Alessandria

Quando l'arte vince sull'emarginazione

Dal Marocco all'Italia, da Casablanca ad Alessandria, il progetto internazionale per la StrAlessandria 2016 prende forma: Sophie Akhmisse, direttrice del centro culturale marocchino Les Etoiles è stata in visita ai laboratori artistici del carcere di San Michele per uno scambio di esperienze: "ecco come nel quartiere Sidi Moumen con l'arte impediamo che ragazzi di strada diventino terroristi"

ALESSANDRIA - Arte o terrorismo, una battaglia che a Casablanca qualcuno sta combattendo, e che, grazie a Ics Onlus e alla StrAlessandria 2016, vedrà coinvolta anche la nostra città.  

Questa settimana a far visita alla Casa di Reclusione di San Michele è arrivato un ospite speciale, direttamente da Casablanca. Si tratta infatti di Sophie Akhmisse, direttrice del Centro Culturale Les Etoiles del quartiere Sidi Moumen di Casablanca, tristemente noto per essere uno dei più a rischio della città. 
L’iniziativa è stata promossa da ICS Onlus e fa parte del progetto di cooperazione culturale con il Centro marocchino quale progetto internazionale della StrAlessandria 2016.

Il quartiere Sidi Moumen all’inizio degli anni 2000 venne considerato come una pericolosa fabbrica di terroristi perché fu da esso che uscirono i giovani integralisti che si fecero esplodere negli attentati del 16 maggio 2003. Intellettuali , tra cui lo scrittore e artista Mahi Binebine e il regista Nabil Ayouch, hanno però deciso di non rassegnarsi a questa situazione e attivare un'iniziativa originale e in controtendenza, riuscendo a creare nel quartiere e verso la città di Casablanca un movimento culturale e artistico riconosciuto dalla popolazione.
Centrale in questo passaggio fu nel 2010 l’incontro tra le famiglie degli attentatori e quelle delle vittime, riconciliate nell’obiettivo comune d’impedire il ripetersi della tragedia collettiva e individuale.

L’incontro all’interno del carcere di Alessandria ha coinvolto i detenuti partecipanti ai laboratori artistici di pittura, incisione e stampa, i detenuti delle classi per geometri e i loro docenti, con la presenza anche della direttrice Elena Lombardi Vallauri e gli educatori.
A Sophie Akhmisse sono stati presentati i risultati dei laboratori interni alla Casa di Reclusione, condotti nell’ultimo anno da ICS Onlus all’interno del progetto “Povero nemico”, finanziato dalla Fondazione SociAL e guidato da Piero Sacchi.

In particolare sono state apprezzate le tre opere più grandi (tredici tele) praticamente terminate prossime alla consegna (e che verranno collocate in diverse realtà della città, compresa, probabilmente, la frequentatissima 'Ristorazione Sociale' nel quartiere Orti). Durante l'incontro sono state illustrate le tecniche e le incisioni che stanno confluendo nella realizzazione della graphic novel 'Secure world' ad opera dei detenuti. Tra il pubblico partecipante c’erano anche persone originarie proprio del quartiere Sidi Mumen.

Sophie Akhmisse ha illustrato il percorso e i risultati del Centro Culturale che dirige, dove "trovano insegnamento artistico 450 ragazzi, dove gli artisti locali hanno un riferimento e una struttura professionale per esibirsi ed esporre. Grazie a queste iniziative il quartiere è diventato punto di riferimento per gli altri quartieri - ha spiegato la direttrice marocchina - Il partenariato internazionale ha inoltre permesso di portare le attività direttamente dentro gli altri quartieri della città di Casablanca".

La collaborazione di ICS Onlus e del Centro Les Etoile riguarderà anche direttamente l’intervento artistico culturale nelle carceri. E’ stato preso l’impegno di avviare un progetto comune che porti ad uno scambio delle opere realizzate. L’incontro si è protratto per un'intera mattinata, coinvolgendo i detenuti dell’area educativa che sono intervenuti a più riprese. Al termine Sophie Akhmisse ha visitato anche il panificio interno al carcere, dove ha potuto gustare il 'Pane quotidiano' di San Michele.
5/02/2016







blog comments powered by Disqus


"Non azzardatevi!": dalla Cisl una nuova indagine, preoccupante, sulla ludopatia

Alessandria | Secondo i dati della ricerca, sarebbero almeno 3450 le persone già dipendenti dal gioco in provincia, ma i numeri salgono a 14 mila se si conteggiano anche i giocatori a rischio. Ad Alessandria le giocate procapite calcolate per il 2017 contano la spaventosa cifra di 1554 euro, per un totale di oltre 145 milioni di euro giocati. Ecco tutti i dati

Inaugurato il progetto "Lara": gli amici a 4 zampe entrano in Ospedale

Alessandria | Iniziativa di umanizzazione resa possibile grazie alla Fondazione Uspidalet Onlus, che ha visto la risistemazione del giardino interno dell'Ospedale, ora ricco di verde, con un dehor e box in cui incontrare i propri amici animali, oltre a un piccolo spazio in cui poter coltivare piante e fiori

Le persone al primo posto: Cambalache a Ginevra per il suo impegno con i rifugiati

Alessandria | Si è aperto l'incontro mondiale dedicato alle ong partner dell'UNHCR - Agenzia ONU, dal titolo: “Putting People First”. Alessandria è rappresentata da Cambalache e dal suo progetto Bee My Job, finanziato dalla fondazione SociAL e finalizzato all'inserimento lavorativo dei migranti nel settore dell'apicoltura

Quando arriverà da noi il cocktail più buono del mondo?

Alessandria | Si chiama Angelot, è un cocktail che non esiste, ma in altri Paesi una ragazza può essere ordinato al bancone di un bar o in discoteca se si trova in difficoltà, sta ricevendo molestie e vuole sottrarsi da una brutta situazione. Medea: "felici di sostenere il progetto, ma non dimentichiamo che il pericolo maggiore è in ambito domestico"

Brumotti in città: visita a sorpresa presto l'Ospedale Infantile

Alessandria | Il viaggio per l’Italia di Brumotti ha fatto tappa anche all’Ospedale Infantile di Alessandria. Un po’ a sorpresa, il noto biker televisivo, che ha legato il suo progetto ad una iniziativa di raccolta fondi per l’Associazione Famiglie SMA, ha salutato operatori e i ricoverati del Cesare Arrigo