Alessandria

Torna lo spettacolo di Natale della Fondazione Uspidalet: grandi artisti e il 100% del ricavato alla Casa Amica

In collaborazione con Radio Rai, l'ormai tradizionale concerto di Natale, giunto all'ottava edizione, si terrà al teatro alessandrino venerdì 23 novembre. Di grande fascino gli artisti che parteciperanno, con l'obiettivo di unire più generazioni. Il ricavato servirà per migliorare il lavoro d'eccellenza finalizzato a percorsi di riabilitazione

ALESSANDRIA - Dolcenera, Elodie, il maestro Vince Tempera con Marzia Bi, Enrico Nigiotti sono i nomi dei primi artisti confermati sul palcoscenico del Teatro Alessandrino per l’8° edizione dello “Spettacolo di Natale” della Fondazione Uspidalet Onlus, in collaborazione con RADIO RAI.

L’appuntamento è fissato per venerdì 23 novembre alle ore 21 e la conduzione della serata è affidata a Gianmaurizio Foderaro, brillante conduttore radio televisivo, giornalista di RADIO RAI, primo socio onorario della Fondazione Uspidalet che, anche quest’anno, si è prodigato per portare ad Alessandria un cast di artisti di altissimo livello che si esibiranno a titolo gratuito per sostenere il progetto “Casa Amica” della Fondazione Uspidalet.

“Per la Rai essere a fianco della Fondazione Uspidalet per Casa Amica è la migliore espressione di servizio pubblico che si possa dare – ha sottolineato Gianmaurizio Foderaro confermando che anche quest’anno, lo Spettacolo verrà registrato e trasmesso in tutta Italia da RADIO RAI nel periodo natalizio.

L’anteprima dello Spettacolo è stata presentata nel corso di una conferenza stampa che si è svolta nella sala “Moncalvo” dell’Azienda Ospedaliera di Alessandria alla presenza di autorità, rappresentanti del mondo imprenditoriale e benefattori della Fondazione.
E’ stata la presidente dell’Uspidalet, Alla Kouchnerova, a porgere il saluto di benvenuto agli ospiti: “Lo Spettacolo di Natale – ha dichiarato - continua ad essere il “carburante” che alimenta lo sviluppo del progetto “Casa Amica”, fiore all’occhiello della tecnologia al servizio della riabilitazione ed è a Gianmaurizio Foderaro che dobbiamo grandissima riconoscenza per l’impegno che ogni anno dedica, a titolo assolutamente gratuito, a questa iniziativa riuscendo a coinvolgere artisti nazionali e internazionali che salgono sul palcoscenico dell’Alessandrino per puro spirito di amicizia e di solidarietà. Come sapete, - ha proseguito Alla Kouchnerova - la nostra Fondazione non deroga mai da una sua regola “cardine” che è motivo di assoluta garanzia per i nostri benefattori: tutto il ricavato dello Spettacolo viene devoluto al 100% al progetto “Casa Amica” a cui INSIS SPA, che ringrazio calorosamente, fornisce la più moderna tecnologia. Ecco allora il ruolo fondamentale dei nostri sponsor che ci aiutano a sostenere le spese legate alla manifestazione e in particolare quelle riferite a logistica, accoglienza, SIAE, spese tecniche e ovviamente l’affitto del Teatro”.


Il ringraziamento più sincero della Presidente è andato agli “amici” della Fondazione, ossia enti, associazioni, imprese e privati – come Banco BPM, Gruppo AMAG, Bioindustria L.I.M., Camera di Commercio e Centrale del Latte di Alessandria, Confederazione Italiana Agricoltori, Elah Dufour, Paglieri Spa, Riseria Vignola Giovanni Spa, azienda agricola “La Colombera - che con il loro contributo rendono possibile la realizzazione dello Spettacolo.

E’ stato il Direttore Sanitario dell’Azienda Ospedaliera di Alessandria, Daniela Kozel a sottolineare l’importante ruolo che la Fondazione Uspidalet continua a svolgere per il miglioramento di apparecchiature e strutture dei tre presidi dell’ospedale e l’impulso fornito al Centro Riabilitativo Borsalino di cui “Casa Amica” è parte fondamentale del percorso riabilitativo dei pazienti.
Pieno sostegno al progetto anche da parte dell’Amministrazione Comunale di Alessandria rappresentata dall’assessore ai Servizi alla persona e politiche sociali, Piervittorio Ciccaglioni.

