Alessandria

Testimoni di un genocidio: "ecco il nostro racconto dal Kurdistan turco"

Tre volontari dell'Associazione Verso il Kurdistan Italia sono appena tornati dalla Turchia, dove, denunciano, "è in corso una vasta e sistematica operazione per spingere gli abitanti kurdi a lasciare le proprie case, attraverso bombardamenti, uccisioni indiscriminate e minacce". Ecco il loro drammatico racconto e le indicazioni per chi volesse inviare un aiuto

ALESSANDRIA - La situazione che, come Associazione Verso il Kurdistan - Rete Kurdistan Italia, abbiamo riscontrato e appurato nelle città del Kurdistan turco, attraverso visite e colloqui, conferma, da una parte, la drammaticità degli eventi e, dall’altra, la pericolosità per il futuro.

Le notizie che giungono qui in Italia sono frammentarie e comunque non rendono assolutamente conto della situazione.

Questo è ben presente alla popolazione kurda, ai dirigenti e amministratori locali che - ci hanno detto - non credono più all’interessamento dei governi europei e sperano solo nell’aiuto e nelle informazioni che possono riportare le organizzazioni di cooperanti e solidali internazionali che riescono a raggiungere le loro città martoriate.

Anzi, loro - giustamente - ritengono che gran parte della responsabilità rispetto alla situazione attuale, sia da imputarsi all'Europa e, in modo particolare, all'accordo disastroso UE – Turchia sui rimpatri.

La nostra delegazione ha potuto raggiungere le città di Cizre e Van dove si sono tenuti incontri con le autorità locali del luogo e di altre città, giunte appositamente, con famiglie che hanno avuto parenti uccisi, scomparsi o incarcerati.

A Cizre abbiamo potuto osservare, guidati da membri delle associazioni cittadine, distruzioni mirate di quartieri abitate da kurdi.

A Istanbul, presso l’Associazione Goc-Der (associazione profughi) e IHD (associazione dei diritti umani) ci hanno descritto un quadro generale della tremenda situazione del Kurdistan turco che successivamente abbiamo potuto riscontrare a Cizre e poi a Van.
A Van, ci ha poi raggiunto un membro di Meya-Der (Associazione dei martiri) di Iuksekova che ci ha illustrato la situazione di questa città quasi al confine con l’Iran.

A Cizre, il coprifuoco è iniziato il 14-12-2015, ventiquattr’ore su ventiquattr’ore, ed è durato settantanove giorni. E’ passato poi a venti ore e attualmente è in vigore dalle ore 23 alle 5 del mattino.
In città, si vedono in continuazione blindati nelle strade e ci dicono che qui sono stanziati 10 mila soldati turchi che ora in parte operano a Sirnak.

A Cizre i morti accertati dall’inizio del coprifuoco sono stati 258 (tutti civili) di cui 50 donne e alcuni bambini. Poi ovviamente, ci sono i “dispersi”. Gli edifici della città distrutti dai bombardamenti e dalle cannonate sono stati oltre 3 mila. Sono stati uccisi 80 giovani venuti dalle periferie per protestare contro questo massacro.

Gli abitanti sono rimasti senza luce e senz'acqua per 45 giorni e senza gas per il riscaldamento per 30 giorni. Molti corpi straziati sono stati sepolti insieme alle macerie dei palazzi distrutti e poi spianati dalle ruspe. Per sei mesi è vietata la ricostruzione delle case, ma poi arrivano i mesi invernali e, di fatto, tutto resterà fermo per più di un anno!

Molti corpi risultano bruciati perché l’esercito turco, supportato dai servizi segreti e da squadre di mercenari, ha incendiato gli edifici e le cantine dove queste persone si erano rifugiate dopo l’improvviso e ingiustificato attacco.

Lo scopo dei governanti turchi – ci viene detto - è quello di costringere la popolazione kurda a fuggire dalle loro zone devastate e sostituirla con altre etnie (arabi, ceceni ecc.) e, in modo particolare, con i profughi siriani cui sarebbe riconosciuta la cittadinanza turca in vista delle prossime elezioni, cercando così di ridimensionare il ruolo dell'HDP, il partito filokurdo, che, nell'area, ha la maggioranza dei consensi.

Una vera e propria pulizia etnica con il complice silenzio dell'Europa.

La nostra associazione ha consegnato, per le famiglie delle vittime, un primo contributo di aiuti, di 10 mila euro

I rappresentanti della municipalità di Cizre, cui il governo ha tolto quasi tutte le competenze tranne la pulizia delle strade, ci dicono che attualmente la situazione vissuta a Cizre, si sta vivendo in altre località, nello specifico nelle città di Sirnak e di Nusajbin, rispetto alle quali non si hanno notizie precise essendo in atto il coprifuoco totale, con le due città assediate dall’esercito turco.

