Società

Un invito a cena per “sconfinare” dai luoghi comuni

Torna l'appuntamento con "Indovina chi viene a cena", esperienza alla portata di tutti per passare una serata alternativa, ospiti dei richiedenti asilo, un'occasione speciale per verificare quanto siano sbagliati e ottusi alcuni pregiudizi. Il prossimo evento è previsto per sabato 21 gennaio

ALESSANDRIA - Di confini ce ne sono tanti, troppi. Ci sono quelli che dividono i Paesi l’uno dall’altro, protetti da muri e da recinzioni di filo spinato. Ci sono i confini che noi tracciamo intorno agli altri, che gli altri tracciano intorno a noi. Anche questi dividono, separano.

Anche di etichette ce ne sono tante, affibbiate a caso, per distinguere, creare differenze tra “chi sono io e chi sei tu”. Ma quella di “sconfinatore” è un’etichetta da incollarsi addosso con orgoglio.

Sconfinare significa oltrepassare un limite imposto. Vuol dire raggiungere nuove mete, incontrare luoghi e persone, arricchire il proprio bagaglio di conoscenze.

Per diventare “sconfinatori”, a volte, non serve nemmeno un passaporto. Basta accettare un invito a cena. Da parte di chi? Non si sa.

Lo prevede la formula di “Indovina chi viene a cena?”, un’iniziativa ideata dalla Rete Italiana di Cultura Popolare a cui APS Cambalache ha aderito. Non è possibile scegliere il paese o la cucina preferita, ci si lascia guidare e per una sera si incontrano persone che ancora non si conoscono.

Il giorno dell’appuntamento viene comunicato l’indirizzo a cui presentarsi. Qui una famiglia aprirà la porta della sua casa introducendo gli ospiti nel proprio mondo. Il menu, ovviamente, è a sorpresa. Al fine di creare un piccolo circuito di economia solidale e contribuire alle spese sostenute, gli ospiti dovranno versare un’offerta, preferibilmente non minore di 15 € a testa, direttamente alle famiglie, in busta chiusa all’inizio della cena.

Ad Alessandria, il prossimo evento è sabato 21 gennaio. All’indirizzo che sarà comunicato ai partecipanti corrisponde uno degli appartamenti in cui vivono i richiedenti asilo accolti dall’Associazione.

Un invito a cena che offre l’opportunità di ascoltare lingue diverse, annusare i profumi e gustare i sapori che arrivano dall’altra parte del Mondo. Quella parte del Mondo che per noi rappresenta sofferenza, guerra, violenza, miseria. Bisogna sconfinare, però, per scoprire che è anche vita. La vita di un giovane che oggi abita nella “porta accanto”, della sua famiglia ritratta in innumerevoli foto conservate sul cellulare, degli amici e dei compagni incontrati durante il viaggio.

Per aderire è necessario prenotare al numero 339 8012937 (Francesca), o via mail all’indirizzo: franceska7@libero.it
19/01/2017







blog comments powered by Disqus


StrAlessandria: per la prima volta sarà consentito a detenuti di correre la gara tradizionale

Alessandria | Chi è autorizzato a lavorare all'esterno del carcere potrà eccezionalmente partecipare alla StrAlessandria correndo per le vie cittadine insieme al resto degli alessandrini,, per "un'occasione di sport e integrazione straordinaria"

Uwa che non chiede l'elemosina in città

Alessandria | In silenzio, da qualche giorno, c'è un uomo che pulisce gratuitamente le strade dall'erba e lavora per migliorare l'aspetto della città. Si chiama Owa Onaiwu, cerca un lavoro, e nel frattempo chiede se potete aiutarlo donandogli scope, ramazze e sacchetti.

Nonostante tutto, Alessandria fiorisce [FIORI E SOLE]

#alessandriabella | Una galleria fotografica speciale e un grande augurio primaverile per tutti i cittadini di Alessandria. In bocca al lupo, #alessandriabella

L'8 marzo delle ragazze sulla strada: "una mimosa anche per loro"

Alessandria | Un caffè caldo e una mimosa, questo è stato il piccolo dono portato con il servizio notturno dalla Comunità San Benedetto al Porto alle ragazze che in città si prostituiscono la notte in strada, un gesto semplice per sottolineare che anche loro sono donne da rispettare. "Molto conoscevano il significato della ricorrenza"

"Afs effect": quando un'esperienza all'estero ti cambia la vita

Intercultura | Scopriamo questo fenomeno comune fra chi ha avuto l'occasione di studiare per un periodo lontano dal proprio paese: un processo di reazione a catena potenzialmente infinito che nasce dall'incontro di persone e culture e le connette profondamente