Alessandria

Social wood: "i detenuti? Aiutateci a mandarli a lavorare"

Il progetto per l'apertura di una bottega all'interno del carcere in città è ormai maturo e ha lanciato una raccolta fondi per dare ancor più solidità al piano, arrivando a coinvolgere nel tempo un numero maggiore di detenuti. Invece di rimanere con le mani in mano verranno realizzati oggetti di arredo e di design

ALESSANDRIA - "Bisognerebbe mandarli a lavorare" è una frase utilizzata tante volte quando si parla di chi si trova a scontare una pena all'interno del carcere, alla luce del fatto che viene, di fatto, spesso mantenuto a spese dello Stato ma anche che la detenzione per lunghi periodi senza la possibilità di mantenersi attivi per la società non fa aumentare il rischio di recidività una volta usciti dal carcere. Anche su queste considerazioni si fonda il progetto promosso "Social Wood", finanziato dalla fondazione Social e promosso da Ises, e che è ormai visibile in città, considerando che è stato da qualche mese 'bucato' il muro di cinta della Casa Circondariale in piazza Don Soria. 

Oggi, a pochi giorni ormai dall'inizio vero e proprio dell'apertura del negozio, è in corso una raccolta fondi per sostenere il progetto, dando la possibilità nel tempo a un numero sempre maggiore di detenuti di prendere parte al laboratorio di falegnameria interno al carcere e alle attività legate al negozio. 

Sulla piattaforma di crowfunding "Eppela" è infatti stata aperta un'apposita pagina dedicata all'attività nata ad Alessandria, che ha già 1680 euro, una bella somma ma non ancora sufficiente per raggiungere il target, che è di 10 mila euro. 

Il progetto non si limita infatti alla produzione di mobili a partire da pallet e legno da recupero, ma anche alla creazione di un vero e proprie SocialHub, il "primo negozio italiano in carcere:" uno spazio per dare visibilità a tutti gli attori del terzo settore e alle loro produzioni solidali, consentendo anche a realtà del terzo settore di raccogliere così fondi mediante la vendita nello store del carcere, messo a disposizione di chi ne avrà bisogno. 

 

5/11/2018







blog comments powered by Disqus


Da Alessandria a un viaggio intorno al mondo: seguiamo Elisa e Luca!

Alessandria  | Elisa e Luca, 23 e 26 anni, sono in viaggio per realizzare un sogno, quello di percorrere tutto il Canada, scendere lungo la costa degli Stati Uniti e arrivare in Argentina senza mai prendere aerei. Ecco il loro racconto, che potremmo seguire passo dopo passo sul nostro giornale

Skill Me UP!: la musica per aiutare i migranti con disagio mentale

Alessandria | La musica veicolo di dialogo, per andare oltre la solitudine: è il progetto organizzato dall'associazione Cambalache, insieme al Conservatorio di Alessandria

Case vuote, persone senza casa: la città si prepara al grande sgombero

Alessandria | Quasi cento persone, fra cui una trentina di minori, saranno sgomberate entro marzo dagli alloggi in corso Acqui e via Brodolini che avevano occupato alcuni fa. Gli appartamenti, dopo anni di abbandono, sono stati nel frattempo sistemati dalle famiglie. Comune e operatori del sociale pronti a raddoppiare i locali di accoglienza nell'ex Ospedale Psichiatrico

Ri-Generazioni Urbane: si cercano nuovi progetti dai giovani per migliorare la città

Alessandria | Presentato il bando per la concessione di contributi alla progettualità dei giovani nel 2019

Gioco d'azzardo: spendiamo il doppio rispetto alla media nazionale

Alessandria | Il numero delle slot machines in Piemonte è calato del 44% grazie all'introduzione del discusso "distanziometro", inserito in una legge di fatto retroattiva che mira a rendere difficili l'installazione e il mantenimento di dispositivi di gioco presso bar e tabaccai. Ma la situazione è molto più complessa di quanto non possa sembrare