“CASA AMICA è un “luogo riabilitativo” che permette di svolgere il progetto di recupero funzionale con una completezza rara in ambito ospedaliero sul territorio nazionale - ha precisato il Direttore del reparto di NEURORIABILITAZIONE del presidio “Borsalino”, dottor Luca Perrero e ha proseguito - un ambiente domestico all’interno dell’Ospedale dove “collaudare” le proprie capacità funzionali riabilitate durante la degenza presso il Borsalino che permette di far emergere il recupero di alcune funzioni e dare sicurezza al paziente ed alla famiglia in prossimità della dimissione. Permette d’altro canto di individuare aree critiche su cui bisogna ancora lavorare per ottenere la massima autonomia possibile. Viene inoltre utilizzata come “laboratorio di cucina” con settimanali sedute di utilizzo per i nostri pazienti. Come ogni “luogo riabilitativo”, CASA AMICA è in continua evoluzione e recentemente è stata rinnovata ed incrementata con nuovi dispositivi di domotica, ma è anche un vero laboratorio di ricerca scientifica per lo sviluppo di tecnologie avanzate e procedure gestionali grazie all’interazione tra professionisti con caratteristiche molto differenti. Mi preme, infine, ricordare che è ormai una realtà consolidata e sono oltre 200 i pazienti e le relative famiglie finora ospitati”.
Alla conferenza stampa hanno portato le loro esperienze anche i parenti di pazienti che hanno usufruito dell’ospitalità di Casa Amica.

La tecnologia è quella di INSIS SPA, azienda specializzata nella progettazione e realizzazione di sistemi multi tecnologici, rappresentata dal direttore generale, ingegner Giancarlo Cicalini che ha fatto il punto della situazione sullo stato dell’attività in corso “Ad oggi il progetto Casa amica rimane senz’altro una eccellenza a livello nazionale e questo rappresenta per noi una grande soddisfazione, frutto del lavoro svolto e della sinergia sviluppata tra i partners. Da ora in avanti il nostro compito è consolidare le funzionalità del sistema, in modo da trarre il massimo rendimento dalle infrastrutture tecnologiche presenti nella Casa.”

La macchina organizzativa dello “Spettacolo di Natale 2018” è partita e ora inizia la prevendita dei biglietti presso: Ottica Ottobelli (via dei Martiri, 2 AL), L’officina dell’occhiale (corso Roma 86 AL), La sartoria dei Viaggi (piazza Garibaldi, 20 AL), presso la biglietteria del Teatro Alessandrino, via Verdi, negli uffici dell’Informagiovani (portici del municipio di Alessandria) e della Fondazione Uspidalet in via Venezia 16 AL – lunedì/venerdì dalle 9.30 alle 14.

I biglietti sono tutti numerati: platea 1° settore euro 50 – 2° settore euro 30 – Galleria euro 20.



 
23/10/2018







blog comments powered by Disqus


Verso il primo Pride alessandrino, Cuttica: "favorevole al patrocinio del Comune"

Alessandria | L'associazione Tessere le Identità pronta a organizzare in estate un'iniziativa contro ogni forma di discriminazione, coinvolgendo tante realtà del territorio. Dal sindaco apertura per sostenere l'iniziativa: "giusto farlo, spero venga portato vanti senza urtare la sensibilità di altri soggetti ed evitando gli aspetti più folcloristici"

"Il gusto della solidarietà": giovedì 6 dicembre la cena per sostenere un progetto musicale in carcere

Alessandria | A preparare la cena di beneficienza, dal menù gourmet, saranno gli stessi ospiti degli Istituti Penitenziari alessandrini, con lo scopo di raccogliere fondi per finanziare un interessante progetto dedicato alla musica in carcere, realizzato con il sostegno del Conservatorio Vivaldi e di Franco Mussida

"Muoversi senza barriere": il Cissaca punta su sport e integrazione, insieme a tante realtà del territorio

Alessandria | Il 10 dicembre si terrà un incontro al Punto D del Cristo per presentare i primi progetti sul territorio: l'obiettivo del Cissaca è fare rete per offrire numerose occasioni alle persone con disabilità sia motoria che intellettiva per fare sport e accedere ad attività inclusive, puntando sulla forza del team e del gioco di squadra

Firmato accordo tra Cia, Coompany e Istituto penitenziario: i detenuti a scuola di agricoltura

Alessandria | L'accordo consentirà ai detenuti più meritevoli di seguire corsi professionalizzanti svolti all'interno del carcere per acquisire competenze in ambito agricolo direttamente spendibili nel mondo del lavoro una volta scontata la pena

Artiviamoci: festival delle arti recluse per scoprire due quartieri "particolari" della città

Alessandria | Dal 7 al 16 dicembre la città ospiterà il la rassegna "Artiviamoci - Le mani e le arti" dedicata alle attività svolte all'interno delle due carceri alessandrine, da poco riunite formalmente sotto un unico istituto. Dalla pittura all'arte contemporanea, dalla fotografia al teatro, ecco il programma degli eventi pensati per osservare il carcere sotto una nuova luce