La città di Van non è stata ancora colpita, ma i rappresentati della municipalità temono che possa succedere ciò che è successo a Cizre. Il rappresentante di Juksekova ci dice che anche nella sua città c’è stato il coprifuoco per 86 giorni, esattamente dal 21.2.2016.

Dal giugno 2015, sono state uccise 837 persone e ben 516 nel solo periodo del coprifuoco (152 guerriglieri, più 364 civili), qui i palazzi distrutti sono stati 412.
A differenza di Cizre colpita di sorpresa, a Juksekova si è organizzata una resistenza; infatti, si parla anche di 400 soldati uccisi.

A Van, dove sono state consegnate le borse di studio alle ragazze del progetto “Berfin”, c’è però molta tensione.

Da capodanno, ci sono stato 40 uccisioni di civili e nei due giorni di nostra permanenza a un chilometro dalla città c’è stato un primo attacco dell’esercito turco che ha uccisi due guerriglieri, un dirigente politico e ferito gravemente un altro uomo, un civile. A questo, ha fatto seguito, il giorno successivo, un attentato a un blindato turco con sei militari uccisi.

Anche a Van, ci è stato riconfermato dai nostri interlocutori kurdi, il disegno del governo turco: costringere i kurdi a lasciare le loro abitazioni, le loro città, il Kurdistan e disperdersi nelle grandi città turche e in giro per il mondo e così sostituirli con persone di altre etnie e profughi siriani, al fine di recidere le radici sociali e culturali di un popolo, fiaccando e stroncando le loro lotte per la libertà e per una vera democrazia.
 
Noi continueremo a raccogliere i contributi a sostegno delle vittime della città di Cizre fino a fine anno 2016.

Il conto corrente per la raccolta fondi è il seguente: Cariparma - IBAN intestato a Mediazione IT35 N062 3010 4300 0004 65398

- tutto il 5 x 1000 che raccoglieremo quest'anno, servirà a finanziare il sostegno delle vittime per la città di Cizre
22/06/2016
Delegazione nel Kurdistan turco di: Associazione onlus Verso il Kurdistan Rete Kurdistan Italia - redazione@alessandrianews.it







blog comments powered by Disqus


"Non azzardatevi!": dalla Cisl una nuova indagine, preoccupante, sulla ludopatia

Alessandria | Secondo i dati della ricerca, sarebbero almeno 3450 le persone già dipendenti dal gioco in provincia, ma i numeri salgono a 14 mila se si conteggiano anche i giocatori a rischio. Ad Alessandria le giocate procapite calcolate per il 2017 contano la spaventosa cifra di 1554 euro, per un totale di oltre 145 milioni di euro giocati. Ecco tutti i dati

Inaugurato il progetto "Lara": gli amici a 4 zampe entrano in Ospedale

Alessandria | Iniziativa di umanizzazione resa possibile grazie alla Fondazione Uspidalet Onlus, che ha visto la risistemazione del giardino interno dell'Ospedale, ora ricco di verde, con un dehor e box in cui incontrare i propri amici animali, oltre a un piccolo spazio in cui poter coltivare piante e fiori

Le persone al primo posto: Cambalache a Ginevra per il suo impegno con i rifugiati

Alessandria | Si è aperto l'incontro mondiale dedicato alle ong partner dell'UNHCR - Agenzia ONU, dal titolo: “Putting People First”. Alessandria è rappresentata da Cambalache e dal suo progetto Bee My Job, finanziato dalla fondazione SociAL e finalizzato all'inserimento lavorativo dei migranti nel settore dell'apicoltura

Quando arriverà da noi il cocktail più buono del mondo?

Alessandria | Si chiama Angelot, è un cocktail che non esiste, ma in altri Paesi una ragazza può essere ordinato al bancone di un bar o in discoteca se si trova in difficoltà, sta ricevendo molestie e vuole sottrarsi da una brutta situazione. Medea: "felici di sostenere il progetto, ma non dimentichiamo che il pericolo maggiore è in ambito domestico"

Brumotti in città: visita a sorpresa presto l'Ospedale Infantile

Alessandria | Il viaggio per l’Italia di Brumotti ha fatto tappa anche all’Ospedale Infantile di Alessandria. Un po’ a sorpresa, il noto biker televisivo, che ha legato il suo progetto ad una iniziativa di raccolta fondi per l’Associazione Famiglie SMA, ha salutato operatori e i ricoverati del Cesare Arrigo