istituto penitenziario: i detenuti a scuola di agricoltura

Alessandria | L'accordo consentirà ai detenuti più meritevoli di seguire corsi professionalizzanti svolti all'interno del carcere per acquisire competenze in ambito agricolo direttamente spendibili nel mondo del lavoro una volta scontata la pena

Artiviamoci: festival delle arti recluse per scoprire due quartieri "particolari" della città

Alessandria | Dal 7 al 16 dicembre la città ospiterà il la rassegna "Artiviamoci - Le mani e le arti" dedicata alle attività svolte all'interno delle due carceri alessandrine, da poco riunite formalmente sotto un unico istituto. Dalla pittura all'arte contemporanea, dalla fotografia al teatro, ecco il programma degli eventi pensati per osservare il carcere sotto una nuova luce